BATStato prima
Sotto accusa l'acquisto di 52 vagoni costati 22 milioni di euro

Ferrovie Sud Est: a Bari udienza gup per truffa

“Mi sembra inopportuno - conclude - che questo nuovo corso venga sbandierato come uno degli interventi che colmano i gap di cui soffre il Mezzogiorno"


Di:

(ANSA) – BARI, 20 MAR – Il prossimo 8 aprile il gup del tribunale di Bari deciderà se Regione Puglia e 18 lavoratori delle Ferrovie del Sud Est potranno costituirsi parte civile nell’udienza preliminare per l’eventuale rinvio a giudizio di sette persone in relazione a presunte truffe per complessivi 22 milioni di euro per l’acquisto di 52 vagoni (27 nuovi e 25 ristrutturati). La richiesta di costituzione delle parti civili è stata avanzata lo scorso 16 febbraio, inizio dell’udienza preliminare. Le Ferrovie del Sud Est, come indicato in una relazione del commissario, Andrea Viero, nominato dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti il 12 gennaio scorso, è un’azienda pubblica seppellita da una marea di debiti, quantificati in circa 311 milioni di euro. La relazione è stata inviata ieri al ministero.

Ferrovie Sud Est: Dario Stefàno “In ritardo, si rompe silenzio insopportabile”. “Anche se in ritardo, finalmente si rompe un silenzio insopportabile sulla gestione distorta della più grande rete di trasporto pubblico in concessione in Puglia”. E’ il commento del senatore Dario Stefàno sul caso delle Ferrovie Sud Est. “In questi giorni – prosegue – si stanno finalmente mettendo a nudo, una volta per tutte, pratiche indegne ma anche figure che maldestramente hanno distratto risorse pubbliche con scaltrezza e senza nessuno scrupolo. Mi metto nei panni dei cittadini che vivono ogni giorno il dramma del trasporto pubblico in Puglia, che chiedono da tempo un servizio di mobilità in linea con gli standard di un Paese civile e che oggi invece vengono a conoscenza, in questo modo, di compensi stellari per i dirigenti, di consulenze costose e archivi d’oro”. “E’ anche vero che la Regione Puglia ha più volte chiesto di aprire i cassetti e di aver accesso ai bilanci. E che a queste richieste siano seguiti silenzio e spocchia insopportabili. Oggi, però, sembra che la risposta stia finalmente arrivando e che si stia provvedendo a mettere ordine”.

“Mi sembra inopportuno – conclude – che questo nuovo corso venga sbandierato come uno degli interventi che colmano i gap di cui soffre il Mezzogiorno. Allo stesso modo trovo un’esagerazione dare la colpa all’attuale Presidente del Consiglio. Un fatto su tutti: questo Sud paga colpe, anche in termini di servizi e infrastrutture, che dipendono da chi qui ha fatto promesse per decenni. Oggi non è consentito a nessuno di cucirci addosso fastidiose speculazioni”.

FSE: Relazione del Commissario Viero. Presentata la relazione del Commissario Viero su Ferrovie Sud-Est. Rivelate alcune incredibili situazioni che manifestano gestione criminale. Mentre il Primo Ministro Renzi cerca di prendersi meriti non suoi con soliti slogan, il M5S, unico ad aver chiesto trasparenza, ribadisce responsabilità del Ministero e dei partiti che in 23 anni non hanno mosso un dito! “Sulla gestione criminale di FSE, tutti sapevano, Ministero e partiti, che per 23 anni hanno approvato bilanci e confermato amministratore Fiorillo: non hanno mosso un dito per chiedere onestà e trasparenza!” – commenta il parlamentare leccese, Diego De Lorenzis, capogruppo M5S della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati – “Anche la Regione non ha mai sollevato dubbi sulla gestione! Senza mie interrogazioni su acquisto treni con prezzi gonfiati, consulenze pazze, mancata pubblicazione di bilanci, mancata trasparenza su organigramma e disagi ai pendolari, con conseguente indagine della procura e della Finanza, il MIT non avrebbe mai rimosso Fiorillo.” Dopo la nomina del Consiglio di Amministrazione (3 persone di cui una con condanna Corte dei Conti) si ipotizza un debito della società di 280 milioni. In legge di Stabilità, il Consiglio di Amministrazione diventa “commissariamento” con lo stanziamento di 70 milioni su un debito di 330 milioni e centinaia di vertenze con lavoratori (per tfr e contributi non pagati). Il commissario e i subcommissari devono scrivere, secondo legge di stabilità, un’altra relazione (analogamente a quella del cda), consegnata oggi al ministro Delrio.

Il ministro che oggi canta vittoria nel luglio 2015 aveva confermato l’Amministratore Unico, Fiorillo, e approvato ennesimo bilancio farlocco e mai reso pubblico. Infatti nel Fiorillo è stato riconfermato a capo di FSE, quando invece si doveva almeno sospenderlo dopo la nostra denuncia del caso dei vagoni d’oro nel 2014! I cittadini hanno ottenuto trasparenza, grazie a mio emendamento in legge di stabilità, che obbliga a rendere pubblica tale relazione. Renzi e Delrio si prendono meriti e promettono pulizia ma in realtà occorre ribadire nostro ruolo fondamentale per garantire trasparenza. E’ incredibile che solo da quando il M5S è entrato in Parlamento” – incalza Diego De Lorenzis del M5S – “si sia mosso qualcosa. Occorre ricordare che il Governo Renzi nonostante la situazione fosse conosciuta ormai da tempo, si sia mosso con un colpevole ritardo!”. “Ora, a fronte di questo scandalo messo in luce dal #M5S, per fare davvero pulizia, senza slogan, da una parte bisogna scongiurare qualsiasi privatizzazione del servizio e anzi si dovrebbe procedere con un gestione pubblica e partecipata dai cittadini, e dall’altra, bisogna trovare e rimuovere i dirigenti e i funzionari della Regione e soprattutto del Ministero che dovevano vigilare su operato delle FSE e non lo hanno mai fatto. Perché” – conclude il portavoce del M5S, Diego De Lorenzis – “delle due l’una, o chi controllava è un incompetente oppure è un connivente!”

Ferrovie Sud Est: a Bari udienza gup per truffa ultima modifica: 2016-03-20T21:11:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi