Manfredonia
Nota di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato

Manfredonia, E.Pellico: radiologia non può operare, assurdo

"Da stamattina anche la tac è ferma"

Di:

Manfredonia – “E la storia continua! Come sempre il nostro direttore generale, ing. Manfrini, continua a glissare le continue richieste di intervento per sistemare i macchinari della radiologia. Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato si chiede se sia possibile fare affidamento sul direttore sanitario di Manfredonia, dr. Totaro o, invece, bisogna diffidare anche di lui. E’ di oggi la notizia che la radiologia non può operare a causa del perdurare della inutilizzabilità di due macchine radiologiche, ferme, ormai, da più di dieci giorni, così come non funzionano le CR (cassette radiologiche), che hanno problemi di connessione e manutenzione, per cui non è possibile effettuare neanche una semplice radiografia”. Lo scrive in una nota l’avvocato Eleonora Pellico di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato di Manfredonia.

“Nonostante le comunicazioni fatte di intervento dei tecnici, questa associazione deve, purtroppo, far sapere che nulla si è mosso. Non è possibile che non vi siano tecnici da poter chiamare o che non sappiano fare il loro mestiere. Allora ci si chiede quale sia il gioco attuato dalla direzione generale e sanitaria?! (….) Cittadinanzattiva non vuole certamente pensare che da parte delle due direzioni vi sia scarsa coscienza e menefreghismo nei confronti dei cittadini”.

“Ma non basta. Da stamattina anche la tac è ferma e sono stati mandati a casa coloro che dovevano eseguire tale esame, mentre a breve gli ospedali di Cerignola e San Severo saranno dotati di tac di ultima generazione.

Non da ultimo vi è la questione dell’ecografo per la mammografia a tutt’oggi non funzionante, creando notevoli disagi alle utenti, che sono dirottate a Cerignola per poter effettuare tale esame. A questo punto l’associazione chiede un intervento urgente all’Assessore Regionale Pentassuglia affinchè risolva al più presto la situazione e rinnova l’invito ad un incontro per discutere della sanità a Manfredonia.

Non si vuole pensare che anche l’Assessore Regionale attuale sia come il precedente e voglia portare a termine una politica discriminatoria iniziata con l’ex assessore. Anche il nostro Sindaco è stato informato della situazione e sta provvedendo attraverso i suoi canali, che si spera possano produrre effetti immediati. Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato resta in attesa di un sollecito riscontro da parte di coloro che sono stati chiamati in causa altrimenti si vedrà costretta ad adottare altri mezzi e sollecitare la popolazione ad intervenire”.

Redazione Stato

Manfredonia, E.Pellico: radiologia non può operare, assurdo ultima modifica: 2014-11-19T19:14:16+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Angelo Verde

    Dimissioni immediate per il commissario straordinario , e richiesta urgente di un tavolo di lavoro con l’assessore alla sanità, prima che sia troppo tardi. Se non è già troppo tardi !?!?!


  • angelo

    Da troppo tempo si reclama il sacrosanto diritto alla salute dei cittadini di Manfredonia, si riscontrano petizioni,inviti ad attivare canali propri ecc, mi chiedo se non ci siano gli estremi di portare a conoscenza della vicenda la Procura della Repubblica di Foggia, semmai con un denuncia aperta, o perlomeno far pubblicare anche su organi locali una dettagliata relazione delle presunte mancanze e/o omissioni in modo che ogni cittadino di Manfredonia possa farsi carico della problematica. BASTA PROCLAMI.


  • Anna

    Grazie Elena Gentile grazie graxie di cuore ,sei la numero uno , graxie da parte di tutti i cittadini di Manfredonia , e grazie anche a quelli che l’hanno votata (circa tremila cittadini di Manfredonia ) grazie grazie , spero che a quelli che l’hanno votata capiti di aver bisogno di radiografie così dovranno andare a Cerignola dove la grandissima Elena Gentile ha fatto arrivare macchinari di ultima generazione, cittadini di Manfredonia fate pena per non dire altro , che popolo di m …a . Graxie


  • Dino

    Mi dispiace ammetterlo, qui si sta facendo di tutto per far chiudere questo ospedale.
    Noi del Movimento 5 Stelle non ci stiamo, e faremo di tutto per tenerlo aperto.
    il 29 novembre nei locali del laboratorio culturale LUC , sarà dedicato una giornata intera per ” Sanità a 5 Stelle”. interverranno massimi esperti del settore.


  • Basta

    Basta.Basta.Basta proclami,basta lettere minacciose inconcludenti,basta interrogazioni in consiglio regionali fine a se stesse,basta articoli sui vari internet ,basta chiacchiere e’ ora di passare ai fatti.E’ il momento di portare in dote alle prossime primarie di destra e sinistra qualche risultato.I problemi del nostro ospedale sono noti a tutti.Fate qualcosa, non tutta la gente ha la benda agli occhi oppure è lobotizzata. Ai posteri ardua sentenza…..


  • ANGELO

    X DINO: ANCHE SE FAI UN RIFERIMENTO BEN PRECISO, DUBITO CHE RAPPRESENTI IL MOVIMENTO 5 STELLE, NON SERVONO ESPERTI DEL SETTORE, PER FAR COSA, POLITICA? . IL 29 CI SARO’ E SE NON SI TRATTA DI SPECULAZIONE ELETTORALE MI ASPETTO UN DOSSIER CHE ATTESTA LE RAGIONI DEI CITTADINI,. :


  • Per Nione

    Credo sia meglio stare zitti ed evitare di scrivere cavolate senza senso perché si capisce subito, dal tipo di commento, l’ignoranza che galleggia.


  • Dino

    Angelo sei invitato per renderti conto se non facciamo propaganda o speculazione elettorale. A noi dei voti non ce ne frega niente, ripeto non ce ne frega niente.
    Non vogliamo cambiare, siamo stufi di tutto questo marciume,BASTA.


  • Angelo Verde

    Caro Dino il movimento cinque stelle è stanco di questo marciume ?! , benissimo , allora perché non organizzate un giornata di sciopero generale per salvare l’ospedale coinvolgendo tuta la popolazione ?!. Come dite voi Basta chiacchiere , è il momento dei fatti !?!?!

  • MA TUTTI I POLITICI OSPEDALIERI (A TUTTI I LIVELLI)CHE DICONO


  • giustizia

    Ma come, sull ospedale si invocano scioperi e cortei di piazza, sull deposito gpl nessuna parola, questa e’ strumentalizzazione politica, quale differenza c e’ tra le due cose, sono entrambe emergenze, ma qui qualcuno preferisce l ospedale, perche? Clientelismo politico? Ovvio che il mio riferimento non vale per i cinque stelle, a cui va tanto rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi