Manfredonia
Questo fenomeno manifesta difficoltà socio-relazionali sia dei "bulli",

Manfredonia, conferenza sul Bullismo e Cyberbullismo

"Solo se si riuscirà a superare questo tanto diffuso bullismo, si potrà sperare in una società migliore, in cui prevalga la tolleranza verso la diversità!"

Di:

Manfredonia. “Il bullismo è una delle grandi piaghe della nostra società, sempre più diffuso tra i giovanissimi, ed anche tra i bambini della scuola elementare. Questo fenomeno manifesta difficoltà socio-relazionali sia dei “bulli”, che cercano di prevalere sugli altri con la violenza fisica o verbale, umiliando e insultando i più deboli, ma anche delle “vittime” ,che, per paura, sono costrette a subire, emarginandosi sempre di più. La causa che contribuisce a determinare questo fenomeno, è da ricercarsi non solo nella personalità dei giovani bulli, ma anche nei modelli familiari a cui si ispirano, negli stereotipi imposti dai mass media, nella società di oggi, troppo disattenta alle relazioni sociali. Oggi si nota che, da un lato, i giovani sono sempre più arrabbiati, autonomi, spesso aggressivi; dall’altro, sono però emozionalmente fragili, bisognosi di protezione. Il bullismo è da combattere radicalmente, per poter crescere in armonia con se stessi e con gli altri, rinforzando la stima che ognuno di noi deve avere, non solo verso se stesso, ma anche verso chi ci sta accanto, affinché la cultura e le abitudini “collaborative” ,prendano il sopravvento sulla cultura della sopraffazione, della prepotenza e della violenza. Solo se si riuscirà a superare questo tanto diffuso bullismo, si potrà sperare in una società migliore, in cui prevalga la tolleranza verso la diversità!”

Giulia Rita D’ Onofrio e Francesca Finizio – Ufficio Stampa “Premio Internazionale di Cultura re Manfredi”

Manfredonia, conferenza sul Bullismo e Cyberbullismo ultima modifica: 2016-04-19T09:46:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi