Manfredonia
"Vi sono stati errori nella progettazione dei lavori? Vi sono state delle modifiche tra il primo, secondo e terzo lotto funzionale?".

“Corso Manfredi, maledette canaline: si scivola’ (LA POSTA DEI LETTORI)

"Mi chiedo: cosa si può fare adesso? Le canaline si possono sostituire?"

Di:

Manfredonia – ”BUONGIORNO Statoquotidiano, vi chiedo di pubblicare questa riflessione: le canaline realizzate nell’ambito dei lavori per il ‘Recupero ambientale e restauro pavimentale di corso Manfredi‘ sono scomode per lo struscio dei manfredoniani. Dal mio punto di vista potevano essere sostituite da una dolce pendenza data dalla pavimentazione centrale con il raccordo dei marciapedi nuovi. Si prenda ad esempio un tratto del ‘nuovo’ Corso nei pressi della Chiesa Stella. Sempre secondo la mia opinione, le canaline in questione sono pericolose perchè profonde tanto da rendere poco agevole la passeggiata nei vari tratti del Corso. Non sono mancati casi, per quanto mi è dato sapere, di cadute dei cittadini con ricorso alle cure sanitarie. Vi sono stati errori nella progettazione dei lavori? Vi sono state delle modifiche tra il primo, secondo e terzo lotto funzionale?”.

“Ulteriore annotazione, sempre relativamente ai citati lavori di ristrutturazione, è per il cordolo regolatore messo alle estremità del Corso che fiancheggia gli accessi delle attività commerciali. Dal mio punto di vista, invece di essere stato messo a livello della pavimentazione fuoriesce di circa 2 centimetri. Il tutto crea disagio nell’entrare e nell’uscire dalle varie attività commerciali.

Mi chiedo: cosa si può fare adesso? Le canaline si possono sostituire? Andrebbero colmate con della resina o con del materiale idoneo o la mia è una considerazione errata? Il Comune è assicurato in caso di incidenti ai pedoni? Si può intervenire o quantomeno avere una risposta alle mie riflessioni? Grazie”. (Franco, Manfredonia 19 giugno 2015 – “La posta dei lettori”).

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • ANTONIO

    BUONA SERA A TUTTI.. HO APPENA LETTO IL VOSTRO ARTICOLO OVVIAMENTE DICO APRITE GLI OCCHI QUANDO CAMMINATE NN GUARDATE SEMPRE I TELEFONI O QUELLO CHE FA LA GENTE PER SPARLARE GUARDATE DOVE METTETE I PIEDI E VEDRETE CHE NN CADETE E POI UN’ALTRA COSA CERCATE DI NN SCRIVERE DETERMINATE COSE PERCHE’ SI CONTINUA A SPUTARE NEL PIATTO DOVE SI MANGIA NN STATE SEMPRE A GIUDICARE E RIDIRE SEMPRE LE STESSE COSE PERCHE’ AVETE SINCERAMENTE STANCATO E DICO E LO RIDICO SEMPRE VIVA LA CITTA’ DI MANFREDONIA MA NN I CITTADINI …


  • Luca

    Sinceramente anche con tanta attenzione costituiscono un grande pericolo, soprattutto per anziani e bambini.


  • pietro

    sono stato presente ad un incidente di questo tipo avvenuto ad una signora sulla sessantina nei pressi della chiesa del carmine qualche giorno fa. LE CANALINE NON LE POTEVANO FARE COME QUELLE FATTE PRESSO LA VILLA.
    Inoltre servono allo scolo dell’acqua piovana, MA QUALCUNO SI E’ ACCORTO CHE QUESTI SCOLI SONO TUTTI OTTURATI E NESSUNO FA NIENTE PER LIBERARLI DALL’IMMONDIZIA, SOPRATTUTTO GLI OPERATORI ECOLOGICI.


  • pollice sipontino

    A proposito delle canaline, è vero che finiscono non direttamente in tubazione ma in un sifone , DOVE L’ACQUA RISTAGNA ED EMANA CATTIVI ODORI (chiedere ai commercianti ivi ubicati)???????????????? Se è vero chi è stato tale SCIENZIATO????????


  • Wu Ming 189°

    A proposito delle canaline, io preferisco i canalicchi.


  • svolta

    Effettivamente sono una minaccia per determinate categorie di persone e di chi magari, in questo particolare periodo ha sandali a zeppole alte.
    Poi c’è il problema dello scolo dele acvque meteoriche e relativi inghittitoi…. è il caso di dire che a Manfredonia questi accorgimenti li fanno tanto per ….
    In effetti essi sono presenti diffusamente non solo per il corso e risultano intasati non servendo allo scopo, anzi a pensarci bene anche le più grandi griglie in diversi punti della città sono intasate.
    Qualcuno, tempo a dietro ebbe a dire, in simili circostanze, che andava istituito un servizio a ciclo continuo per la pulizia e l’efficendamento delle stesse… se non altro, alal fine se attuata, anche questa idea è una opportunità di lavoro per tanti disoccupati che non trovamno lavoro… il lavoro in questo caso c’è, sono i posti di lavoro che non si voglioo creare….
    Quindi anche questo è motivo di dare una svolta alle solite cose dette e ridette e che quindi finalmente qualche decisore ponga seria attenzione a quanto esposto da diversi cittadini su tali questioni che rappresentano dei disagi per la città ed i suoi cittadini.


  • ezio

    A me fanno schifo le chewingum che la gente mastica e poi con grande naturalezza le sputano a terra. Inciviltà e maleducazione da correggere prima delle canaline.


  • A.T.

    L’impiego di queste canaline non era necessario. Per la raccolta della pioggia bastava, come dice l’autore della lettera. un semplice raccordo tra la pavimentazione dei marciapiedi e quella della strada. Ma visto che ora sono lì in bella mostra bisogna evitare che facciano cadere le persone che inavvertitamente mettono i piedi sulle parti curve. Curiosamente queste canaline sono state lasciate con la superficie lucida e quindi sdrucciolevole (sembra quasi a dispetto per i pedoni) e invece andavano fin dall’inizio bucciardate come il resto del marciapiede. Per cui il mio consiglio alla P.A. è almeno quello di rendere la superficie delle canaline sufficientemente ruvide da evitare lo scivolamento soprattutto quando esse sono bagnate per la pioggia o per altri motivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi