AttualitàStato prima

Bossetti: mai vista Yara; mio Dna su leggins? Non me lo spiego

Di:

Bergamo – “SONO totalmente estraneo“. Nel tardo pomeriggio del 26 novembre 2010, quando Yaraè scomparsa, lui si trovava “a casa”. E’ quanto detto da Massimo Giuseppe Bossetti, l’uomo ritenuto responsabile dell’omicidio della 13enne di Brembate, nuovamente interrogato in carcere dal gip di Bergamo. Come riferito dal legale dell’uomo, Bossetti “ha risposto a tutte le domande” che gli sono state rivolte.

L’uomo ha spiegato che il suo telefono cellulare era inattivo dal tardo pomeriggio del 26 novembre 2010 alla mattina successiva perché “scarico”. Inoltre, Bossetti avrebbe appreso solo stamani di essere figlio illegittimo di Giuseppe Guerinoni. Per la convalida del fermo, il gip di Bergamo scioglierà la riserva nelle prossime ore.

Fonte image: ilfattoquotidiano

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi