CapitanataSan Severo
L’A.C. scrive al Ministro dell’Interno

Miglio, “Rapine in città: serve la DIA”

In preparazione il Regolamento per lo sgravio fiscale dei danneggiati e di un fondo pubblico di solidarietà


Di:

Foggia. La recrudescenza dei fenomeni malavitosi, con il continuo perpetrarsi di rapine in danno di esercizi commerciali, rivendite di Sali e Tabacchi e negli ultimi giorni anche di farmacie, è stata oggetto di una lettera indirizzata al Ministro dell’interno, Sen. Marco Minniti, che il Sindaco avv. Francesco Miglio e l’Assessore alla Sicurezza ed alla Salute dr. Raffaele Fanelli, hanno voluto inviare per evidenziare, ancora una volta, lo stato di estremo disagio e grande sofferenza vissuto dalla popolazione sanseverese per le numerose rapine messe a segno nelle ultime settimane. Già in passato – giova ribadire – l’A.C. aveva chiesto di istituire in città il reparto di Prevenzione Crimine della Polizia di Stato.

Ecco cosa scrivono il Sindaco Miglio e l’Assessore Fanelli per conto di tutta la Civica Amministrazione. “Questa Amministrazione Comunale della Città di San Severo in provincia di Foggia fa presente alla S.V. il grave stato di disagio e di conseguente sofferenza che questa Comunità sta vivendo da qualche anno per una recrudescenza delle attività criminali con la continua ripetizione di rapine prima nei supermercati, poi nelle rivendite di sali e tabacchi, ora nelle farmacie. L’insicurezza si sta diffondendo a macchia d’olio fra i cittadini con la relativa paura talora di poter svolgere i più elementari servizi necessari alla sopravvivenza. Si chiede formalmente alla S.V. di voler istituire nella nostra realtà provinciale un Dipartimento della DIA che, tramite un capillare lavoro di Intelligence, possa aiutare le Forze dell’Ordine nel compito di prevenire il crimine con un controllo più esteso del territorio e la possibile messa al bando di tante attività criminose.

Nel frattempo questa Amministrazione, per poter venire incontro alle necessità finanziarie dei danneggiati, prevede di voler procedere allo sgravio fiscale di quanti hanno subito offese nella persona e nel patrimonio e nel contempo con un Regolamento da presentare e far approvare in sede di Consiglio Comunale di voler provvedere alla creazione di un fondo pubblico di solidarietà per sostenere questi soggetti vittime di simili atti, se per questi dovessero trovarsi in gravi difficoltà economiche.

Si chiede pertanto alla S.V. che, d’intesa con le Autorità Istituzionali Provinciali preposte (Presidente Provincia, Prefetto, Questore), si avvii quanto prima un programma di soluzione di situazioni del genere che ormai hanno raggiunto un alto e insostenibile livello di intollerabilità. In attesa di un riscontro, si porgono i più cordiali saluti. L’Assessore alla Sicurezza e alla Salute dr. Raffaele Fanelli Il Sindaco avv. Francesco Miglio”.

Miglio, “Rapine in città: serve la DIA” ultima modifica: 2017-02-20T14:54:02+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi