Manfredonia
A cura di Pascalonia

A longa sije

Di:

A lla ggènde pe lli pennacchje
adda stéje sèmbe sop’a toje,
te potene fé nu bbèlle nguacchje
pure assettéte sop’a sèggja sdreje.

A longa sije lli déje lènde,
pure u cchjù sceme vole fé llu rè
e quanne ce ngarne cuddu dènde
cj’ abbagne llu vescutte nda llu tè.

Sperjéme, che sacce, na cadute,
na revulezjone, nu lisce e bbusse,
po’ succede, che ve ll’à credute,

cj’avèssera chiude quiddi musse.
A longa sije, a longa d’agnune
a ccummatte p’i chépe d’andrine
.

Pascalonia

Lontano sia
Alla gente con i pennacchi (incarichi pubblici)/ devi stare sempre sulla tua (difensiva)/ti pososno fare un bello inguacchio (danno)/ pure se son seduti su una sedia a sdraio./ Lontnao sia se le dai confidenza (libertà d’agire)/ pure il più scemo si sente un re,/ e quando si incarna quel dente/ si bagna il biscotto nel thè./ Speriamo, cher ne so, una caduta,/ una rivoluzione, un liscio e busso,/ puo’ succedere, che cosa ne crediate,/ si dovessero chiudere quei musi,/ Lontano sia, lontano da ciascuno/ avere a che fare con i capi popolo.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati