Manfredonia

Clinica San Michele, “licenziamento 9 unità”, incontro in Provincia

Di:

Esterno clinica San Michele (St)

Esterno clinica privata San Michele, una passata protesta dei lavoratori (St)

Foggia/Manfredonia – “SOSPENSIONE dei ricoveri e procedura di licenziamento ex.L.223/91, artt. 4-24 (Norme in materia di cassa integrazione, mobilità, trattamenti di disoccupazione, attuazione di direttive della Comunità europea, avviamento al lavoro ed altre disposizioni in materia di mercato del lavoro – artt. da 1 a 24 – (..) Integrazione salariale e di eccedenze di personale), interessante 9 lavoratori”. Questo, fonti sindacali, l’oggetto dell’incontro del 23 ottobre in Provincia di Foggia – Ufficio Statistiche e Politiche del Lavoro – alla presenza delle rappresentanze sindacali – Cgil, Cisl, Uil – Cinop, società Daunia Medica e rappresentanti della Provincia (Ing. Rosiello, dr.ssa Margiocco).

L’incontro, dalle stesse fonti sindacali, è stato fissato in aggiornamento al tavolo di questa settimana, andato deserto per “mancata organizzazione” fra le parti (convocazione ipotetica solo per una oo.ss.). Fase di consultazione martedì 23 dopo la procedura di licenziamento avviata dalla società. Un referente sindacale ha parlato di “34/35 unità attualmente in organico, compreso gli stessi 9 lavoratori interessati alla procedura di licenziamento ex l.223/91”.

FOCUS. Come riferito da fonti interne, e dalla stessa Amministrazione comunale, a metà ottobre era stata annunciata la sospensione dei ricoveri per il reparto di lungodegenza (15 posti letto), con la permanenza della sola geriatria, per 20 posti letto.

In precedenza. Si ricorda che la Casa di Cura San Michele aveva cessato le proprie attività dopo la revoca dell’autorizzazione sanitaria stabilita con delibera di Giunta regionale pugliese n.1415-14.06.2010 (Delibera GR 1415/14.06.2010), relativamente alla precedenti branche specialistiche di Oncologia-Pneumologia e Gastroenterologia, per 35 posti letto e 42 unità occupate. La Casa di cura di Manfredonia – dopo un iter “travagliato” per la ripartenza – è riattiva dal 18 luglio 2011 nelle nuove attività sanitarie di geriatria (20 p.l.) e lungodegenza (15. P.l.) (non senza licenziamenti).

Nel maggio 2012 una nota dell’Aiop relativamente al pagamento degli stipendi da parte del Gruppo Salatto, dell’omonimo imprenditore della sanità privata foggiana, co-amministratore della Daunia Medica srl. Nel dicembre 2011 la nota delle verifiche dell’Uvar sui ricoveri nella struttura dal 2008 alla revoca attività.

Nel luglio del 2012, causa il venire meno di “uno dei requisiti fondamentali previsti per tale struttura”, come accertato dal Dipartimento di prevenzione Asl, era stata ordinata la sospensione – con decreto sindacale – di ogni attività sanitaria di diagnostica per immagini presso la citata clinica di Manfredonia.

Da metà settembre le preoccupazioni dei lavoratori dopo una nota stampa del sindaco di Manfredonia che annunciava l’invio di una lettera all’assessore regionale alla sanità Ettore Attolini, al direttore generale della ASL Foggia Attilio Manfrini, nonché alla direzione della stessa clinica. “Si rifiutano ricoveri di anziani inviati da ospedali pubblici, pur avendo posti liberi”. “La situazione della Clinica San Michele di Manfredonia si trascina ormai da due anni in uno stato di crisi che ha finora comportato il dimezzamento del personale ed il mancato pagamento di parte delle spettanze arretrate. Ad aggravare la condizione esistente si aggiunge la sottoutilizzazione della struttura, poiché si rifiutano ricoveri di anziani inviati da ospedali pubblici, pur avendo posti liberi”. Riccardi aveva evidenziato come “la preoccupante scelta aziendale desta allarme poiché si inserisce in un contesto di disoccupazione crescente che non trova, al momento, prospettive di risoluzione stante l’attuale fase recessiva dell’economia non solo locale”. Da qui la disponibilità dell’Amministrazione per “convocare un incontro, di tutti i soggetti interessati, per un confronto di merito che definisca le prospettive aziendali e occupazionali della Clinica San Michele di Manfredonia”.


Il futuro.
“Oltre al blocco annunciato a metà ottobre del reparto di lungodegenza, con gli attuali pazienti da dismettere entro il 7/8 ottobre” erano state annunciate voci – ora confermate – su un taglio del personale.


g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Antonio@hotmail.com

    Poveri lavoratori,dove sono adesso gli eroi dell’apertura?


  • Antonio@hotmail.com

    Allora avevano ragione i licenziati senza motivo di un anno fa’,cosa nasconde questa vicenda?


  • lauto

    meglio che dormivano e f…… solo affacciati a quelle finestre..


  • Predicone

    Va va altre nove famiglie sul lastrico! E a quello lo hanno pure premiato al re Manfredi! Che vergogna!


  • gigi

    Bravo salatto .. ancora un taglio, magari ora acquisti una …..con quei soldi risparmiati….. ora a rocca a Tele Blu?


  • Antonio@hotmail.com

    Povero Re Manfredi,cosa ha fatto di male.


  • pasquale

    Ma in quella struttura l’assistenza chi la fornisce?
    I controlli sono e vengono fatti?


  • pippo

    a manfrdonj stem proprj cuncet malament, da na parte si apre,da naltra si chiude.Povero cittadino di manfredonia .Questa è la sanità che noi manfredoniani meritiamo grazie ai nostri politici


  • IMPAVIDO

    NON CI SONO PAROLE….IL TRUCCO C’è è SI VEDE PURE.


  • ipse dixit

    si licenzia ma si assumono amministrativi (anche se in precedenza si sono licenziati 7 amministrativi)che tra l’altro non sono nemmeno del posto.Ma i sindacti svolgono il loro ruolo visto che sanno che la ….. di laboratorio svolge(rebbe,ndr) mansione di amministrativa (……….. ) o tacciono perchè la stessa .. ……. di un assessore ….. ………. e il biologo svolge anche mansioni……..ra poco si provvederè anche a licenziare i pazienti.Sindaco Riccardi coordinatore del Sel Domenico Rizzi dove siete?


  • giggino

    Nell’articolo non si fa riferimento al fatto che non vengono nemmeno erogati gli stipendi.Ultimo stipendio (sarebbe stato, secondo il lettore, ndr) erogato Luglio 2012.


  • giggino

    dimenticavo i sindacati non rappresentano nessuno visto che non ci sono iscritti.


  • Antonio@hotmail.com

    che vergogna,hanno eliminato una realta’ OTTIMA a Monte Sant’Angelo per una che…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi