Musica

Un concerto dei Dire Straits legends in Puglia?

Di:

Marco Caviglia, Mark Knopfler da Rudy's New York 2001 (ST)

Foggia – VENERDI’ 16 settembre scorso Foggia è stata il palcoscenico involontario di un interessante episodio di cronaca per gli appassionati del mondo musicale e del rock soprattutto in vista dei possibili futuri sviluppi che potrebbero seguire. Si è tenuta proprio a Foggia infatti la consegna di Zoe, il modello di chitarra Agostin realizzata da Agostino Carella per Marco Caviglia, il chitarrista romano famoso per suonare con i membri dei Dire Straits, la leggendaria rock band mondiale.

Agostino Carella è un italo canadese che vive nella provincia di Bari, con un simpatico accento canadese misto barese, e realizza chitarre di livello, apprezzate dai grandi della musica e nella sua gamma di chitarre la Zoe è diventata il suo pezzo forte, realizzata con legni pregiati e con caratterizzazioni tecniche proprie dei migliori produttori di chitarre al mondo. A dettargli in prima persona le linee guida per la personalizzazione della sua Agostin Zoe è stato lo stesso Marco Caviglia, il chitarrista front man dei Dire Straits Legends, la band che continua ancora a suonare i mitici successi del proprio passato in giro per il mondo.

Abbiamo chiesto a Marco come fosse riuscito ad avere un ruolo non facile da ottenere e ci ha raccontato che già suonava da quasi vent’anni in una formazione, i Solid Rock, la tribute band ufficiale che proponeva le cover dei Dire Straits in giro per il mondo, quando un giorno proprio a New York suonando in un negozio di chitarre per provare appunto una chitarra è stato interrotto da un uomo che gli continuava a ripetere stupefatto di quanto la sua tecnica “fingerstyle” fosse simile a quella di Mark Knopfler e che solo in pochi al mondo riuscivano ad eseguire.

Inizialmente Marco pensò che quell’uomo lo stesse prendendo in giro ma dopo essersi presentati scoprì che quell’uomo era Rudy Pensa, un liutaio di fiducia dei più grandi chitarristi al mondo tra cui lo stesso Mark Knopfler. Marco grazie alla fortuita conoscenza oltre che alla sua bravura riuscì a conoscere i leggendari membri della rockband a pian piano a cominciare a suonare e ad integrarsi perfettamente con loro riuscendo a raggiungere i livelli che ogni musicista in cuor suo sogna: suonare in una rock band di fama mondiale.

Ancora oggi Marco Caviglia suona nella band dIRE sTRAITS Legends, una band con gli storici membri dei dIRE sTRAITS, orfani di Mark che da anni ha ormai intrapreso una brillante carriera da solista. Marco Caviglia ha provato la sua chitarra Agostin Zoe a Foggia, invitato espressamente da Enzo Dota, presidente dell’Associazione Il Meglio della Puglia, un suo caro amico, presso il negozio Guitar Work Shop di Franco de Matteis, grande appassionato di chitarre e felicissimo di aver ospitato nel suo negozio sia Marco Caviglia che Agostino Carella, di cui conserva gelosamente una delle sue prime Agostin.

La prova ha avuto un esito più che soddisfacente e la Zoe Agostin è stata definita da Marco un capolavoro dal punto di vista estetico e qualitativo, paragonandola ad una donna bellissima. Abbiamo provato a chiedere a Marco se avesse mai pensato di portare i Dire Straits Legends in Puglia e lui sorridendo ci ha risposto che ci sono buone possibilità in futuro per una data a Foggia, dove i suoi amici del posto sono già al lavoro per organizzare il suo arrivo e quello del mitico gruppo. Se non possibile in Capitanata l’alternativa potrebbero essere Bari o il Salento.

La Puglia è un terra che Marco ha avuto modo di apprezzare e desidera per questo farla conoscere ai Dire Straits, poichè a suo giudizio merita di essere vissuta per le sue bellezze paesaggistico-culturali e amata per le specialità enogastronomiche uniche, che la differenziano da tutte le altre regioni d’Italia.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi