ManfredoniaMonte S. Angelo
"Io e tutta la mia famiglia, vuoi per le origini, vuoi per le vicissitudini, abbiamo sempre mantenuto un profilo molto basso"

Ciccone “Io tra le ‘vittime’ della campagna elettorale? Sciocche provocazioni”

"La mia forte apertura a Pierpaolo d’Arienzo nasce 'esclusivamente' dal desiderio di mettere a disposizione della mia città l’esperienza professionale che ho acquisito nell’ambito della pubblica amministrazione"


Di:

Monte Sant’Angelo, 19 giugno 2017.

Al Direttore di STATO QUOTIDIANO

Gentile Redazione, non sono un assiduo lettore della Vostra testata giornalistica, ma gli eventi elettorali della mia città, mi hanno indotto ad appassionarmi alla lettura degli articoli da Voi pubblicati, per l’evidente coinvolgimento personale. Il mio nome – Raffaele Ciccone – è stato più volte citato tra le “vittime” che la campagna elettorale di Monte Sant’Angelo avrebbe disseminato e “pare” (per utilizzare un termine che ricorre spesso nei vostri articoli e che denota evidenti incertezze) che la mia ambizione sia equiparabile a quella di Napoleone Bonaparte.

Gli articoli pubblicati ultimamente, a mio modesto parere, sono più delle sciocche e quantomai inutili provocazioni che diffusione di notizia ….. e non solo per quel che mi riguarda.

Ma andiamo per ordine.

La mia forte apertura a Pierpaolo d’Arienzo nasce “esclusivamente” dal desiderio di mettere a disposizione della mia città l’esperienza professionale che ho acquisito nell’ambito della pubblica amministrazione. Ho ritenuto che fosse giunta l’ora, anzi che fosse improcrastinabile, che ciascuno di noi – ognuno per le proprie competenze, dovesse adoperarsi per tentare di risollevare le sorti di Monte Sant’Angelo. E la mia disponibilità l’ho sottoscritta in bianco….. Nessuno poteva, né lo ha mai fatto, promettermi un incarico da ricoprire proprio perché i presupposti su cui è nata l’intesa sono completamente diversi da quelli che Voi state tentando di far passare….

Quanto al mio presunto “volto scuro” di cui riferisce il vostro articolo di qualche giorno fa, vorrei tranquillizzare l’autore del medesimo articolo: i valori sono tutti nella norma! Pensi che mia moglie è da oltre vent’anni che ogni mattina mi ripete di sorridere un po’ di più!

Veniamo ai presunti incarichi.

Staff del sindaco. E’ un ruolo che, anche se mi venisse offerto, non potrei accettare perché dovrei sottrarre troppo tempo alla mia professione!

Direttore generale. Dovreste sapere – ma evidentemente non avete avuto tempo per approfondire abbastanza – che i Comuni al di sotto di 15.000 abitanti non possono conferire l’incarico di direttore generale e questo lo stabilisce una fonte normativa che si chiama Testo Unico Enti Locali (Dlgs 267/2000), ovvero quella norma che, da qualche anno a questa parte, il Ministero degli Interni mi ha “chiamato a far rispettare”! E semmai ce ne fosse bisogno Vi invito a guardare qualche registrazione del Consiglio Comunale di Bari per comprendere in che modo!

Veniamo infine alla figura professionale che mi avete attribuito ovvero “Revisore dei Conti ragioniere”: il nostro ordinamento non contempla questa figura! Semmai ci sono i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, i Revisori Contabili, i Revisori degli Enti Locali, sul cui funzionamento, prerogative e requisiti professionali mi rendo disponibile a fornirVi tutte le necessarie “informazioni” quando avrete manifestato il buon senso di contattarmi di persona perché possiate resi edotti di fatti, notizie ed eventi che evidentemente “ignorate”!

Concludo: io e tutta la mia famiglia, vuoi per le origini, vuoi per le vicissitudini, abbiamo sempre mantenuto un profilo molto basso ed abbiamo fatto del “dare senza alcuna ambizione a ricevere” una filosofia di vita che ci ha ricompensato alla grande! In tal modo abbiamo deciso di continuare a vivere!

(Monte Sant’Angelo, lì 19/06/2017 – Raffaele Ciccone)

Ciccone “Io tra le ‘vittime’ della campagna elettorale? Sciocche provocazioni” ultima modifica: 2017-06-19T14:18:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Matteo

    Grande Raffaele, ci sono notizie e notizie. Si scrivono un sacco mi -.


  • michela g

    ottimo raffy, sei un mito!!!


  • Andrea

    Classico intervento di chi è rimasto deluso. Comunque sia credo sinceramente che il nostro Comune avesse bisogno di Ciccone e delle sue competenze​. Per questo me ne dispiaccio! Staremo a vedere chi prenderà il suo posto e se sarà una persona del suo livello di preparazione.


  • Antonio La Torre

    non è la prima volta che scrivono notizie lacunose e/o non …..


  • Tina

    Quanta rabbia in questa lettera. Poi rispettate i giornalisti siete solo democratici di nome. Oh la libertà di stampa va rispettata. A voi piacciono solo i giornali che non fanno sapere niente al popolo dei vostri giochetti alleanze con monte nel cuore. Meno male che sta Stato quotidiano.
    W la legalità W la libertà


  • Tina

    Comunque a parte questo posso dire che tutti dicono che sei competente .comunque meglio cosi per te perché girano già brutte voci su questa maggioranza PD monte nel cuore.non so se sono vere le voci.


  • A

    Antonio Fusilli ha da sempre -Raffaele Ciccone… Giocavamo a calcetto insieme…

  • Precisiamo a beneficio dei lettori e di chi ha mal interpretato il test, che è chiaro.
    Ciccone, come risulta in trasparenza sul sito del Comune di Bari, è “Revisore dei Conti” come qualifica e “Presidente del Collegio dei Revisori” come mansione. Non capisco perché nella sua lettera indirizzata a noi e pubblicata lui abbia detto che «Veniamo infine alla figura professionale che mi avete attribuito ovvero “Revisore dei Conti ragioniere”: il nostro ordinamento non contempla questa figura!» Forse avrà frainteso con il termine “ragioniere”, non ascrivibile alla carica di Presidente che ricopre, bensì a quella che si prefigurava come Direttore Generale del Comune, dove ci vuole una laurea. Speriamo che ora sia chiaro. Inoltre, l’Articolo 108 del TUEL (Dlgs 267/2000), sul conferimento e competenze in particolare al Direttore generale, è vero che non annuncia una tal figura nei comuni sotto i 15mila abitanti, ma è anche vero che il comma 3 dell’articolo suddetto lo prevede in quei comuni previa stipula di convenzione tra comuni le cui popolazioni assommate raggiungano i 15.000 abitanti. Ora, chi ci dice a noi se si era prefigurata una tal situazione? Certo è che qualcuno è stato contattato per quella figura e chi lo ha fatto, forse, non conosceva appieno il TUEL.
    Ovviamente a Ciccone va la mia stima e la disposizione per eventuali chiarimenti, giacché se è stata vittima lo deve solo ed esclusivamente a chi lo avrebbe voluto nella sua compagine comunale.


  • Ar

    O votarono figure di garanzia e dei supervisori, come il Commissario Cantadori!


  • Antonio

    “…e Ciccone è un Revisore dei Conti ragioniere”. Questo è riportato nel suo articolo…quindi, dott. Baratta, la prossima volta abbia almeno l’attenzione di non riportare due diverse definizioni, quantomeno nell’ambito dello stesso articolo…altrimenti, a parte Lei, è abbastanza facile “fraintendere”


  • Nardo

    Egregio Ciccone oggi e è uscita la giunta e lei non è assessore bilancio. Questo è un dato.
    Un’altra cosa hai detto che mettevano una persona competente e generoso che competenza a in materia di bilancio?
    Ti avevi competenza in materia di bilancio. Quindi per il bene di monte dovevano mettere te o una persona cone te. Ma al sindaco che li importa di mente basta che stanno al potere basta che stanno al potere con nigri Vincenzo Totaro detto mimo.
    Ormai monte e finita e in questi 10 giorni il sindaco non a fatto proprio niente e niente fara
    I capi settore stanno sempre la e il prefetto a chiesto ma il sindaco non li cambia.
    Povera monte


  • PETIZIONE PER COMMISSARIO GARANTE

    A MONTE SI PARLA TANTO CHE LA GENTE VUOLE IL COMMISSARIO GARANTE PERCHE DI LUI SI FIDA MA LA VECCHIA POLITICA FA FINTA DI NON SENTIRE LA GENTE PERCHE NON VUOLE ESSERE CONTROLLATA E FARE LE NEFANDEZZE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This