Manfredonia
A cura di Pascalonia

Ce cange pe ne ngangé

Di:

A cche ssèrve cangé scjuche e cumbagne,

se po’ rumanime sèmbe a llu sulagne?

Qua vé cangéte tutte, sotte sope,

accume scéme ji schitte nu sderrope.

^^^

T’u diche pp’u bbune, bbèlle frecone,

ne nzèrve a fé: june vé, nn’ate vene,

tande fanne tutte lli stèsse cose:

pigghje a custe, damm’a cudde, ji n’appose.

^^^

Ce cange tutte, pe ne ngangé ninde,

u popele ce mbrejéche a parole,

parle schjitte tu, a nescjune sinde.

^^^

E ccume scéme, scéme vela vele.

Pe scì bbune, avrija cangè lla chèpe…

e pure quèste frecone llu sépe!

Pascalonia

Si cambia per non cambiare

A che serve
cambiare gioco e compagno/ se poi rimaniamo sempre al sole (disoccupati)?/ Qui
va cambiato tutto, sotto e sopra,/ come andiamo è solo un dirupo// Te lo dico
per il bene (di tutti), bel frecone/ non serve fare: uno va, un altro viene,/
tanto fanno tutti le stesse cose:/prendi questo, dammi quello, è un’
abitudine,//

Si cambia tutto, per non cambiare niente,/ il popolo si ubriaca
con le parole,/ parli solo tu, non ascolti alcuno.// E come andiamo, andiamo
volando volando,/ per andare bene dovrebbe cambiare la testa…/ e pure questo
frecone lo sa!



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!