ManfredoniaSalva il monumento
Pseudo writers hanno deturpato dai cancelli alle civili abitazioni fino alle scuole

Manfredonia, “una città all’ombra del degrado” (FOTO)

Di:

Manfredonia – RE Manfredi avrebbe voluto Manfredonia una delle ‘Città più belle delle Puglie’. Chissà cosa direbbe oggi osservandola all’ombra del degrado.

Il degrado in questa città non sembra infatti mancare e la cosa più paradossale è che non si sappia chi in pratica se ne dovrebbe occupare. Spesso i cittadini dopo alcuni tentativi di dialogo con le istituzioni finiscono per ricorrere agli organi d’informazione. Infatti, dopo diverse chiamate di gente che lamentava il degrado urbano abbiamo documentato alcuni luoghi, anche storici, intaccati dall’inciviltà.

Come potete osservare dalle foto, degli pseudo writers hanno deturpato dai cancelli di civili abitazioni alle mura del Castello, passando anche per le mura di istituti scolastici dove la scrittura gli sarebbe stata insegnata in realtà per divenire persone insigni e non insignificanti.

Bisogna considerare che comunque vi sarebbero dei bravi writers, che potrebbero dare spazio alla loro arte in spazi autorizzati; quella dei delfini sullo stadio Miramare ne è un esempio. Alle segnalazioni pervenute aggiungiamo quella dello sversamento di acque reflue dai pricipali moli del porto. Uno nei pressi della lega navale vicina al Bozzelli, l’altra già nota ai bagnanti sotto il faro della città.

Le segnalazioni alle autorità preposte non sembrano sortire effetto; così al disagio dei residenti si aggiunge il disappunto dei visitatori della cittadina. Cosa fare allora? Chi può essere in grado di fermare il degrado? Innanzitutto i comportamenti di noi cittadini e i provvedimenti del primo cittadino, che può rendere solerti le squadre di pulizia e manutenzione ad intervenire prima ancora che la gente comune faccia ricorso all’ente comune.

A ricorrere all’Amministrazione locale hanno fatto appello in più circostanze anche gli abitanti del cortile San Martino, adibito a vespasiano da gente senza pudore. Ricordiamo al lettore che tale luogo è stato oggetto di una proposta di miglioria con rilevanza anche turistica-sociale. Per maggiori informazioni cliccare qui.

Auguriamoci pertanto che chi di dovere si interessi dei cittadini e dei luoghi pubblici non solo in prossimità delle elezioni.

(Testo e foto a cura di Benedetto Monaco – benedetto.monaco@gmail.com)

FOTOGALLERY

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Manfredonia, “una città all’ombra del degrado” (FOTO) ultima modifica: 2014-11-19T18:32:38+00:00 da Benedetto Monaco



Vota questo articolo:
25

Commenti


  • gino

    inviatele per conoscenza al Ns.Illustrissimo Sig.Sindaco Geom.Angelo Riccardi, ha ridotto la nostra Manfredonia ad un ritrovo uso un termine volgare, —


  • semprevigile

    In passato, quando per gli stessi motivi e più in generale quando si rimarcava la mancanza di vigilanza, qualcuno faceva presente che i vigili urbani erano sotto dimensionati, che la città si era ingrandita ecc.. ecc….
    Dopo aver constatato che parechi vigili sono passati nei ranghi degli impiegati comunali… …….; aver constatato dopo tanti patemi che il famoso concorso finalmente ha rimpinguato il battaglione dei Vigili Urbani motociclistizzati, automobilizzzati….. mancano quelli a cavallo (forse a breve li vedremo come ha fatto Foggia) si assistono sempre agli stessi fenomeni…. A questo punto mi chiedo e chiedo forse meglio dei vigili sapranno fare i proposti droni…..o forse è meglio dotarli anche di biciclette?????
    Un’altra domanda alcuni vigili vanno a coppia a piedi… chi sa il motivo ?


  • ANNO XIV ERA RICCAMPO

    Ormai non le possiamo più leggende metropolitane, le prove fotografiche dei vari articoli e anche quelle che oguno di noi purtroppo nota ovunque si rechi è davvero il colmo della misura. Che io ricordi Manfredonia non ha mai raggiunto un livello cosi grave di degrado e inviciltà.


  • Manfredolandia

    Perchè non impiegate gli LSU a ripristinare i luoghi degradati?
    E le telecamere?
    bisogna beccare un vandalo e rovinarlo per dare l’esempio alle centinaia di vandali sipontini e anche ai zozzoni che imbrattano le strade di feci canine.


  • Querelle de Brest

    Hanno anche un grande innata propensione ai disegni a sfondo sessuale, questo la dice lunga sullo stato di salute mentale di molti scribi murari nonchè di gravi problemi di complessi di inferiorità.


  • Peppe

    Invece di criticare il sindaco guardatevi dentro ! Incivili ! Siete solo dei frustrati !


  • Strazzamutand

    E tu ti sei mai guardato dentro? Paladino dei miei stivali!
    Hanno ragione a lamentarsi. Quelle foto non sono state scattate a Rio de Janeiro ma a Manfredonia!


  • Giuseppe

    leggendo l’articolo(un articolo assolutamente veritiero e giusto) mi ha molto colpito la distinzione tra insigne ed insignificante. Só bene che c’entra poco o nulla con il discusso, ma non ho potuto fare a meno di pensare ai tanti stupri edilizi che ha subito la nostra città nel corso degli anni(palazzi di 6/7 piani in corso Manfredi, ad esempio) e al fatto che i “rei confessi” siano o siano stati considerati insigni cittadini anzichè insignificanti,ingnoranti.
    Per un writer o per un incontinente bevitore la classificazione pone molti meno problemi, mentre per la categoria di cui parlavo prima è più ardua. Eppure ci hanno rovinato la vita molto più di uno che scrive sui muri.
    È proprio vero: e sold fann l’omm onest!


  • Il datore di lavoro di Peppe

    Peppe x favore smettila con il trastullo sul web e cercare di portare a termine il tuo lavoro istituzionale, altrimenti ti licenzio senza preavviso.


  • Antonello Scarlatella

    Che vergogna. Un popolo che non e’ capace di dare decoro alla propria citta’ non puo’ chiamarsi o vantarsi di essere un popolo civile. Purtroppo noi siamo dei grandi cafoni, maleducati, incivili. Pero’ ci sappiamo vestire per fare lo struscio. Una delle piu’ belle cittadine italiane distrutta e degradata dal suo popolo incapace di comportarsi civilmente. Auto che sfrecciano a tutta velocita’, parcheggi selvaggi, merda di cane dappertutto……..che popolo strano che siamo. Tutti siamo colpevoli di questo schifo. Qualcuno avrebbe detto. ” prima di fare Manfredonia, bisogna fare i Manfredoniani”.


  • luca

    D’accordo con Antonello: aggiungo non bisogna dare colpa alle forze dell’ ordine, ma alle politiche sbagliate degli ultimi 30 anni, che hanno costretto molti giovani, con capacità e creativita’ lavorativa ad andarsene da Manfredonia, grazie alle protezioni politiche ai loro fedelissimi. Basta vedere e valutare i comportamenti di gruppi di ragazzi che, tutti i giorni, danno sfogo alla propria rabbia distruggendo cose e beni pubblici, senza chiedersi chi paghera’ le conseguenze.


  • Gerardo

    Finalmente antonello esce la parte migliore di te! Finalmente metti da parte l’acredine che hai nei confronti del sindaco e fai un’ analisi lucida! Ho sempre pensato che al di la di tutto , tu fossi una persona perbene e onesta ! Complimenti per il commento!!! Ps . Tra poco se sentiranno scorreggiare qualcuno per strada diranno ” e’ colpa del sindaco”


  • agguerrito

    Sig. Scarlatella io penso che lei vede solo ciò che vuol vedere tralasciando gran parte dei problemi che attanaglia questa città. Giusto ricordare le cacche, le auto sfrecciare ed i parcheggi selvaggi ma lei tralascia la maleducazione, l’ignoranza, la superbia, l’arroganza del popolo sipontino, soprattutto nelle “nuove leve”.
    Si è mai fatto un giro nella villa comunale?
    Non guardi solo le cacche “che sicuramente ci sono”, ma guardi anche le mura di cinta del castello, deturpate da scritte insignificanti, guardi i bidoni dell’immondizia…..distrutti e gettati nell’erba….., guardi nel prato, non attentamente….e troverà di tutto….carte…bottiglie di vetro, di plastica…vaschette….di tutto.
    Sig. Scarlatella, il Sipontino va educato dalla testa ai piedi.


  • serena

    Ho da poco comprato casa in Cortile San Martino, uno dei cancelli scritti in foto è il mio ed era stato montato da sole due ore, oltre alle scritte che con l’arte non centrano niente ma sono solo atti vandalici, quel vicolo è diventato un bagno a cielo aperto, i residenti del posto non solo non dormono di notte a causa di ragazzini che hanno letteralmente preso possesso della zona ma non hanno neanche il diritto di aprire le finestre dei loro balconi per la puzza che proviene dal vicolo. Io personalmente credo che non sia giusto ritrovarmi da sola senza sapere neanche a chi rivolgermi per risolvere il problema quando stiamo parlando di una strada pubblica, l’assenteismo dell’amministrazione è evidente, sto cercando una soluzione da concordare con la pubblica amministrazione, anche a mie spese, ma ad oggi non ho ancora ricevuto nessuna risposta e nessun aiuto.


  • Carmen

    Concordo pienamente con Serena, uno dei cortili più belli e caratteristici di Manfredonia è stato totalmente deturpato oltre che scambiato per un urinatoio….!
    Tutto questo è vergognoso! !!


  • gioia

    l’ennesima dimostrazione dell’assenteismo totale delle istituzioni, che preferiscono lasciare che il degrado e l’inciviltà rovinino un posto secolare e caratteristico come Arco San Martino. Sdegno.


  • gioia

    l’ennesima dimostrazione dell’assenteismo totale delle istituzioni che permettono che degrado e inciviltà rovinino uno dei posti più belli di Manfredonia, quale Arco San Martino, lasciando i cittadini abbandonati a loro stessi! Sdegno


  • ex

    Più che all’ombra, io direi alla luce del degrado perché è palese, verificato e comprovato! Manfredonia discarica di rifiuti speciali, urbani ed umani.


  • Giuseppe

    La colpa non e’ dell’istiuzioni, ma e’ della gente maleducata e incivile che ormai dilaga in questa citta’,esiste un menefreghismo totale, lo vedo ogni giorno di piu’


  • Dino Giordano

    Il degrado è sopratutto morale,sta dentro le nostre coscienze.
    Manfredonia è quello che ognuno di noi (non) fa per vivere bene.
    Le scritte “I love you”,ma quanto mi love? è la risposta adolescenziale/giovanile al degrado italiano da anni(30/40).
    Un elemento da discutere sul centro storico è che non abita (quasi) più nessuno. E’ triste,cara Serena,ma forse l’unica soluzione nel suo caso è chiudere l’ingresso come hanno fatto gli abitanti nel centro nelle stesse condizioni.


  • la.bersagliera

    inciviltà e maleducazione regnano sovrane nella città di Manfredonia non solo nei confronti di monumenti o edifici di interesse storico ma anche nei nuovi quartieri. nel comparto CA9 è possibile vedere scarichi abusivi dappertutto, frasi di banali imbecilli su asfalto stradale nuovo o sui muretti di case che difficilmente spariranno….installiamo telecamere funzionanti in tutte le principali strade e soprattutto educhiamo i giovani a non imbrattare la città con le soliti frasi da imbecilli.


  • Fabio

    E’ semplicemente indecente l’indifferenza delle Istituzioni davanti ai fatti compiuti ed al degrado a cui sta andando incontro la nostra città…
    Come sempre non si riesce a trovare una soluzione ai problemi dei cittadini che sono costretti oltre che a rimboccarsi le maniche per sistemare tutto da soli A LORO SPESE e senza l’aiuto delle Istituzioni, anche a PAGARE delle tasse per poter tenere le loro proprietà in modo civile e decoroso!!!!
    Spero che questo articolo arrivi a tutti i cittadini di Manfredonia e non solo a coloro che hanno subito un torto!!!!


  • L'anticristo si è fermato a Manfredonia.

    Manfredonia va purificata.


  • Antonello Scarlatella

    Caro Gerardo, sia tu che altri, sbagliate di grosso quando dite che io ce l’ ho con il Sindaco. E’ sbagliato. Io sono solo deluso dal sindaco e piu’ volte ho elencato i motivi. Leggi se vuoi l articolo che scrissi su di lui su stato l anno scorso. Agguerrito ha perfettamente ragione. Ha completato con il suo post quello che e’ il mio pensiero. La politica nell’ incivilta’ ha responsabilita’ marginale. Il problema che la politica locale, e’ un grande specchio. Immaginate che tutti noi ci mettessimo in piazza del popolo, di fronte abbiamo il nostro specchio. E’ la societa’ che genera la politica, non e’ la politica che genera la societa’. In sostanza la politica per una citta’ funziona un po’ come la moglie; ognuno ha quella che si merita.


  • croce 21

    La nostra citta ha solo bisogno di essere steririlizzata ,ma non con la candegina ,ma, con l’acido muriatico .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi