Cronaca

Unimpresa Bat: “Comune Barletta, no aumenti TARSU”

Di:

Il sindaco di Barletta Maffei (St - ph: liquida)

Barletta – “SIAMO sconcertati e delusi per le scelte che il Comune di Barletta andrebbe ad operare in fase di approvazione del bilancio entro il 31 ottobre prossimo. A fronte di una gravissima situazione di crisi delle piccole imprese barlettane, lasciate completamente disorientate e senza un minimo di interventi strutturali concertati, condivisi e organici, si paventerebbe un aumento di tasse e tariffe che in questo momento sembrano più il colpo finale vibrante di un boia cieco che un percorso graduale verso sacrifici che pure tutti devono essere chiamati a sopportare ma che non possono essere caratterizzati da elementi fortemente vessatori e persecutori”. Lo dicono i referenti di Unimpresa BAT.


“Da tempo assistiamo ad un continuo e crescente stato di tensione che in taluni casi ha portato all’esasperazione da parte di chi continua con sacrificio a mantenere in piedi le proprie imprese, senza stare tutti i giorni sulle scale dei Municipi a protestare ma questo atteggiamento dignitoso non deve essere scambiato per debolezza e sottomissione, quindi abbiamo invitato, con una precisa e mirata nota, il Sindaco di Barletta MAFFEI e l’Assessore alle Risorse Finanziarie DICATALDO a smentire con urgenza la previsione del paventato aumento del 25% della Tarsu e di ben il 100% per la Tosap“. “Se per quanto riguarda l’aumento della Tassa Rifiuti la situazione potrebbe essere tollerata e mediata con la previsione di un ragionevole aumento del 15%, per quanto riguarda, invece, la Tassa Occupazione di Suolo Pubblico (occupazioni per ambulanti nei mercati, pubblici esercizi per le occupazioni esterne ai locali, tende da sole dei negozi ecc.) quel 100% di aumento suonerebbe come un ingiusto ed ingiustificato accanimento verso le Piccole Imprese le quali hanno investito e continuano a farlo anche nella città di Barletta senza mai aver avuto alcun sostegno, neanche in un drammatico momento di disperazione come quello attuale”.


“Oltre a violare il principio di gradualità, questo paventato aumento non è mai né stato concertato né discusso né tantomeno posto all’attenzione delle Associazioni rappresentative dei destinatari degli aumenti, in violazione dei principi sanciti anche rispetto al bilancio partecipato. L’invito, quindi, è quello di soprassedere a questa ulteriore vessazione, anche per evitare conflitti sociali e tensioni che in questo momento devono essere lontani dai nostri pensieri perché deleterie per tutti. L’Amministrazione Comunale di Barletta, quindi, impari ad avviare percorsi di condivisione e di compartecipazione che stanno venendo ancora oggi sempre meno, essendosi lasciata prendere da conflitti personali e personalistici che non possono certamente scavalcare i ben più importanti principi di democrazia e di rispetto delle norme e delle istituzioni”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi