FoggiaManfredonia
Nota stampa

Ghetto immigrati, domani la distribuzione di 90 materassi ai migranti

Dopo il provvedimento di sequestro della magistratura, nel “Ghetto” risiedono ancora circa 500 lavoratori, in situazioni di fortissimo disagio

Di:

Foggia, 19 aprile 2016 – Domattina l’Anolf Cisl di Foggia provvederà alla distribuzione di 90 materassi ai residenti del “Ghetto” ubicato nelle campagne tra San Severo e Rignano Garganico. “Grazie alla donazione dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, all’impegno della ONG Solidaunia ed alla disponibilità dei nostri volontari, metteremo in atto – afferma Diego de Mita, presidente provinciale dell’Anolf Cisl – un piccolo gesto di solidarietà a favore di questi lavoratori ancora fortemente disagiati. La situazione è ulteriormente peggiorata a seguito dell’incendio verificatosi nel mese di febbraio 2016; per questo motivo, qualsiasi gesto di solidarietà può dare grande conforto e sostegno morale a questi lavoratori”.

Dopo il provvedimento di sequestro della magistratura, nel “Ghetto” risiedono ancora circa 500 lavoratori, in situazioni di fortissimo disagio. “Le condizioni socio-sanitarie sono sempre al limite della sopravvivenza umana – riferisce de Mita- per questo rinnoviamo l’appello a tutte le Autorità competenti, agli Enti, alle associazioni ed a tutte le persone di buona volontà affinché si attivino per risolvere la situazione ed andare incontro alle gravi sofferenze di queste persone, che meritano un contesto di vita dignitoso. Da parte nostra, continueremo a dare la massima attenzione alle problematiche dei lavoratori del Ghetto e di tutti i lavoratori immigrati nel nostro territorio – afferma il presidente provinciale dell’Anolf Cisl – che rappresentano in molti casi gli invisibili di questa società e di questa terra, che deve, con il sostegno della Regione Puglia, riuscire a cancellare definitivamente questa triste pagina della storia pugliese e della Capitanata”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This