"Il territorio non è a macchia di leopardo, la criminalità non è solo dove ci sono i morti"

Capitanata. Criminalità. Sicurezza. Legalità

"Alle affermazioni gravi e preoccupanti sulla criminalità, non vi è stata nessuna risposta della politica e nemmeno da parte della società civile"


Di:

Manfredonia. La Capitanata è “una provincia a densità mafiosa come Caserta”. “La società foggiana è la quarta mafia con caratteristiche diverse dalle altre tre (Cosa Nostra, ‘Ndrangheta, Camorra), ma altrettanto impenetrabile”. Sono affermazioni dei massimi esponenti dell’Ordine pubblico a livello nazionale. Hanno pure parlato di 5 situazioni critiche: Foggia, Cerignola, S. Severo, Vieste e Tavoliere. Una informazione in verità generica e fuorviante. Il sindaco di Torremaggiore ha dichiarato che la criminalità è presente sì a S. Severo, ma nessun comune del circondario è esente. Il territorio non è a macchia di leopardo, la criminalità non è solo dove ci sono i morti, ma anche là dove gli equilibri sembrano ricomposti e regna la pace, con la droga che scorre a fiumi, e mai scomparsi sono racket, estorsioni e altro.

A Manfredonia solo qualche anno è passato dall’epoca dello scontro tra i Romito e i Libergolis, ancor meno dai delitti (4 morti) di “Romanzo criminale”. La lupara bianca di Mattinata e di Monte S. Angelo è ancora attiva, con giovani scomparsi in pieno giorno nel bar sotto casa.

La Capitanata intera va messa al centro dell’attenzione come sistema socioeconomico e politico. Un territorio che ha perso opportunità di sviluppo, un buon numero di residenti, vive un clima di crisi che induce a un abbassamento del controllo sociale, scarsa fiducia nel futuro…

Alle affermazioni gravi e preoccupanti sulla criminalità, non vi è stata nessuna risposta della politica e nemmeno da parte della società civile. Anzi appare evidente oggi come molte iniziative di associazioni, aperture di sportelli (racket, usura…) risultano essere operazioni isolate e parziali, se non addirittura di visibilità politica.

Si passa dal gridare “al lupo al lupo” al silenzio. La legalità, la vigilanza democratica non sopportano altalene di impegno (emotivo) e poi disimpegno. A Manfredonia, all’epoca di quella sequenza di morti, una trentina di associazioni si incontrano e chiedono risposte repressive, legalità, controllo dell’ordine pubblico. Ci fu anche la proposta di un protocollo per un Forum permanente sulla legalità. Come spesso capita è difficile mantenere la giusta misura e ci fu un gioco al rialzo. In una riunione in Comune si parlò di stupri in piazza Duomo, di ragazzi che giravano armati, si chiese l’intervento dell’esercito, si parlò di una situazione insostenibile (nel centro storico)… La partecipazione poi scemò e il coinvolgimento calò. Il protocollo si preparò e fu approvato dal Consiglio comunale. Da allora (settembre 2014) il silenzio. Ci sono state le primarie, le amministrative, due anni della nuova amministrazione, ma del protocollo, nessuno ne ha più parlato. Sta lì.

In precedenza c’era stato il Patto della città, ora si parla di Alleanza scuola-famiglia… Insomma cambiano i nomi e le sigle ma le problematiche non mutano, se ogni iniziativa non viene inserita in una rete di collaborazione e cooperazione.

Il tema della sicurezza e della legalità è un fatto drammatico in un territorio già fragile a livello sociale ed economico. La riforma delle province poi, così incerta e sgangherata, ha lasciato senza coordinamento e governo un’area vasta, con molte problematiche che si trascinano pesantemente e che hanno bisogno di interventi sovracomunali: l’immigrazione nel Tavoliere, la tutela del paesaggio e l’assetto del territorio, le strade e i ponti… il ruolo dei Centri culturali provinciali (biblioteca, musei, la stessa Università…)

I comuni inoltre non sembrano avere capacità e desiderio di mettersi insieme e di fare sistema. In un sistema è importante l’interdipendenza (o relazioni) delle varie parti. Predomina la diffidenza, la tendenza non solo a fare da soli, ma a far prevalere l’interesse individuale su quello collettivo. Individualismo e indipendenza che nascono soprattutto dalla latitanza della politica, che deve dare indirizzi, costruire legami tra le varie comunità del territorio, stabilire le priorità…

(A cura di Paolo Cascavilla, fonte futuri paralleli.it)

Capitanata. Criminalità. Sicurezza. Legalità ultima modifica: 2017-03-20T12:13:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • svolta

    Vedendo la mappa, mi è sembrato vedere lo scoppio/deflagrazione di una grossa bomba……


  • Antonello Scarlatella

    Possiamo scrivere tutte le cose che vogliamo.
    Se non capiamo pero’ che la criminalita’ si combatte principalmente ripristinando un equilibrio sociale ed economico e creando quel minimo di tranquillita’ salariale …possiamo scrivere km di cazzate o aprire centri della Dia ecc ecc non risolveremo nulla.
    Non basta dire ce la mafia. Bisogna cercare le soluzioni.
    La criminalita’ si annida sempre dove ce disagio economico e sociale. È facile in questo contesto trovare manodopera, e funzionari dediti ad attività criminali.


  • so io

    Condivido, però aggiungo che una volta trovato/creato il benessere sociale…. arriva lo stesso fenomeno, anzi si radicalizza ancora di più perchè gli “affari o malaffari” si fanno dove ci sono i soldi…. vedi presenza mafiosa in particolari luoghi del Nord…. del Centro e del Sud….. ed anche extra Italia…..


  • Antonello Scarlatella

    Caro Si io. Puo’ accadere cio’ che dici. Ma a quel punto dividi chi commette atti illeciti per la pagnotta quindi spinto dall esigenza e chi lo fa per natura criminale.
    A quel punto serve la Dia e ci vogliono pene esemplari che in Italia mancano.


  • Garganico

    E le cartine con la deliquenza politica?


  • Michelantonio

    Si sa tutto, di tutti e di più, e per 40 anni sono stati spese ” fiumi di parole” e a rimetterci la vita sono stati molti uomini CORAGGIOSI che da soli si trovano a contrastare questa illegalità con le sue radici sparse ovunque.
    Ormai la nostra Nazione è come un malato terminale, che non si è curato all’inizio della sua malattia, e adesso le metastasi sono sparse milletricamente ovunque.
    Ci vorrebbe una terapia piuttosto CRUENTE, cosa impossibile per una Nazione dove le leggi vengono derise ogni giorno, e dove l’illegalità è diventata LEGALITÀ.


  • La stazione fantasma di Manfredonia ovest (costo oltre 4 miliardi di euro)


  • Tommaso

    Tutto giusto manca solo la pressione fiscale dello stato al 70 per cento. Anche quella è mafia


  • Saverio

    avete stancato con sta mappa


  • pentastellato

    Nel degrado della nostra singola mente si annida il germe mafioso e il successivo mostro che ne consegue; bisogna convertire i nostri cuori e avere sete di Giustizia, lavorando prima di tutto su Noi stessi. Le Istituzioni democratiche devono lavorare sodo sulle future generazioni: La Scuola, La famiglia, I Tribunali, I Comune, Le Provincie, Le Regioni…….LO STATO devono impegnarsi a fondo per trovare il senso del GIUSTO e del BELLO. Combattere il degrado Sociale. MENO PALLONE; MENO FESTE DI CARNEVALE;, MENO PARASSITI STATALI; MENO BUONISMO; MENO CHIASSO; PIU’ RIFLESSIONI SULLE SCELTE POLITICHE; PIU’ RESPONSABILITA’ NELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE; PIU’ MERITOCRAZIA VERA VERSO GLI OPEROSI, GLI ONESTI E I CAPACI COSTRUTTORI DEL BENE PUBBLICO. Questi ultimi nella Nostra mente perversa sono considerati FESSI. Allora di che cosa siamo parlando?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi