FoggiaStato news
E' possibile firmare presso i tavoli di raccolta dell'associazione radicale di Foggia “Mariateresa di Lascia”

PEBA: “Scaduto il termine per adozione Giunta Foggia”

"Con la nostra azione non solo di protesta ma sopratutto di proposta intendiamo sollecitare la Giunta comunale ed il Sindaco Franco Landella"

Di:

Foggia. L’Associazione radicale di Foggia “Mariateresa di Lascia” domani 20 Settembre 2016 a partire dalle ore 10.15 terrà un sit-in davanti al Comune di Foggia, in corso Garibaldi per denunciare la mancata adozione del PEBA, Piano di eliminazione delle barriere architettoniche, obbligo di legge fin dal lontano 1986. Nonostante il 22 Giugno, il Consiglio comunale di Foggia, all’unanimità dei suoi componenti, abbia approvato una mozione che impegna la Giunta ad adottare il PEBA entro il termine di 60 giorni, tale termine è scaduto e tale provvedimento giace ancora come lettera morta.

Con la nostra azione non solo di protesta ma sopratutto di proposta intendiamo sollecitare la Giunta comunale ed il Sindaco Franco Landella perché sia data immediata attuazione alla mozione consiliare e si adotti il PEBA, garantendo alla città di Foggia un organico e strutturale intervento di eliminazione delle barriere architettoniche negli spazi ed edifici pubblici.
Solo l’adozione del PEBA potrà permettere tale obiettivo, abbandonando una politica fino ad oggi emergenziale in materia di barriere architettoniche per far posto ad una vera politica inclusiva contro le discriminazioni. I radicali foggiani invitano tutti i cittadini a partecipare, ricordando che continua la raccolta firme per la petizione pubblica sul PEBA, sottoscritta già da centinaia di cittadini. E’ possibile firmare presso i tavoli di raccolta dell’associazione radicale di Foggia “Mariateresa di Lascia” ogni sabato e domenica in area pedonale e tutti i giorni sulla piattaforma digitale change.org

Norberto Guerriero, segretario associazione radicale “Mariateresa di Lascia”
Anna Rinaldi, tesoriere associazione radicale “Mariateresa di Lascia”
Matteo Ariano, presidente associazione radicale “Mariateresa di Lascia”



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati