Cronaca
"Roba da matti! Come si fa a gioire per un vantaggio dei cittadini? "

“Pensionato andriese, invalido civile con 450 euro al mese nelle grinfie delle tasse”

"Allora che fare? E’ giusto tutto questo? Ma qualcuno crede che la pazienza di noi cittadini sia infinita? "


Di:

Pensionato andriese con appena 450 euro al mese di pensione, invalido civile al 100%, nelle grinfie delle tasse comunali e del sistema di riscossione tributi e tasse. Sono proprio io ma questa è la storia di tantissimi concittadini che proprio in questi giorni, oltre a tutto il caos di cui tanto si è parlato, si stanno vedendo recapitare richieste di pagamento, nei giorni antecedenti le festività natalizie. Un accanimento malvagio e premeditato per dilapidare e poi depauperare quei pochi euro di tredicesima che ancora non si sono visti, togliendoli anche alla soddisfazione di un piccolo pranzo festivo familiare che ormai è diventato, per noi in quella condizione, un gran lusso mentre chi depaupera continua a festeggiare e mangia a sbafo.

Di fronte ad emergenze di questo genere non posso evitare di far notare l’assoluta assenza dei sindacati, amministratori e politici, anche di opposizione, che oltre a fare gli opinionisti si assumano responsabilità della gestione della cosa pubblica perché anche quanto accaduto per la Tasi e la Tari, con una figuraccia che ha coinvolto l’intero consiglio comunale, non può essere sottaciuto. Mentre i cittadini e contribuenti giustamente gioiscono perchè sono stati annullati quegli aumenti vessatori e spropositati, approvati con una delibera che già tutti sapevano essere fuori termine, i politici, specie quelli nominati che non devono dare conto al popolo ma ai loro padroni che li hanno messi in lista, si sentono addirittura contrariati dalla decisione del Governo di non far passare una sanatoria che avrebbe gettato i contribuenti nelle mani di qualche cravattaro e neanche tutti possono permettersi di fare questo.

Roba da matti! Come si fa a gioire per un vantaggio dei cittadini? Un caso unico che dovrebbe costringere questi politici ad andare a lavorare nei campi e lasciare le poltrone che mai hanno né meritato né conquistato. I cittadini andriesi, invece, sono ben contenti di quanto accaduto, anche se le conseguenze comunque le pagheremo tutti ma di fronte a quest’altra sciagura qualcuno pensa che il silenzio lo possa salvare dalle inevitabili dimissioni? Come possiamo pensare di tenerceli ancora di fronte a tutto quanto potrebbe succedere in seguito al pasticcio che hanno creato? Nei giorni scorsi mi sono state recapitate cartelle con richieste di pagamento di migliaia di euro di IMU 2012 per un immobile improduttivo, fatiscente e bisognoso di manutenzione costosa che non posso fare. Già nel 2007 mandai la concessione in sanatoria di quell’immobile al Sindaco di allora dicendo che ero anche disposto a donarlo all’Ente Pubblico ma neanche l’Ente pubblico lo ha voluto. E mica sono stolti, quelli lì! Io quindi non posso pagare anche perché l’entità delle somme richieste sono sproporzionate rispetto al nulla che si riceve in cambio quindi non sarebbe neanche legittimo pagarle perchè anche non proporzionate al reddito come invece prevede la Costituzione e questo vale anche per la Tassa Rifiuti visto che viene rapportata alla superficie dell’immobile e non al reddito familiare.

Allora che fare? E’ giusto tutto questo? Ma qualcuno crede che la pazienza di noi cittadini sia infinita? Quando si parla di allarme sociale negli incontri importanti lo sanno di cosa stanno parlando o ci vogliono vedere tutti a raccogliere viveri nelle discariche? Se un giorno qualcuno si ricorderà che oltre alle banche bisogna salvare anche le persone e le famiglie in gravi difficoltà economiche, quel giorno sarà un giorno speciale ma quel giorno ormai potrebbe arrivare tropo tardi. E la smettano di perseguitare gli innocenti.

(Andria, 19 dicembre 2015 – Il Presidente Libera Associazione Civica Andriese Santovito Vincenzo)

“Pensionato andriese, invalido civile con 450 euro al mese nelle grinfie delle tasse” ultima modifica: 2015-12-19T16:43:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi