FoggiaManfredonia
"Altro che nuovo servizio, altro che conquista"

“Il nuovo Foggia – Roma, una vittoria di Pirro”

"Contestualmente sarebbe utile, perché necessaria, una ricognizione complessiva per valutare quali innovazioni di treni proporre, nel frattempo, per collegare il resto della Puglia e la Basilicata a Foggia"

Di:

Foggia. “Altro che nuovo servizio, altro che conquista, il nuovo collegamento ferroviario Foggia-Roma rischia di essere una vittoria di Pirro”. E’ critica la posizione della Fast Confsal di Capitanata in merito al nuovo collegamento con la Capitale fissato per le ore 5,30, a partire dal prossimo 11 giugno. “Apprezziamo la possibilità offerta di arrivare a Roma sin dalla prima mattinata, in un orario compatibile con lo svolgimento delle più diverse attività – dice la segreteria della Fast – ma il treno lascerà a terra centinaia di potenziali viaggiatori della stessa Capitanata, oltre che delle vicine province ”.

La Fast Confsal, infatti, rileva che la fascia oraria scelta, non permetterà una facile fruizione del servizio dal resto del territorio, non essendoci collegamenti veloci che permettano di raggiungere agevolmente il capoluogo dauno nelle prime ore del giorno. La Fast Confasl torna a ribadire la necessità di approfondire la proposta progettuale di revisione del sistema ferroviario sulla rete TEN-T con integrazione delle varie reti effettuata dal Comune di Foggia e che prevede una riduzione degli attuali tempi di percorrenza da e per Napoli/Roma di circa 10′ per i treni Frecciargento e di 15′ per gli Intercity per tutte le relazioni da e per la Puglia, senza considerare le ulteriori riduzioni che si avranno con le attivazioni per i nuovi tratti di linea ancora con lavori in corso.

“Contestualmente sarebbe utile, perché necessaria, una ricognizione complessiva per valutare quali innovazioni di treni proporre, nel frattempo, per collegare il resto della Puglia e la Basilicata a Foggia. Un collegamento che consenta un più ampio utilizzo rispetto alla nuova relazione Foggia-Roma” dice la Fast Confsal, che aggiunge “A proposito di linea AV/AC, quel che ci aspettiamo è la realizzazione di un sistema di integrazioni di servizio nei nodi e accessibilità/integrazione territoriale non solo dei punti terminali. In sostanza, si tratta di quanto previsto dal programma Puglia Corsara, proposta dal compianto assessore Guglielmo Minervini”.

La Fast, chiede un incontro, in tempi brevi, con Regione Puglia, sottolinea la necessità di intensificare il dialogo tra il Gruppo FSI e gli Enti Locali di prossimità “E’ l’unico mezzo per ascoltare i territori, accogliere le istanze dei cittadini e delle forze sociali pugliesi e riuscire a mettere a punto una programmazione dei servizi, ferroviari e non, aderente alle esigenze del nostro territorio” conclude la Fast.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Manfredonia e il gargano snobbate

    agli oltre 100 mila abitanti del Gargano e piè dle Gargano non porterà alcun beneficio (Manfredonia – Monte Sant’angelo e Mattinata) e d’estate quasi 150.000..e solo propaganda..a meno che non si attivano i treni e comunque corse di bus con partenza dal Gargano alle 0re 04,00 e da Manfredonia alle 04,30..


  • Giulio Andreozzi

    Propaganda elettorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi