Manfredonia
"Può la città dimenticare che si tratta di consiglieri comunali passati disinvoltamente negli anni da destra a sinistra"

I pellegrini della politica e dell’amministrazione della cosa pubblica

"La cupidigia personale, la frenesia di occupare il potere porta anche a questo malefico effetto: dimenticare o sottovalutare quel che di buono si è partecipato a realizzare"

Di:

Manfredonia – A proposito del bilancio comunale Gaetano Prencipe (malconsigliato dai suoi sodali) straparla o fa solo finta? Leggendo infatti le sue ultime “avventure” testuali appare chiaro che siamo di fronte ad una esternazione priva di fondamento e che non tiene affatto conto di tutto il lavoro svolto a monte per razionalizzare la spesa e per mantenere in ordine i conti del Comune. Caro Gaetano, ho l’impressione che ti hanno male informato e forse non hai seguito in questi ultimi anni l’evoluzione normativa della finanza pubblica. Hai ripreso le sciocchezze già dette da qualche ex candidato consigliere di Forza Italia, poi passato al PD un po’ di anni fa (Domenico Scarano).

Si fa sempre più evidente in queste ore come le dichiarazioni di Gaetano Prencipe e dei suoi compagni di “cospirazione” venga fuori il vuoto assoluto di questo fantomatico “nuovo che avanza” (che nuovo non è. Forse che sia avanzato?)

Queste primarie interne al PD evidenziano sempre più i limiti di un sereno dibattito che pure sarebbe stato opportuno avviare e sviluppare, non fosse altro per rendere conto ai cittadini dei progressi che la città, il territorio ha fatto, ad onta della crisi sfociata in depressione, dei pesanti tagli finanziari che hanno messo in ginocchio i Comuni italiani.

Una situazione estrema nella quale il sindaco della città, Angelo Riccardi, ha governato con accorta sagacia e riflessiva attenzione, da vero pater familias, riuscendo a condurre in porto numerose attività di risanamento di tante situazioni degradate, ad avviare progettazioni importanti che a breve troveranno realizzazione compiuta (i particolari si possono leggere nel pieghevole pubblicato da Riccardi). Prima prova di questo sano governo è il bilancio tenuto entro i limiti imposti dalle leggi vigenti. Una composita realtà facilmente riscontrabile solo che si guardi con occhio e cuore liberi da condizionamenti del tutto personali. La città risulta più progredita, più avanzata, più moderna.

Un quinquennio per tanti aspetti edificante, nonostante la congiuntura economica sfavorevole e la pesante riduzione dei trasferimenti erariali ai Comuni, eppure è proprio su questi 5 anni che si è abbattuta la strumentale invettiva di coloro che di quelle situazioni hanno condiviso la responsabilità, con l’incondizionato consenso mai fatto mancare durante l’intera legislatura. Poi all’improvviso la folle virata: la levata di scudi di un manipolo che è riuscito perfino a sputare veleno sui meriti che essi stessi possono accampare per il semplice fatto di essere stati parte dell’amministrazione Riccardi. Assurdo. Incredibile. La cupidigia personale, la frenesia di occupare il potere porta anche a questo malefico effetto: dimenticare o sottovalutare quel che di buono si è partecipato a realizzare. Di modo che tutto quel che di costruttivo si è meritoriamente concretizzato nel problematico contesto di cui innanzi, è diventato colpa, errore, incapacità e via di questo passo.

Questa disputa primaria ha messo in evidenza una condizione davvero miserrima di una parte minoritaria della stessa maggioranza di governo della città, di uno stesso partito – peraltro il più suffragato – che si è scagliata con inaudita virulenza contro chi quella maggioranza e quel partito ha onorato con un attivismo concreto e fattivo. Può la città dimenticare che si tratta di consiglieri comunali passati disinvoltamente negli anni da destra a sinistra cercando ovunque un posto al sole e, forse, anche benefici ad personam? O che siamo di fronte a sedicenti rappresentanti della società civile, alla spasmodica ricerca di un protagonismo sempre negato alla prova del voto (quando hanno avuto il coraggio di candidarsi), miracolosamente assurti a strumentali portavoce di un dissenso, da altri creato ad arte?

E’ di questi individui, sedicenti paladini del nuovo e improvvisati tuttologi di circostanza, che bisogna diffidare, allontanandoli definitivamente dal contesto governativo della città. È il momento che avvoltoi e gufi, che da qualche giorno provano ad oscurare il cielo cittadino, tornino a rintanarsi nella solitudine dei loro circoli elitari, peraltro molto scarsamente frequentati, a riflettere su quanto non siano più (o non siano mai stati) al passo con i tempi.

(A cura di Pasquale Rinaldi – Assessore al bilancio e patrimonio del Comune di Manfredonia)

Redazione Stato

I pellegrini della politica e dell’amministrazione della cosa pubblica ultima modifica: 2014-12-19T21:05:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
21

Commenti


  • Uno di Voi

    E’ EVIDENTE CHE QUESTE PRIMARIE NON SONO UNA DISPUTA POLITICA SUL FUTURO DI MANFREDONIA SONO UNA QUESTIONE STRETTAMENTE PERSONALE, UNA RESA DEI CONTI!

    Ma chi avrà la poltrona di Sindaco si potra conciliare sul piano politico con l’altra corrente? No, perchè qui è in atto una campagna di odio reciproco che non ha nulla a che fare con il confronto democratico.

    Questo è l’effetto distorcente della mancanza di democrazia dovuto esclusivamente all’atteggiamento del “solo uomo al comando” di Riccardi che a costo di comandare come vuole lui, ha mandato a quel paese una parte del suo partito per allearsi con i suoi oppositori l’ex-PDL, in modo da creare un’oligarchia vera e propria, dove i magnifici sette fanno gli interessi personali occupando indisturbati un ruolo politico ben remunerato (tranne il Sindaco, che è risaputo che se la passa male!!!!).

    Stando così le cose la politica a Manfredonia nei prossimi anni sarà una guerra tra bande!


  • Mimmo SCARANO

    Caro Assessore, ai cittadini non interessa conoscere le sue idee sulle primarie e sul candidato alternativo al sindaco, anche perche’ sono a dir poco scontate. Vorrebbero piuttosto sapere se i dati riportati sono esatti e se i pareri dei revisori dei conti sono stati correttamente riportati. Allo stesso modo, se è in grado di farlo, vorrebbero una conferma dei crediti vantati verso la GEMA, e se è vero che il comune non è stato nemmeno ammesso al passivo per incompletezza della domanda. Notizie, quindi, piu’ che offese verso chi oggi nel rispetto dovuto ai cittadini, vuole fare delle primarie un momento di verità e di chiarezza anche sull’effettivo stato del bilancio comunale, oltre che sui risultati fallimentari di questa amministrazione


  • QUATTODDICI

    Mi associo condividendo in pieno l’analisi dell’Assessore Rinaldi,in particolare è degna di nota la critica rivolta al Sig.Scarano,di cui è veramente imbarazzante sia l’atto di trasformismo che la sedicente competenza sul bilancio economico della città,mutuata per dedicarsi a catastrofistiche premonizioni,a mio parere(ed a riguardo vorrei sentire anche il parere dell’assessore Rinaldi) infondate.
    Come già messo in evidenza,
    prima di parlare di grandi numeri,a mio parere,
    si dovrebbe imparare la pronuncia dei numeri piccoli e poi proseguire gradualmente.
    QUATTODDICI (means 14) vuol dire (cifra) QUATTORDICI CFR:14 https://www.youtube.com/watch?v=0HY7ha5nrnc


  • Redazione

    Restiamo a disposizione per l’invio di ulteriori dati o riscontri; segreteria@statoquotidiano.it


  • alleznam

    (per pubblicazione necessari atti, grazie,ndr). Caro pasquale sai quante persone come te sono preparati ma non hanno la fortuna che hai ricevuto tu. Non voglio entrare nel merito delle decisioni di esponenti del PD, lasciando fuori gente preparata ma senza la spinta politica. Lo sai che domenica Riccardi avrà il giudizio del popolo sovrano, se ha lavorato bene sarà premiato, per conto mio e per me lo mando a casa , lui è peggio di Pinocchio.


  • senza vergogna

    Sei senza dignita e senza vergogna.phuuu


  • Rinaldi, tu sei peggio di quelli di Forza Italia !!!

    Assessore Rinaldi ma che dici?! ………. e parli pure! .. Diccelo tu! (..) e mo ti vuoi mettere a fare il comunista come quando da giovane .. per protestare?!?! Quanta strada ne hai fatta grazie alla politica, ……. Ma davvero pensi che la gente crede che tu sia tanto diverso da quelli (altri gruppi politici,ndr)?? Ma pensi che le persone non vi vedono e non vi conoscono o non si ricordano le cose??? Pasquà preparati …..


  • Robin Hood

    ASSESSORE RINALDI CHI SEI??? LO SCERIFFO DI NOTTINGAN?!?! .CI HAI FATTO PAGARE le TASSE. PRIMA CAMPO, ALLA VIGILIA DEL VOTO ALLA PROVINCIA, per farsi votare, CI DICE CHE NON DOVEVAMO PAGARE LA TARES E POI ARRIVA RICCARDI E DICE CHE INVECE DOVEVAMO PAGARE. SAI CHE TI DICO? MEGLIO FAR PARTE DEI CIRCOLI ELITARI CHE…

  • on dico di credere ma di accertarvi ,(a parere mio) di questo bilancio se lo ricorderanno anche le prossime generazioni .
    il peggiore realizzato negli ultimi 40 anni .
    colpe c’e’ ne sono è come ,non sono addossabili solo all’assessore essendo lui politico ma hai funzionari ,quelli ……che mancano.
    e chi pagherà perchè si pagherà statene certi .
    il bilancio dall’insediamento è basato su una alchimia numerica del togli metti in poche parole senza consistenza .
    ma questo è stato avvallato dall’intero consiglio comunale ,fino all’arrivo del consigliere candido .
    che a suo modo espose il problema sin dal suo insediamento fino all’ultimo consuntivo .
    l’unico ad aver parlarto di certe situazioni contabili poco chiare dichiarando in modo molto comico cosa più si doveva chiedere di sacrificio dalla gente…. la pelle??? e indicando che i responsabili di queste ricadute era tutto il gruppo del PD E dello spaccato politico creato definendo il bilancio una coperta corta con un prelievo pesante sulle famiglie.
    cosa verificatosi subito prelievo pesantissimo tredicesime saltate .
    riascoltando il consigli comunali e leggendo gli articoli mi rendo conto ,che prima di candido nessuno aveva parlato dei residui attivi sono come fumo
    e se ciò risulta vero cosa ci rimane da fare ……
    io rimango quello che ero nel mio piccolo circolo con il fumo delle sigarette…
    mentre tu mandi in fumo i sacrifici e i sogni di una generazione .
    io non ti voto più.
    raffaele


  • Pippo

    rinaldi incateniamoci insieme davanti al comune..


  • qui quo qua

    CARO RINALDI FORSE NON AI CAPITO NIENT,E INUTILE CHE VI GIUSTIFICATE L UN PER L ALTRO AVETE FATTO TUTTI ..DAL SINDACO PER PRIMA E A TE PER SECONDO,LE TASSE ARRIVATE ALLE STELLE VERGOGNATI


  • Le troppe tasse è il tallone di Achille di Riccardi

    ANNO XIV ERA RICCAMPO
    Mese II alleanza con il generalissimo e l’uomo dei tabelloni sul corso
    inneggianti alla fabbrica di S.Pietro

    Lei è il capo tesoriere? Mi dica a quanto ammonta il debito pubblico sovrano Comunale, a quanto ammonta la cifra per interessi passivi che gravitano sul debito. Non mi faccia gli incantesmi delle partite attive, li depuri dalle partite spazzatura tipo debiti irrecuperabili ed evasione irrecuperabile.
    Udendo commenti soprattutto di commercianti e anche i cittadini, il vero tallone di Achille sono le troppe tasse aumentante, mi sa tanto che se campo fu trombato dopo la rivolta popolare, il sindaco forse ignora con una rabbia che cova nell’humus della popolazione rischia anche lui il trombamento. E facile ragionere spendere tanto e poi far quadrare i conti modificando numerelli e moltiplicandoli per il numero dei contribuenti ligi al dovere. Chi semina vento raccoglie tempeste. Probabilmente anche questa volta sarete travolti proprio a causa della monnezza manco immaginate quanto vi amano soprattutto i commercianti sipontini. Lo sapete cari ragionere e sindaco che con questo modo di operare di distrugge
    l’economia della città e spegne qualsiasi velleità di occupazione?


  • pacioccone

    SCARANO FI-PD dopo la batosta di domani M5S


  • Un umile cittadino con la III^ media

    Ho appena letto in un altro forum una nota della redazione circa i chiarimenti forniti dal Sindaco in materia di debiti. Francamente io personalmente non ho capito niente come anche non capisco niente di ciò che dice il sig.Rinaldi.
    Che cosa la storia di somme che difficilmente potranno essere recuperate e che risulterebbero negli attivi di bilancio? Un altro aspetto da chiarire, lor signori del Comune hanno bene in mente la nozione del debito pubblico?
    Allora ci dicano la realtà entità dello stato debitorio del Comune e non quello ipotetico ma quello reale. I debiti inesigibili non vanno mai in prescrizione?
    Che azioni giuridiche sono state intraprese nei confronti degli enti o dei soggetti che sono in debito con il comune? Non so denunce, solleciti, etc etc.
    Le sono molto grato se voi pubblicaste qualcosa in merito, ci tranquillerezze molto. Approfitto per formularLe un Buno natale e un buon anno e che sia foriere di bollette meno esose.


  • I tanti dubbi sulle Primarie di un privato cittadino (Michele - messaggio a Statoquotidiano)

    I tanti dubbi sulle Primarie di un privato cittadino

    Domenica, 21 dicembre, avranno luogo le Primarie del PD.
    Che in realtà nessuno dei due candidati costituisca “il migliore”, lo sappiamo benissimo tutti…
    Ognuno ha le proprie pecche, piccole o grandi che siano.
    E tuttavia, la mancanza di una terza, autorevole figura (e chiarisco subito che questa “terza figura” non avrebbe mai potuto incarnarsi nella persona di Italo Magno, la cui unica “grandezza” sta nel cognome che porta; ho avuto ben modo di conoscere e valutare il suo “modus operandi”), costringe a una scelta obbligata.
    Che non può essere quella dell’astensionismo, della scheda nulla o bianca… dopo un ventennio che di grandioso ha avuto ben poco, c’è voluta una guerra mondiale per restituirci, ampliato col suffragio universale, il nostro sacrosanto diritto di voto… non è giocando allo struzzo che si risolvono i problemi dell’Italia, e di Manfredonia nella fattispecie, non è voltando la testa dall’altra parte che qualcuno li risolverà per noi, non è continuando semplicemente a lamentarsi sulle cose che non vanno che queste cambieranno: bisogna cominciare a pensare che l’unica possibilità per un miglioramento generale della situazione sia fare “cittadinanza attiva”, partecipando, cioè, in modo fattivo a quanto avviene in Città.
    Ma torniamo alla scelta: quindi?
    Chi votare, l’Avv. Prencipe?
    Certamente ha il suo “appeal”: persona sicuramente più acculturata, sicuramente molto più diplomatico, e indubbiamente molto più “di facciata”, e del resto anche lui con alle spalle un mandato da Primo Cittadino…
    Appunto, cominciamo a parlare di questo:
    1. Perché a suo tempo non si è ricandidato al secondo mandato?
    Vorrei sbagliarmi, ma… forse è stato perché temeva che il “castello di carte”, il Contratto d’Area nel quale pure ha avuto tanta parte attiva, crollasse troppo presto, e perciò sulle sue spalle?
    Se questo fosse vero, spiegherebbe molte cose…
    2. Se ora, a spada tratta difende la Città e nei suoi tanti “Cantieri” indica le soluzioni a tutti i mali… dov’era solo pochi mesi fa, mentre ci “scippavano” allegramente il Reparto di Ostetricia di Manfredonia?
    Eppure, ritengo che la sua scelta di “scendere in campo” avrebbe dovuto essere una decisione maturata nel tempo, e non aspettando il caffè alle 8.10 del 12 ottobre 2014 al Bar Aulisa;
    3. Ma poi, se ancora servisse, ecco quella che è, a mio avviso, la “prova del 9”: in 15 anni di politica cittadina fatta da altri, non un suo scritto di denuncia, non un suo intervento radiofonico che sconfessasse l’operato di un solo Membro del Consiglio Comunale su uno dei tanti problemi che pure affliggono Manfredonia, né tanto meno (sempre in questi 15 anni!) una semplice dichiarazione che gettasse delle ombre sull’altrui operato politico … dove si era nascosto il suo amore per la città in tutti questi anni?
    4. Tuttavia, Prencipe resta sempre una persona “di facciata”… ma per chì?
    Chi si nasconde nella sua ombra?
    Vediamole, queste figure, facciamo un po’ di luce su di loro…
    – Un Consigliere Regionale alla ricerca del 3° (SI, TERZO!) mandato alla Regione, che credo abbia fatto anche lui poco o nulla per il nostro Ospedale (chiedo però ai Lettori di perdonarlo… come avrebbe potuto? Bari è così lontana da Manfredonia!);
    – Un Preside-scrittore, subito dopo aver annunciato il ritiro della sua candidatura (perché, si era candidato?); a questi va riconosciuta una certa dose di scaltrezza: con i suoi mielosi “Caro Sindaco ti scrivo”, ha saputo prepararsi i panni del Difensore Cittadino, del SuperMan…fredi di turno, salvo poi lanciarsi in questi ultimi giorni, in denunce che, se avessero avuto fondamento, avrebbero dovuto essere presentate in ben altri e più appropriati luoghi;
    – Una congerie di ex-Assessori Comunali, fino a poco fa o complici delle storture di cui il Sindaco uscente è accusato, e perciò inaffidabili, oppure più falsi e bugiardi di una banconota da 7 Euro, e pertanto ancora più inaffidabili…
    Con questi personaggi alle spalle, anche a volergli concedere il beneficio del dubbio, come potrebbe Prencipe poter governare per il bene della Città?
    E veniamo ora a Riccardi…
    Spigoloso, “ruvido” a volte, e dal forte carattere; può non piacere a tutti, ma molti lo amano per la sua determinazione nel perseguire gli obiettivi che di volta in volta si pone; non rappresenta certo l’optimum, e tuttavia è il migliore tra i due, in quanto:
    – pur operando nella peggiore situazione economico-sociale degli ultimi 60 anni, con scarse risorse, budget limitati e mille difficoltà, ha tenuto fede ai principali compiti di una pubblica Istituzione, quali sono, ad esempio, il mantenimento di Servizi Sociali dignitosi;
    – ha saputo assumere le proprie responsabilità quando c’era da “metterci la faccia” in tutte le iniziative che lo richiedevano;
    – il suo operato richiede il tempo necessario per concludersi nel miglior modo (sempre in relazione alla situazione contingente) possibile, e quindi, a mio avviso, necessita del secondo mandato;
    -tutte le belle cose portate a termine durante il mandato di Prencipe, dal Teatro Comunale alle tante iniziative culturali, sono state portate a termine grazie alla caparbietà di un certo Assessore alla Cultura, tale Angelo Riccardi…


  • Un umile cittadino con la III^ media


  • Il vero umile cittadino con la III^ media

    Redazione, no so chi sia l’impostore delle 11,58….. ma quele studiet ma s so fatt raccumandè da nu pizz da nuvand p passè lesem!
    I fess stann pa chep mbacc i libr!!


  • Lega fruttivendoli rione Monticchio

    Ci vediamo domani
    ciao ciao


  • Redazione

    Accogliamo la nota, grazie, Statoquotidiano.it


  • Il vero umile cittadino con la III^ MEDIA

    Grazie, probabilmente, è un depistatore o un burlone.. mentre io attendo fiducioso lumi dal sig. Rinaldi, ora lascio il pc acceso e connesso con questa pagina sperando che al mio rientro premendo il tasto F5 compaia qualcosa di nuovo.


  • il porto turistico senza barche e il mercato ittico senza pesci

    Assessore Rinaldi ,io voterò Riccardi,ma posso dirti anche che ti contesterò con la forza di tutto il mio contesto questo perchè se i conti si fanno sulla pelle della povera gente allora siamo capaci tutti.Un consiglio dimettiti prima delle prossime amministrative,moltissima gente anche quella proAngelo ce l’ha con te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi