Cronaca

Inchiesta Equitalia, Codacons: pronti a costituirci parte civile

Di:

Equitalia (statoquotidiano, archivio)

Roma – IL Codacons affila le armi legali e annuncia l’intenzione di costituirsi parte civile in rappresentanza dei contribuenti italiani nella vicenda che vede coinvolta Equitalia.

“Gli illeciti contestati dalla Procura di Roma sono gravissimi e rappresentano un danno non solo per i contribuenti onesti, ma per tutti i cittadini, considerate le ripercussioni sul fronte delle entrate fiscali – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Se da un lato, infatti, gli utenti italiani sono spesso “tartassati” da Equitalia, con cartelle esattoriali non sempre corrette, dall’altro si scoprono oggi favoritismi e corruzione finalizzati ad agevolare imprenditori e professionisti, mentre i contribuenti onesti fanno i salti mortali per pagare i propri debiti”.

“La Procura dovrà accertare le responsabilità connesse alla vicenda, anche sul fronte della vigilanza da parte dell’ente – prosegue Rienzi – I cittadini, intanto, attraverso il Codacons si preparano a costituirsi parte civile e ad avviare le dovute azioni risarcitorie, considerati i danni alla collettività prodotti da irregolarità nelle riscossioni fiscali”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • avv. Gegè Gargiulo

    Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    L’avv. E. Gargiulo : Purtroppo Equitalia può “pignorare” anche i gioielli di famiglia e acquisirli in proprietà!

    Spesso, per via della mia professione, mi viene richiesto se, quando si è debitore di alcune cartelle esattoriali scadute che non si sono mai pagate, nel caso in cui in casa si posseggono diversi gioielli e oggetti di valore, sia possibile che Equitalia possa pignorare anche tali oggetti e, se non venduti, li possa acquisire in proprietà a titolo definitivo.

    La risposta è che , innanzitutto, è bene ricordare che i pignoramenti che può eseguire Equitalia (ma, in generale, qualsiasi altro tipo di creditore) possono essere di tre tipi: a) presso terzi: ossia del conto corrente in banca, dello stipendio, della pensione o, in generale, di tutti i crediti che il debitore vanti nei confronti di altri soggetti; b) immobiliare: sulla casa, sui terreni o comunque su qualsiasi altro bene immobile. Generalmente, il procedimento è anticipato con l’iscrizione di una ipoteca sul bene stesso; c) mobiliare: ha ad oggetto tutti i beni mobili del debitore quali, per esempio, un televisore, una scrivania, un quadro, ma anche denaro e oggetti di valore come preziosi o gioielli.

    Qualora Equitalia opti per quest’ultima forma di pignoramento, ben potrà pignorare i gioielli di famiglia, sia che essi siano nella disponibilità materiale del debitore, sia che si trovino, per esempio, chiusi in una cassetta di sicurezza in banca . A questo punto, eseguito il pignoramento e asportati i beni dalla casa del debitore (generalmente vengono presi in consegna dall’Istituto Vendite Giudiziarie), essi saranno sottoposti alla vendita forzata: un’asta condotta sotto la supervisione del tribunale.

    Che succede, però, se i gioielli non vengono venduti all’asta? Se il secondo incanto sia rimasto infruttuoso ed Equitalia non riesce a vendere oggetti preziosi e/o gioielli ne può chiedere l’assegnazione: in altre parole, può chiedere al giudice che tali oggetti le vengano dati in proprietà. In questo modo, il debitore viene definitivamente espropriato dei gioielli.

    A riguardo, la legge stabilisce che gli oggetti d’oro e d’argento non possono essere, in nessun caso, venduti per un prezzo inferiore al loro valore intrinseco; ma, se restano invenduti, sono assegnati, per tale valore, ai creditori. In questo modo, l’amministrazione ne diventa la nuova proprietaria e i beni non sono più restituiti al debitore. In questo modo, la pubblica amministrazione assegnataria dei preziosi viene soddisfatta del proprio credito nella misura del valore di stima dei preziosi. Per esempio: se i gioielli sono stati valutati 1.000 euro sarà come se Equitalia avesse ricevuto, in danaro contante dalla vendita dei beni, 1.000 euro. Dopo di che, l’amministrazione avrà piena facoltà di vendere gli oggetti assegnati, ormai “suoi”, al prezzo più conveniente. Sarà libera, quindi, di venderli anche a un valore più basso rispetto al loro valore intrinseco!
    Foggia, 29 ottobre 2013 Avv. Eugenio Gargiulo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi