Manfredonia
In prossimità della festività delle Palme, affrontiamo una tematica delicata: quella del punteruolo rosso delle Palme

Manfredonia, “Il punto sul punteruolo rosso delle Palme”

Il primo stadio larvale dura da 1 a 3 mesi, il secondo 20 giorni circa impupandosi in veri e propri bozzoli a forma di cilindro da cui si libererà l’adulto

Di:

Manfredonia. In prossimità della festività delle Palme, affrontiamo una tematica delicata: quella del punteruolo rosso delle Palme. Probabilmente di tale affezione non erano colpite le Palme di Gesù al momento del suo glorioso ingresso a Gerusalemme, eppure il punteruolo rosso resta a tutt’oggi un annoso problema. Tanti sono stati i tentativi per poter debellare tale insetto, ma chi è il punteruolo rosso e cosa si sta facendo per fermarlo? Lo abbiamo domandato al Geom. Carmine Guerriero tecnico del patrimonio verde pubblico del comune di Manfredonia. Guerriero: “Il punteruolo rosso (Ryinchophorus Ferrugineus) è un coleottero curculionide estremamente pericoloso per diverse specie di palma, tra cui la nostra Phoenix canariensis, introdotta come specie ornamentale. Il ciclo vitale dell’ insetto indesiderato, dalle nostre parti può durare fino a 300 giorni. Le femmine depongono da 250 a 300 uova alla base delle giovani foglie, germogli nelle cavità della pianta. Il primo stadio larvale dura da 1 a 3 mesi, il secondo 20 giorni circa impupandosi in veri e propri bozzoli a forma di cilindro da cui si libererà l’adulto. E’ possibile trovare i diversi stadi di sviluppo dell’insetto sulle palme su cui rimane fino al totale collassamento facendole assumere il tipico aspetto ad ombrello. Ed un riparo il punteruolo, pare averlo trovato sulla riviera della nostra città dove le palme si snodano soprattutto sul lungomare.

L’insetto in questione, presumibilmente, dopo un passaggio in una nave mercantile, sbarcato in Sicilia si è poi propagato fin qui da noi trovando il suo ambiente ideale per poter prolificare a scapito delle Palme. Per questo il Sindaco di Manfredonia ha emesso un ordinanza, in base alle nuove normative, che prescrivono l’obbligo ai proprietari e conduttori a qualsiasi titolo di vegetali di palma di attuare immediatamente le misure fitosanitarie e di prevenzione contro il punteruolo rosso.” Da qui il dipendente comunale Guerriero ha inviato delle raccomandate, anche ai proprietari delle palme invitandogli a compilare la scheda che trovate in allegato. Il risultato è che non tutti si sono dimostrati solerti sulla questione, anzi alcuni privati hanno tagliato palme attaccate dal punteruolo disseminando gli scarti in luoghi che potrebbero divenire nuova fonte di diffusione dello stesso. Come comportarsi in questi casi? Guerriero: “ Bisogna rivolgersi all’ASE preposta anche per questa tematica.” Mentre per gli interventi tecnici dopo aver domandato delucidazioni all’ufficio agricoltura della Provincia di Foggia i dipendenti dello stesso ente ci hanno inviato una relazione che vale come integrazione di quanto già accennato. Per questo in allegato, oltre alla scheda tecnica inviata dal comune alleghiamo anche la relazione di alcuni addetti ai lavori comprensiva dei loro contatti, utili per nuove segnalazioni del punteruolo rosso. Mentre l’ulteriore link a seguire è il rinnovo di un augurio datato e sempre attuale, che in tanti vogliamo constatare più info cliccare qui .

FOTOGALLERY BENEDETTO MONACO

(A cura di Benedetto Monaco – benedetto.monaco@gmail.com)



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • svolta

    Punto….. morto….. sono anni che il comune ci va dietro, ma gli interventi si sono rilevati semplici palliativi,
    Speriamo che non si arrivi come per gli ulivi nel Salento, sarebbe un vero sfregio al decoro della città ed alle tante palme ubicate sul lungomare di Manfredonia e Siponto.


  • Giuann Ursacchi

    Spettabile ASE nel caso di caduta e/o malattia di Palme e Pini, data la perdurante crisi, per risparmiare, spese di manutanzione, cura, assicurazione, ecc. non sarebbe opportuno sostituirle con altre specie vegetali, tipo il falso pepe, resistenti lo stesso alla siccità ma richiedenti meno spese?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!