GarganoManfredonia

Randagismo, appello ENPA al Comune di San Giovanni Rotondo


Di:

San Giovanni Rotondo. È allarme a San Giovanni Rotondo: aumento cani randagi, cuccioli abbandonati e cani di proprietà incustoditi. L’indignazione spopola! L’appello disperato dei volontari ENPA alle autorità e alla popolazione: restituiamo una dignità a queste povere creature!

Un piccolo gruppo di cittadini, da mesi si è riunito per cercare di risolvere o quanto meno ridurre, una problematica che attanaglia l’intera città. “Volontari” che, per la maggior parte, con le sole e proprie forze fisiche ed economiche aiutano le povere creature di cui riescono ad occuparsi, per una difficile condizione generata dall’incuria dell’uomo.

Per aver voce in capitolo e dialogare con le autorità, lo scorso Settembre, i volontari aprono la sezione ENPA di San Giovanni Rotondo, chiedendo poco dopo un tavolo tecnico con l’amministrazione, la polizia municipale e l’ASL locale così da trovare un modo per arginare, quanto meno, la preoccupante situazione del randagismo.

Nel mese di Febbraio, l’ENPA viene invitata ufficialmente per discutere con gli organi preposti, dell’emergenza “randagismo” e di tutte le spiacevoli conseguenze igienico-sanitarie, di sicurezza ed economiche:
 il numero di cani randagi che giungono dalle zone rurali limitrofe della città aumenta vertiginosamente con conseguente formazione di branchi;
 cani abbandonati privi di microchip e non sterilizzati;
 nascita incontrollata di altri cani randagi che in maniera esponenziale proliferano sotto i nostri occhi;
 aumento di casi di cani vaganti investiti e/o in stato di malessere per cui bisognosi di pronto soccorso;
 cani di proprietà liberi di passeggiare per le strade del paese senza custodia, fonte di pericolo per chi – diligentemente e civilmente – porta a passeggio il proprio animale d’affezione con guinzaglio;
 cani di proprietà non identificabili poiché privi di microchip di riconoscimento, liberi di fare i loro bisogni in ogni dove, non sterilizzati e quindi liberi di accoppiarsi e contribuire all’aumento del randagismo nella città;
 molto spesso i proprietari di questi cani, terminata la gravidanza del loro animale domestico, decidono di abbandonare i cuccioli appena partoriti in cartoni o buste della spazzatura oppure, nel peggiore dei casi, come verificatosi proprio nella nostra beneamata e santa città, decidono di terminare la loro piccolissima vita “sbattendoli”.

Randagismo, appello ENPA al Comune di San Giovanni Rotondo ultima modifica: 2017-05-19T11:28:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi