Manfredonia
A cura di Pascalonia

E dalle…n’atu monumènde?!

Di:

Sènza ca tu sturlachìje, ze Pèppe,
pure pe ttè sté stupéte u cumblemènde,
diccille tu addica te vù mètte,
acchessì citte te fanne e cundènde.

T’ànna vatte e sbatte cum’u gelèppe,
acchessì ne mbute cchjù avì llènde.
A tanda chjacchjere ne ndanne rètte,
che te mborte de nn’ate monumènde?

C’ò fatte cust’ate? O’ fatt’u candande?
A guardarle te vene n’accedènde?
Lassa pèrde, màngete i malembande.

Mo ca ji, t’adda sènde n’at’e tande,
Addica u truve n’ate cumbertènde?
Lasse, sote e cujete, e guarde nnande
.

Pascalonia

E… dalla….un altro monumento?!
Senza che sproloqui, zio Peppe,/pure per te è conservato il complimento,/diglielo tu dove ti vuoi mettere,/così ti fanno silenzioso e contento.//Ti devono battere e sbattere come la glassa,/ così non potrai più avere libertà./ A tante chiacchiere non dar retta/ che ti importa di un altro monumento?//Che cosa ha fatto quest’altro? Ha fatto il cantante?/ A guardarlo ti viene un accidente?/ Lascia perdere, mangiati i malinfanti (grattoni)./ Quando sarrà (che se ne andrà), ti devi sentire un altro,/ dove lo trovi una altro convertente (impertinente )?/ Lascia, fermo e quieto, e guarda avanti.

E dalle…n’atu monumènde?! ultima modifica: 2016-02-20T14:58:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi