EditorialiManfredonia
Verso lo spegnimento delle Tv locali d’Apulia?

Frequenze Tv, rischio chiusura per quelle pugliesi

A giudizio degli interroganti la notevole riduzione delle frequenze determinerebbe la chiusura delle Tv

Di:

Bari. Verso lo spegnimento delle Tv locali d’Apulia? Una possibilità reale visto che l’on.Dario Ginefra(Pd), e altri 13 parlamentari di diversi Gruppi politici,ha presentato un’interrogazione al Ministro dello sviluppo economico. Stante le delibere e i decreti ministeriali lo scenario sarebbe oltremodo gravoso per moltissime emittenti italiane. A giudizio degli interroganti la notevole riduzione delle frequenze determinerebbe la chiusura delle Tv.

Per la Puglia le frequenze rimanenti sarebbero 6,con quelle aggiuntive potrebbero diventare 9. Gli editori televisivi pugliesi denunciano che la “riassegnazione delle frequenze in base alla graduatoria del Bando digitale risulterebbe inadeguata”. Motivo ? Le emittenti che hanno partecipato alla gara si sono costituite in consorzio al fine di aggiudicarsi una delle 18 frequenze. Però nel bando non è specificato che la medesima graduatoria sarebbe stata utilizzata per le successive assegnazioni che,oggi,si traducono in riduzioni significative,tanto da diminuire drasticamente il numero delle frequenze : da 18 a 6,di fatto sono 5 poichè il canale CH 35 non è utilizzabile per le province di Bari e Barletta-Andria-Trani. Tra l’altro le società televisive,che già nel 2012 si sono consorziate, hanno dovuto realizzare ex novo una rete di collegamenti e trasmissioni con costi elevatissimi,indebitandosi con risorse proprie e con le banche per almeno 5 anni.

I parlamentari chiedono al Ministro Federica Guidi – in attesa della pronuncia del Tar Lazio a cui hanno fatto ricorso i responsabili delle Tv,le associazioni di categoria e la Regione Puglia – di sospendere ogni ulteriore iniziativa di competenza volta all’oscuramento delle frequenze.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi