ManfredoniaMonte S. Angelo
Relativamente alla realizzazione del porto turistico Baia dei Venti

Diniego proroga permesso di costruire, bocciata la Bolici Invest

Di:

Roma. ”In definitiva, un dovere collaborativo del Comune potrebbe predicarsi, al più, in presenza di allegazioni parziali e incomplete, e a condizione che il concessionario abbia mostrato lealtà e diligenza nel segnalare e provare tutto quanto a propria conoscenza; non così è avvenuto nel caso che occupa, laddove la richiesta di proroga è stata motivata con riferimento ad eventi meteorologici verificatisi anche diversi anni prima, e senza predisporre un quadro aggiornato dei danni e degli interventi ancora a compiersi, che fosse tale da porre l’Amministrazione in condizione di poter valutare l’effettiva necessità della proroga e la congruità del termine richiesto”. Il Consiglio di Stato di Roma – Sezione Quarta – definitivamente pronunciando sull’appello, ed estromettendo dal giudizio il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha respinto l’appello principale e dichiarato improcedibile l’appello incidentale e per l’effetto, ha confermato la sentenza impugnata, relativamente al ricorso in appello nr. 7306 del 2015 proposto dalla BOLICI INVEST S.r.l. contro il COMUNE DI MONTE SANT’ANGELO, il CONTRATTO D’AREA DI MANFREDONIA, in persona del legale rappresentante pro tempore, e la REGIONE PUGLIA (non costituiti in giudizio), il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO e il MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI.

Da qui è stata condannata la società appellante al pagamento, in favore del Comune di Monte Sant’Angelo, di spese e onorari del presente grado del giudizio, che liquida in € 3.500,00 (tremilacinquecento) oltre agli accessori di legge; compensate le spese nei confronti dei Ministeri dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e dei Trasporti.

La Bolici aveva chiesto l’annullamento e/o la riforma “della sentenza del T.A.R. della Puglia, Sezione Terza, nr. 807/2015, notificata in data 1 giugno 2015, che ha respinto il ricorso promosso dalla Bolici Invest S.r.l. per l’annullamento della nota prot. 2156 del 21 febbraio 2013 del Comune di Monte Sant’Angelo – Settore Urbanistica, avente a oggetto: “Ns. Rif.: prot. 13065 del 05.12.2012 con oggetto: comunicazione ai sensi dell’art. 10 bis della L. 241/1990 – preavviso di diniego di rilascio di proroga del permesso di costruire n. 92 del 26.06.2008, in istanza acquisita al n. 2132 in data 02.03.2012 con oggetto: comunicazione definitiva di diniego dell’istanza in riferimento emarginata”, ricevuta dalla Bolici Invest S.r.l. in data 13 marzo 2013 e di ogni altro atto successivo, antecedente, presupposto, connesso, collegato ancorché non cognito, con particolare e non esclusivo riferimento alla nota prot. 13065 del 5 dicembre 2012 del Comune di Monte Sant’Angelo avente a oggetto: “Comunicazione ai sensi dell’art. 10 bis della L. 241/90 – preavviso di diniego di rilascio di proroga del permesso di costruire n. 92 del 26.06.2008”, ove emessa; nonché la condanna dell’Amministrazione resistente al risarcimento dei danni patiti e patendi da parte della società ricorrente come qualificati in atto”.

ATTO IN ALLEGATO

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati