Capitanata

Trinitapoli, furti di olive, 5 arresti

Di:

Foggia – I Carabinieri della Stazione di Trinitapoli, a seguito di servizio di pattuglia delle aree rurali, hanno tratto in arresto in flagranza di reato Dileo Franco Giuseppe, 33 anni e SPARTACO Nicola, 39 anni, per il reato di rapina impropria, in quanto venivano sorpresi mentre stavano asportando venticinque quintali circa di olive da un fondo agricolo in località “La Fenice”, caricandoli su un Fiat Ducato preso a noleggio a Cerignola.

Alla vista della pattuglia dei Carabinieri i due cercavano di raggiungere il veicolo ed una volta bloccati dai militari li spintonavano per cercare di continuare la loro fuga, venendo comunque bloccati. La refurtiva, del valore di circa 2000 euro, è stata restituita al proprietario del fondo. Gli arrestati sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari.

Sempre a Trinitapoli, i Carabinieri hanno tratto in arresto anche tre cittadini rumeni: BREZEANU Trandafiz, 50 anni, ENCIU Paul, 41 anni e ERBICIANU Maria Cristina, 37 anni. I tre venivano sorpresi a depredare di olive gli alberi di un fondo agricolo ubicato in contrada “San Tommaso”.

I malfattori si accorgevano della presenza dei Carabinieri e con la refurtiva, cinque quintali circa di olive, ormai caricata sul loro furgone Mercedes Vito, si davano alla fuga per tratturi campestri, venendo raggiunti dai Carabinieri, arrestati e sottoposti ai domiciliari.

Redazione Stato

Trinitapoli, furti di olive, 5 arresti ultima modifica: 2014-11-19T11:28:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi