Manfredonia
A cura di Vincenzo Moccia

Manfredonia, G.Nobile “Cig in deroga pesca: non ci danno neanche le informazioni”

Dillo a Stato: partecipa in trasmissione, inviando una mail a segreteria@statoquotidiano.it

Di:

Manfredonia. “Rassegna Stato”, edicola quotidiana a cura della redazione di Stato Quotidiano.it.

A cura di Vincenzo Moccia

https://www.facebook.com/statoquotidiano/?fref=ts
https://www.facebook.com/radiomanfredoniacentro/?fref=ts

Dillo a Stato: partecipa in trasmissione, inviando una mail a segreteria@statoquotidiano.it

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Antonio Trotta

    Ma la Pesca non è il settore trainante dell’Economica a Manfredonia?


  • Giovanni

    Come Renzi e i servi sipontini non vi hanno comunicato niente, stanno dando caramelline a tutti pur di mantenere le loro sporche chiappe sulla poltrona?


  • Chi è il traditore Lino Banfi o il suo accusatore che vota SI al referedum?

    mi è venuto il mal di stomaco.


  • Cane di prora

    Trotta non stipulare mutui il tuo posto all’Energa vacillava, dopo il 13 ancora di più e dopo il 4 di dicembre te lo scorderai.
    Che -scrivi! Certo che è il settore traiante! Ma chi sei dove vivi? Ma smettila di scrivere cavolate!!


  • Lele69

    E’ trainante il tuo a Manfredonia e in Italia. Bombole di gpl solo negli accampamenti di gitani e auto a gpl praticamente quasi scomparse e comunque al tramonto ciao ciao


  • pescatore

    A me piemontese mi ha detto che non poteva darmi informazioni, che doveva andare il presidente della coperativa , io non ho ancora avuto i soldi dell’anno scorso e non so neanche perché o cosa e successo


  • Antonio Trotta

    @Cane di prora e@Lele69 Scusate chi ha parlato dell’Energas?
    Oltre al calcio ora sapete parlare solo di Energas?
    mi dispiace per voi, ma se avessi la possibilità di lavorare per l’Energas l’ultimo posto dove lavorerei è a Manfredonia.

    Cane di prora, mi dispiace per te, purtroppo, considerando che per le menti mediocri, i problemi propri sono quelli degli altri, se non riesci a pagare il mutuo vendi casa, sperando che tu non l’abbia comprata ai comparti.


  • Bah

    Il problema è sempre quello: troppe cooperative, alcune con persone di discutibile preparazione, poca consapevolezza dei pescatori del loro ruolo, e paura di cambiare. Insomma na bella merda.


  • Anonimo

    Settore trainante di una economia per se stessi economia nera infatti il prodotto della maggior parte dei pescatori di Manfredonia anziché passare per il mercato ittico si volatilizza per Bari per Lesina per Vieste per Termoli per Napoli senza dichiarare nulla questa si chiama economia illegale e non trainante visto che non traina un bel nulla ed i pescatori parlano di CIG qualche anno fa era assurdo solo il pensiero di una cassa integrazione per i pescatori. Così anche grazie alle coop di pesca si passa da un economia trainante ad un economia stagnante.


  • Giuseppe

    X anonimo. La cassa integrazione in deroga è stata una soluzione adottata dal governo affinche i pescatori attuassero una pesca sostenibile, riducendo lo sforzo di pesca e lo sfruttamento delle speci alieutiche, cig che viene pagata agli addetti del settore un anno e mezzo dopo il periodo di fermo che dura quasi 2 mesi, mesi in cui il pescatore non lavora e non guadagna e deve sostenersi ugualmente. Quello di cui tu parli, vendite illegali di pesce sono chiacchiere. Come i produttori agricoli, anche l’ armatore può vendere una quantita di pescato alla mano, oltre, oggi tutte le quantità sbarcate da bordo vengono controllate attraverso un sistema di conta chiamato log book.


  • Anonimo

    I produttori agricoli si vendono il prodotto che scaturisce sia dal loro lavoro sia dalla loro proprietà cioè la terra.I pescatori hanno un prodotto frutto del loro dignitoso lavoro ma ti voglio ricordare che il mare non è di proprietà quindi capisci che non è paragonabile assolutamente il pescatore con l’ agricoltore.Prima pagavate per andare a pescare novellame poi nessuno pagava e vi hanno tolto la pesca dei pesci piccolini bianchetto per precisione. Poi qualcuno ai vertici ha detto diciamo che la C E non vuole che si peschi novellame e il gioco è fatto.Per precisazione anche se penso che tu già lo sai, volevo dirti che non puoi vendere manco un chilo alla mano ma devi dichiararlo al fisco in più il prodotto per legge deve essere tracciabile e non lo puoi vendere a chicchessia.Ma so bene che sai già tutto.


  • LA NAZIONE PIU' CORROTTA DEL MONDO.

    IL PESCATORE E L’AGRICOLTORE SONO LE ATTIVITA’ PIU’ NOBILI DEL PIANETA PECCATO CHE SPESSO IN QUESTI SETTORI C’E UNA SPAVENTOSA GESTIONE CHE A VOLTA SFIORA L’INCREDIBILE..COME AD ESEMPIO UN CHILO DI FRUTTA VENDUTO DALL’AGRICOLTORE A 0,30 CENTESIMI POI VENGA VENDUTO LO STESSO PRODOTTO A 2 3 EURO PER VIA DELLA FILIERA PSUDO MAFIOSA!

    LA PESCA? A MANFREDONIA CENTINAIA DI TONNELLATE DI PESCE DOVREBBE CONFLUIRE NEL MERCATO ITTICO…SI VENDE OVUNQUE PERSINO NEGLI INGRESSI DI ABITAZIONI PRIVATE E QUANTITA’ ENORME, SPESSO IL TRASPORTO, LA VENDITA, LE MODALITA’ SANITARIE E FISCALI SONO TOTALMENTE ASSENTI! SE VENISSE UFFICIALIZZATO IL P.I.L. SIPONTINO E RELATIVE TASSE DA PAGARE, AVREBBO UN PIL SIPONTINO MOLTO ALTO E MOLTE ENTRATE DI TASSE IN PIU’. A CHI GIOVA TUTTO CIO’? A CHI SPETTANO I CONTROLLI?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati