Editoriali

Ad un passo dal baratro

Di:

(triskel182.wordpress.com)

Manfredonia – LA disoccupazione in Italia continuerà ad aumentare non solo nel 2013 ma anche nel corso del prossimo anno. E nell’ultimo trimestre del 2014 arriverà al 12,6%, contro il 12,2% di fine maggio 2013. Lo prevede l’Ocse, nel suo Employment outlook, che sottolinea anche la preoccupante precarietà del lavoro dei giovani, sottolineando come uno su due nella fascia tra i 15 e i 24 anni non abbia un’occupazione stabile.”

Incubo di una notte di mezza estate. Il tempo è scaduto, se oltre il 50% dei giovani non riesce a trovare lavoro – neanche accontentandosi di incarichi meno idonei rispetto alle proprie competenze – siamo di fronte al fallimento totale di tutto il modello di società italiano. Il nostro “J’accuse” è ampio: politica, imprenditoria, sindacati, lavoratori e… elettori\cittadini.

I nodi vengono sempre al pettine, la situazione disastrosa in cui versa l’occupazione italiana ne è l’emblema. Incarichi affidati agli “amici di” senza le capacità minime per ricoprire quei ruoli, tassi di assenteismo sul posto di lavoro a livelli patologicamente alti, feticisti della cassa integrazione pronti ad espletare il loro “lavoretto in nero”… potremmo andare avanti per ore ed ore.

Tuttavia, va ancora tutto bene. I locali sono pieni, vestiti di marca a go gò, cambio della propria autovettura ogni anno come se si trattasse di cellulari (altra follia del consumismo), rifiuto di reimmissione nel modo del lavoro (miraggio per centinaia di migliaia di giovani) tanto c’è la cig in deroga. Però: ci sono gli evasori, ci sono le auto blu, ci sono i politici che sperperano denaro pubblico, ci sono i dipendenti pubblici sfaticati… e così via verso l’ennesimo scarica barile.

In questa fase storica non si tratta di essere di destra o di sinistra, né ci interessa parlare di ricchi o di poveri, né di raccomandati o di discriminati. Semplicemente, bisogna partire da un dato di fatto: il modello di società che “abbiamo” costruito è fallito. I diritti acquisiti sono la maggior minaccia per il futuro dei nostri figli. Il buon senso dovrebbe diventare la bussola per rimettere in moto il motore dell’economia e del lavoro. La meritocrazia è l’unica exit strategy da questo scenario apocalittico.

Proviamo, quindi, a fornire un nostro apporto propositivo alla discussione. Il 14 agosto scorso, su ilsole24ore, veniva pubblicato un articolo con questo titolo: “Fondi UE, speso solo il 27%”. Ci interessa dare una scossa al mondo del lavoro? La classe dirigente di questo paese ha davvero a cuore il benessere dei suoi concittadini? Vogliamo, finalmente, dare fiducia a giovani preparati ed intraprendenti?

Bene, questa è un’occasione da non perdere! L’invito è chiaramente rivolto a politici e organi di governo (tanto locali, quanto nazionali), adoperatevi affinché vengano costituiti dei gruppi di lavoro con un unico semplice obiettivo: la redazione di progetti idonei all’attivazione del 100% dei fondi messi a disposizione dall’Unione Europea per l’Italia.

Scegliete forme contrattuali (possibilmente evitando la mortificazione del lavoro di giovani competenti e ambiziosi), compensi, compiti… ma date fiducia ai giovani preparati!

Un appello anche ai giovani, laureati e non, che potrebbero essere interessati a questa opportunità: buttatevi! Non rimanete in attesa di un “posto fisso” che non esiste più. Non accettate i ricatti di quanti, puntualmente, si presentano dietro le vostre porte a chiedere il voto durante le campagne elettorali in cambio di qualcosa che poi non vi sarà mai concesso.

Buon senso, meritocrazia, spirito di iniziativa, Stato più snello e più giusto, meno burocratico e meno opprimente nei confronti di chi – in modo onesto – intende mettersi in proprio e\o intraprendere un’idea imprenditoriale. Il resto sono parole al vento, lacrime e sangue in una Nazione “ad un passo dal baratro”.

(A cura del Dott. Leonardo Taronna
Analista Economico e Finanziario
leonardotaronna@hotmail.com)

Ad un passo dal baratro ultima modifica: 2013-08-19T11:30:49+00:00 da Leonardo Taronna



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi