Manfredonia

Federazione Centro: “Prefetto al sindaco: pubblicare determine integralmente”

Di:

Il neo prefetto di Foggia dr.Luisa Latella (fonte image: gds)

Manfredonia – “IL presidente del Consiglio comunale, Nicola Vitulano, ha convocato stamane il capogruppo dei Moderati e Centristi, Matteo Troiano – che aveva presentato un’interrogazione in merito – comunicando le indicazioni del Prefetto di Foggia, dr.ssa Latella, al Sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, per la pubblicazione integrale delle determine dirigenziali“. E’ quanto comunicano a Stato i referenti della Federazione di Centro di Manfredonia, con dati del presidente del MeC Giovanni Caratu’.


La vicenda. Dall’interrogazione alle disposizioni del Decreto Sviluppo
Come già pubblicato, lo scorso 12 giugno 2012 (dopo una precedente interrogazione al sindaco sulla mancata pubblicazione dal primo gennaio 2012 delle determine dirigenziali sul sito web del Comune), c’era stata una mozione del Capogruppo di Moderati e Centristi, Matteo Troiano, con altri (compreso Pdl) al presidente del Consiglio comunale di Manfredonia per “inserire all’O.d.g. del prossimo consiglio comunale la proposta di delibera per l’accoglimento della richiesta”. “Ad oggi – dissero dallo stesso movimento politico – l’O.d.G. non è stato ancora discusso”.

La risposta del Comune. Dagli atti visionati, il 06 il giugno 2012, l’Assessore agli affari istituzionali del Comune di Manfredonia Damiano D’Ambrosio aveva risposto all’istanza (interrogazione) del 04.04.2012 assunta al protocollo n.19284 del consigliere Troiano relativamente all’oggetto indicato.

L’assessore D’Ambrosio: “dal primo gennaio 2011 pubblicazione determine mai interrotte”. Come scrive l’assessore D’Ambrosio “con l’entrata in vigore dell’albo pretorio on-line, a partire dall’01.01.2011, tutte le pubblicazioni vengono effettuate nell’apposita sezione del sito istituzionale del Comune. Il Regolamento degli Uffici e dei Servizi prevede che le determinazioni dirigenziali sono numerate progressivamente per ogni anno solare unitariamente per tutti i settori e sono soggette a pubblicazione all’Albo Pretorio per quindici giorni consecutivi relativamente a numero, data, oggetto e settore di appartenenza a cura di ciascun dirigente, subito dopo la esecutività. La pubblicazione (ma non la visione, cliccando all’interno delle stesse, ndr) è regolarmente assicurata – scrive D’Ambrosio – sin dal 01 gennaio 2011 e non vi sono state interruzioni”. “Restano salvaguardati i diritti e le prerogative di ciascun Consigliere comunale di ricevere tutti i dati, le informazioni che lo stesso ritenga di dover acquisire nell’ambito dell’espletamenteo del proprio mandato”.

Moderati e Centristi per Manfredonia, il capogruppo Matteo Troiano, il presidente Giovanni Caratù (Copyright STATO)

Cosa è scritto all’interno degli allegati. Dunque, da quanto emerge confermato dalle note scritte, le determine sono state sempre pubblicate per 15 giorni, dal primo gennaio 2011, con numero, data, oggetto e settore di Appartenenza. Ma volendo conoscere il contenuto, ad oggi 3 settembre 2012 appare un documento bianco con indicazione: “AI SENSI DELL’ART. 21 DEL REGOLAMENTO PER L’ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL COMUNE DI MANFREDONIA NON CI SONO ALLEGATI PER QUESTO DOCUMENTO”.segue

Troiano: “necessaria la pubblicazione dell’intero atto”. “Necessario tutto l’atto – come scritto nella mozione del 12 giugno 2012 a firma di Troiano ed altri – non solo l’oggetto, per continuare a seguire la vita democratica e lo sviluppo delle problematiche cittadine”. In seguito la richiesta di un incontro dei referenti della Federazione di Centro con il Prefetto di Foggia per esporre, tra l’altro, “le proprie rimostranze in merito alla trasparenza degli atti della pubblica amministrazione”. “Ritengo che la situazione in atto violi la direttiva n 8 del 2009 sulla trasparenza amministrativa, ribadita dal decreto approvato dal governo in data 15 giugno 2012″.


L’articolo in oggetto.
1. La concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e l’attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere di cui all’articolo 12 della legge 7 agosto 1990, n. 241 ad enti pubblici e privati, sono soggetti alla pubblicità sulla rete internet, ai sensi del presente articolo e secondo il principio di accessibilità totale di cui all’articolo 11 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150“, come risulta da parte dell’art. 18 – Amministrazione aperta del cd Decreto Sviluppo , approvato il 15 giugno 2012 dal Consiglio dei Ministri.
LAVORO E WELFARE: SINDACO HA ACCOLTO NOSTRA ISTANZA PER NOMINA GARANTE INFORMAZIONE

g.defilippo@statoquotidiano.it


Slide



Vota questo articolo:
21

Commenti


  • CHISSA'

    COMPLIMENTIIIIIIIIIIIIIIII !!! BEL PASSO


  • forza matteo

    matteo non mollare. Gli altarini stanno venendo fuori..


  • vincenzo

    Bravo questa è stata una bella vittoria


  • Anonimo

    ASSESSORE, IL CONTENUTO DELLE DETERMINE, QUANTO SPENDETE, NON LA DATA E IL NUMERO DI PROTOCOLLO!!!!!!


  • Matteo

    da qualche anno ……. i politici locali ma questi Troiano e Caratù mi iniziano a piacere, bravi e “combattete” così……


  • Candito

    Si sono scoperti gli altarini. Come faranno a fare i ca…..i loro?Bella vittoria, finalmente la giustizia comincia a riprendre il suo ruolo di controllore della legittimità. Troiano, continua e non mollare sono ormai alla frutta e dopo il dolce ci sarà l’amaro.


  • ugo

    ieri andava bene ” il trionfo della ragione” in occasione dello spostamento del mercatino rionale, ora invece scriverei ” il trionfo del DIRITTO ” i occasione della interrogazione di cui il Sindaco Riccardo non fa cenno nella nota inviata, guarda caso, alla Ass. Lavoro & Weifare.La domanda viene spontanea : PERCHE’ IL SINDACO NON HA RISPOSTO ALL’INTERROGAZIONE DI TROIANO? Non hai il coraggio delle tue azioni.DIMETTETI.


  • Talamo Michele

    Dispiace pensare che l’Ass. Lavoro & Welfare abbia prestato il fianco ad una “fiction” che prima o poi avrebbe lasciato intravedere il volto della realtà.
    Bene ha fatto il Prefetto di Foggia, dr.ssa Latella ad impegnare il Sindaco e la Giunta Comunale, ottemperando ad un evidente ed ineludibile dovere di trasparenza, a rendere possibile a ogni Cittadino e persona, senza alcuna condizione, l’accesso e la consultazione sull’Albo Pretorio online delle determinazioni dirigenziali; a pubblicare sul proprio sito istituzionale le determinazioni dirigenziali in rigoroso ordine di adozione senza alcuna omissione o inserimento postumo.


  • falco sipontino

    Finalmente una breccia si apre nel muro di gomma di Palazzo San Domenico.
    Avanti cosi Matteo, il tempo sara’ galantuomo.


  • Lucia C.

    Oggi lo Stato ha vinto!
    Quando le Istituzioni arrogano a se il diritto di insindacabile giudizio gli Stati crollano poiché si creano delle “élites” che acquisiscono eccessivo potere.
    La storia insegna che quando le “élites” diventano dominanti, possono condizionare le istituzioni e determinare il declino della libera economia. I più famosi economisti politici lo insegnano nelle più prestigiose università.
    Perché Manfredonia è già fallita mentre altre Città tentano, perlomeno, di imboccare la strada dello sviluppo e della ricchezza in un momento di crisi come questo?
    È la domanda delle domande, la stessa a cui noi tutti cerchiamo di dare una risposta logica.
    Sono le istituzioni a determinare il destino di una Città: un Città fiorisce quando le istituzioni sono pluralistiche, cioè quando i diritti sono garantiti, i livelli di partenza sono uguali per tutti, l’iniziativa individuale incoraggiata. Al contrario, le Città falliscono quando le istituzioni sono “elitarie”, cioè quando sono strutturate per prelevare risorse da molti per distribuirle a pochi, i diritti non vengono protetti e le politiche per incentivare l’attività economica sono insufficienti per non dire inesistenti.


  • lince

    grazie anche a chi ha firmato la mozione insieme a matteo!


  • lince

    Adesso si ricorda..e tenta …i ……..tutto dietro al “garante” !!!! Sei un fallimento politico, un peso per il pd: infatti gia’ stai andando verso udc per le prossime elezioni!!!!! ………


  • lince

    GRAZIE ILL.MO SIG. PREFETTO !


  • compagneros

    ….e questa era l’amministrazione della trasparenza……..


  • ugo

    caro segretario,sono un accanito sostenitore e votante del PD, insieme a tutta la mia grande famiglia , ma a lungo andare questo sindac ci ha deluso in ogni occasione, dal cambio degli assessori avvenuto fino agli ultimi atteggiamenti arroganti .Perciò o vi liberate presto di questo elemento o saremo sconfitti in tutte le competizioni che ci saranno a breve.


  • michele

    E bravi Caratù e Troiano,che con la loro azione stanno scardinando il potere di questa giunta ormai clientelare.Bella mossa è stata quella di convocare il Prefetto Latella.A mali estremi estremi rimedi.


  • michele

    Il MeC e la federazione di centro continui ad indagare su tutto quello che succede a palazzo san Domenico.Il sindaco;gli assessori e i suoi consiglieri hanno scambiato il consiglio comunale come qualcosa di loro proprietà,come un loro feudo.Se sono li e perchè il popolo li ha voluti,ma non per fare ciò che gli pare !!!!!!!!!!!!!!!!


  • ANTONIO

    e mo cambia ….. per il nostro sindaco la giunda non i tocca vedi assessori che stanno da una vita caro ugo a fare cosa .
    campa cavallo che l’erba cresce cosi si vive a manfredonia


  • michele

    ciao Antonio.La soluzione è semplice,basta nn votarli+


  • Grazie Stato quotidiano

    Ieri mentre ero in attesa di disbrigare delle pratiche presso un ufficio pubblico stavano una venti di signori. Quello che ho ascoltato davvero non si può scrivere
    sui politici manfredoniani e nazionali.
    Un terzo prometteva il voto alle cinque stelle perchè forse c’e la speranza che ai politici si sostituiscano dei burocrati efficienti e che comunque i politici dovevano essere tutti allontanati dalla vita sociale e a svolgere i loro mestieri, un terzo asseriva di aver buttato la scheda nel bidone della spazzatura, un altro terzo c’è chi diceva di disegnare il pi…ne sulla scheda o altro e chi asseriva di non andare a votare. Mi sa tanto che i politici italiani tutto ciò gli sfugge.
    La gente è incazzatissima con loro non l’hanno capito mica. Io personalmente
    non mi sento rappresentanto da alcun politico nazionale e locale di tutti i partiti. Quando avrò la sicurezza di
    scegliere un candidato che svolga la politica come missione sociale e per il
    bene del paese e non della sua clientela/parentela e sia di assoluta onesta e integrità morale allora forse
    darò il mio voto a qualcuno.


  • canditp

    Caro Riccardi ma non ti rendi conto che ormai sei solo un peso per il tuo partito. Mi meraviglio come il direttivo del PD continui ad appoggiare l’operato di quest’amministrazione e, come mai la coalizione ne continui a ………….. Ci siamo scordati che una volta ( tanto, ma tanto tempo fa ) eravamo la signora Sinistra difensore della giustizia e del popolo ed ora, con nomi strani come Sinistra progressista ( che vordì boh…) lo mettiamo in c…..o al popolo che fessamente continua ad avere fiducia in noi. Peccato…….. siamo caduti in basso. All’on. Bordo vorrei dire di non preoccuparsi delle trivellazioni nell’Adriatico che tanto lo sanno tutti che non gliene …. niente ( mi complimento per non aver usato parolacce) ma mi faccia il piacere……ritorni nei suoi panni faccia poco ma faccia qualcosa e non prender per il c……lo le persone, Andatevene tutti a casa che il popolo ci guadagna. I Grillini stanno arrivando saranno c….i amari per i f……….che vivono di politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi