Cronaca

Invaso Occhito e SS16, sì all’unanimità alle mozioni Damone

Di:

Damone (Ppdt)

Il consigliere F.Damone (immagine d'archivio - IlGrecale)

Bari – IL Consiglio regionale ha approvato all’unanimità due mozioni su proposta del capogruppo de La Puglia prima di tutto, Francesco Damone. Con la prima mozione l’esponente del centrodestra ha chiesto un impegno del governo regionale “ad intraprendere ed intensificare ogni iniziativa atta a garantire nei tempi più rapidi la realizzazione dell’invaso, previsto già dalla disciolta Cassa del Mezzogiorno”, a valle della diga di Occhito che consenta il suo svuotamento al fine di eseguire le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria che l’avanzare del tempo rendono sempre più urgenti e necessarie senza interrompere l’erogazione di acqua potabile, nonché di aumentare il livello di sicurezza dei territori circostanti in caso di eccezionali eventi piovosi”.

La diga di Occhito, si legge nella mozione, ultimata nel 1966 ed originariamente destinata a soli usi irrigui, è stata successivamente assegnata anche ad usi potabili, ed è oggi l’unica fonte di approvvigionamento idrico dell’intera Capitanata; inoltre “se avesse conservato la sua specifica destinazione iniziale, sarebbe stata svuotata ogni anno per qualche mese durante l’inverno al fine di ispezionarne lo stato degli impianti e provvedere alle relative manutenzioni”.

“La sua destinazione attuale a fini anche potabili, in mancanza di ogni alternativa al servizio delle comunità che se ne approvvigionano – continua la mozione – ne impedisce da molti anni lo svuotamento, non consentendo le suddette ispezioni e manutenzioni, ciò significa che l’intero approvvigionamento idrico della Capitanata è a crescente rischio, con conseguenze che potrebbero rivelarsi pesantissime per le condizioni di vita e di lavoro delle comunità dell’intero Tavoliere”.

Con l’altra mozione il consigliere Damone ha posto all’attenzione del Consiglio regionale la questione della SS 16 nel tratto tra Foggia e San Severo, considerata ancora “una statale della morte, insicura e inadeguata rispetto all’intenso traffico che sostiene”.
Nella mozione si legge che “solo nell’ultima settimana in quel tratto di strada ci sono stati 9 morti e circa 40 feriti. Un tributo di vite umane inaccettabile per un Paese civile e per una regione che ama definirsi `moderna’, nella quale i morti sulle strade sembrano purtroppo `morti di serie B’ dei quali nessuno si preoccupa; negli anni scorsi si è proceduto al raddoppio dei tratti tra Foggia e Cerignola, tra Foggia e Lucera, tra Foggia e Manfredonia e da quel momento gli incidenti stradali sono nettamente diminuiti, se non cessati”. “Sul tratto Foggia — San Severo – continua la mozione – esiste da tempo un progetto di raddoppio da parte dell’Anas e nel recente passato, a fronte della volontà espressa dall’Anas di stralciare il tratto Foggia — San Severo e procedere al raddoppio. “In questi anni – ha sottolineato Damone – forte è stato l’impegno per reperire i finanziamenti necessari, da parte dell’ex ministro Raffaele Fitto e dell’assessore regionale Minervini”.

Con la mozione approvata all’unanimità, c’è “l’impegno della regione ad intercedere presso il Governo nazionale affinché inserisca quanto prima il raddoppio della Foggia – San Severo tra le opere infrastrutturali strategiche ed urgenti e ad adoperarsi per reperire i finanziamenti necessari e, quindi, ad avviare insieme con 1’Anas, 1’iter di progettazione ed appalto dei lavori di raddoppio affinché quel tratto di strada venga messo in sicurezza e smetta di essere teatro di incidenti stradali mortali quasi quotidiani”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi