Cronaca
"Da anni si discute di digital divide"

Ruberto: “Monti Dauni esclusi dalla banda larga ultraveloce”

"Risulta indispensabile dunque rivedere quanto deciso ed inserire tutti i Comuni dei Monti Dauni Meridionali e Settentrionali nelle nuove programmazioni delle reti digitali"


Di:

Foggia. ”Da anni si discute di digital divide; l’Italia rispetto ad altri paesi europei deve recuperare tempo e progetti investendo nelle nuove tecnologie e nella rete telematica; secondo il Dott. Luigi Ruberto Club Liberal Monti Dauni proprio le aree interne marginalizzate geograficamente e infrastrutturalmente dovevano essere in cima alle programmazioni regionali per la rete ultra veloce, ed invece come al solito molti Comuni sono allo stato esclusi dalle progettazioni future. Risulta indispensabile dunque rivedere quanto deciso ed inserire tutti i Comuni dei Monti Dauni Meridionali e Settentrionali nelle nuove programmazioni delle reti digitali. Le nuove tecnologie sono di fatti elementi essenziali per lo sviluppo delle economie endogene e il collegamento ad internet veloce 32 megabyte al secondo risulta un servizio indispensabile oramai come l’allacciamento ai servizi idrici o elettrici. Da uno studio europeo risulta che lo sviluppo delle economie è direttamente proporzionale alle reti telematiche e alla loro efficienza ed efficacia. L’auspicio è che il nuovo Governo Regionale ponga la giusta attenzione e le opportune risorse verso le aree interne pugliesi carenti sia sotto l’aspetto infratrutturale viario che delle infrastrutture telematiche,inutile dire che anche i Governi comunali nella redazione dei bilanci di previsione devono fare la loro parte”.

(Nota stampa, Luigi Ruberto Club Liberal Monti Dauni, 19 dicembre 2015)

Ruberto: “Monti Dauni esclusi dalla banda larga ultraveloce” ultima modifica: 2015-12-19T11:17:32+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi