Manfredonia

Epigrammi domenicani


Di:

EPIGRAMMI DOMENICANI

II

Dimme nu poche: che so’ ca te prote,
ca ne nge stè méje n’ore sote?
T’ànne misse ngudde quatte dete,
e nd’aggire cchjù u nnande e drete.
^^^
Ànne fatte a saveze nd’i vasètte,
ce ll’ànne puste pe fé cunzèrve…
ma parlanne pe tutte u respètte,
cume vanne i cose a qquà ne nzèrve.
^^^
Vide sèmbe a llore, lli stèsse facce,
i frecune, i mbrejéche e lli pagljacce,
ll’ànne capéte proprje nda llu mazze,
e chi lla stronghe cchjù quèsta razze?…

Pascalonia

Dimmi un po’, che cosa ti prende,/ perché non stai mai un’ora calmo?/Ti hanno posto addosso quattro dita,/ e non ti rigira più l’avanti ed il didietro.// Hanno fatto la salsa nei vasetti,/ la devono riporre per conserva,/ ma parlando con tutto rispetto,/ come vanno qui le cose non serve.// Vedi sempre loro, gli stessi visi,/ i freconi, gli ubriachi ed i pagliacci,/ li hanno scelto proprio dal mazzo/ e chi la elimina più questa razza?…

Epigrammi domenicani ultima modifica: 2017-06-19T09:37:53+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi