Regione-Territorio

Manifestazioni al Cairo Sinai, uccisi 25 poliziotti

Di:

(azarnet@)

(ANSA) IL CAIRO – Venticinque poliziotti sono rimasti uccisi nel Nord del Sinai. Lo riferiscono fonti dell’Esercito. Gli agenti sono stati fatti scendere dai due blindati che li trasportavano, fatti mettere in riga e poi giustiziati a sangue freddo. Due i feriti in gravissime condizioni. L’attacco, in stile jihadista, è avvenuto vicino ad Abu Taqila. I poliziotti provenivano dal varco di Rafah, al confine con Gaza. Gli assalitori hanno inoltre distrutto i bus sparando razzi con rpg.

E l’Alleanza delle formazioni pro-Morsi, dominata dai Fratelli musulmani, ha indetto per oggi nuove manifestazioni al Cairo, nei quartieri di Heliopolis – sede del palazzo presidenziale -, di Giza, di Maadi, di Imbaba. Cortei anche a Helwan e Zeitun. Ieri il generale Abdel el Sissi, l’uomo forte dell’Egitto, aveva rivolto un messaggio a metà fra il monito e l’apertura ai Fratelli musulmani. Oggi la coalizione anti-Morsi ha reagito chiedendo l’apertura di una inchiesta internazionale sui “crimini orribili commessi dal ministro dell’Interno, il generale Mohamed Ibrahim, e da quello della Difesa”, che e’ lo stesso al-Sissi. Lo rende noto l’Alleanza delle formazioni pro-Morsi sulla sua pagina Facebook.

Manifestazioni al Cairo Sinai, uccisi 25 poliziotti ultima modifica: 2013-08-19T11:03:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    COMUNICATO STAMPA

    Cronaca nazionale

    19 Agosto 2013

    MIGLIAIA DI ADESIONI ALL’AZIONE COLLETTIVA RISARCITORIA CONTRO LA FARNESINA PROMOSSA DAL CODACONS

    LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ALLEATE DEGLI OPERATORI TURISTICI SCENDONO IN CAMPO CONTRO I VIAGGIATORI TORNATI DALL’EGITTO

    FEDERCONSUMATORI, UN’ASSOCIAZIONE EMANAZIONE DELLA CGIL E SOCIA DELL’ASSOCIAZIONE DEGLI OPERATORI TURISTICI ASTOI, IGNORA LA LEGGE E LE AZIONI DI RISARCIMENTO DEI DANNI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

    Tornata dalle ferie di Ferragosto in cui è stata al mare e a bocca chiusa mentre l’Egitto andava a fuoco e i turisti italiani erano maltrattati dalle agenzie e dai tour operator, l’associazione Federconsumatori, che a causa della sua alleanza esplicita con Astoi, associazione degli operatori turistici, non manca mai di intervenire in difesa di costoro e contro i diritti dei viaggiatori, ha perso un’altra occasione per tacere e si è spinta a giudicare l’azione collettiva in corso organizzata dal CODACONS contro la Farnesina per i ritardi e le omissioni nel bloccare i viaggi in Egitto.

    In un comunicato stampa “ignorante” delle leggi italiane, sostiene che l’azione del CODACONS per il risarcimento dei danni contro il Ministero degli Esteri, non potrebbe portare ad alcun risarcimento del danno.

    A loro il CODACONS, poco favorevole a fare lezioni di diritto, ha inviato oggi in una cornice di bronzo il testo dell’art. 30 del nuovo Codice del Processo amministrativo per aggiornarli rispetto alla legge Brunetta del 2009 a cui loro, evidentemente, sono fermi.

    Ecco il testo dell’art. 30 citato:

    Art. 30
    Azione di condanna

    2. Può essere chiesta la condanna al risarcimento del danno ingiusto derivante dall’illegittimo esercizio dell’attività amministrativa o dal mancato esercizio di quella obbligatoria. Nei casi di giurisdizione esclusiva può altresì essere chiesto il risarcimento del danno da lesione di diritti soggettivi. Sussistendo i presupposti previsti dall’articolo 2058 del codice civile, può essere chiesto il risarcimento del danno in forma specifica.

    Dunque – conclude il CODACONS – se Federconsumatori non conosce le leggi, può ben indirizzare a noi i danneggiati dell’Egitto e il CODACONS, come ha fatto in tanti altri casi di azioni risarcitorie (acqua all’arsenico, windjet, ecc) non mancherà di assisterli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi