Manfredonia

Bombe Foggia, Bordo: rafforzare il presidio territoriale

Di:

Foggia – “Il Governo ha il dovere di offrire ai foggiani più sicurezza e restituire serenità alle imprese che vi operano”. Lo affermano i deputati del Partito Democratico Michele Bordo e Colomba Mongiello e il deputato del PSI Lello Di Gioia annunciando l’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno sul ‘caso Foggia’.

“La catena di attentati dinamitardi testimonia la pericolosità sociale di criminali disposti anche ad accettare il rischio di mietere vittime innocenti pur di instillare paura negli imprenditori – continuano i parlamentari – La rapida sequenza, inoltre, lascia intendere la volontà di affermare la supremazia territoriale a fronte degli importanti arresti eseguiti dalla Forze dell’Ordine e dalla reazione civica su cui si fonda la costituzione dell’associazione Antiracket.

Rafforzare il presidio del territorio è, però, solo il primo atto di una strategia che abbia in premessa un accurato lavoro di intelligence e di comprensione delle relazioni pericolose tra economia criminale ed economia legale, realizzabile solo con la collaborazione degli imprenditori vittime del racket e delle bombe.

Le piazzate politiche non hanno alcuna utilità, anzi screditano le istituzioni rappresentate da chi le compie – concludono Bordo, Mongiello e Di Gioia – serve, invece, alimentare la coesione istituzionale e sociale necessarie a costruire un argine di legalità”.

Redazione Stato

Bombe Foggia, Bordo: rafforzare il presidio territoriale ultima modifica: 2014-11-19T19:05:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Franco

    Caro Bordo, chiama Renzi e fai mandare i blindati…


  • Il fantasma della Grotta Scaloria

    peggio di Beirut…caro onorevole manda qualche blindato anche a Manfredonia!


  • Antonello Scarlatella

    Bella sta’ cosa. Mandate esercito perche’ secondo l Onorevole Bordo, e’ con la repressione che si combatte la criminalita’ non iniziando a fare politica per il territorio cercando di ricostituire un equilibrio socio economico. Questi sono gli effetti della guerra dei poveri. Penso che sarebbe meglio mandare l esercito ed i controlli nei palazzi del potere. Li si che forse si creerebbe un punto di ripristino per una nuova era. Resta inteso che quest’ ultima nota e’ generalizzata, alcun riferimento personale all’ On. Bordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi