CapitanataFoggia
"Ad oggi nulla è stato fatto affinché il sito venga bonificato"

“Giardinetto, una bomba ecologica che dura troppo tempo”

"Fino ad oggi si è sempre cercato di minimizzare il problema, da parte delle istituzioni locali"

Di:

Foggia, 20 aprile 2017. Sono passati troppi anni dal 1° dicembre 2009, quando i militari del comando provinciale della Guardia di Finanza, su disposizione della procura della Repubblica di Lucera, sequestravano un’area di 340.000 mq., in cui sono stati riversati nel sottosuolo 250.000 tonnellate di rifiuti speciali e tossici, e 8 capannoni con copertura in amianto appartenenti alla società I.A.O. s.r.l. (Industria Ambientale Organizzata).

Per questa ragione Alternativa Libera Foggia, ha inteso promuovere azioni per mantenere alta l’attenzione su questa bomba ecologica. Tra le azioni di comunicazione, che abbiamo messo in campo, afferma Francesco Paolo Gentile, presidente di Alternativa Libera Foggia, c’è stata quella di chiamare Giulio Golia delle Iene che una volta consultato il materiale a disposizione ha scelto di realizzare un servizio su questa discarica.

E’ utile ricordare che la società I.A.O. s.r.l. (Industria Ambientale Organizzata) già denominata «Industria Agricola Olearia s.r.l.», ha la sede operativa in agro di Troia (Foggia), in località Montecalvello-Giardinetto, dove esplicava la propria attività su un fondo esteso di 70 ettari circa. Il complesso aziendale comprende alcuni locali adibiti ad uffici, capannoni per deposito di rifiuti riutilizzabili, piazzali destinati a deposito di rifiuti, un impianto di frantumazione di rifiuti provenienti dalla demolizione edile. L’azienda si occupava del ritiro, da varie industrie italiane, di rifiuti del tipo fanghi, ceneri di combustione, altri residui di lavorazione industriali. Durante il periodo di attività ha accumulato a detta della procura: 178 mila metri cubi (corrispondenti a circa 250 mila tonnellate fanghi), materiali misti a cemento, a benzene, a cromo esavalente, ad amianto, a vanadio, a idrocarburi e a metalli pesanti. Molti di questi prodotti sono pesantemente cancerogeni.

Ad oggi nulla è stato fatto affinché il sito venga bonificato, malgrado lo stesso risulti nell’elenco dei siti regionali da bonificare, e ad oggi non risulta che siano partite le attività d’indagine per la caratterizzazione del sito”, afferma Marino Talia di Alternativa Libera Foggia.

Fino ad oggi si è sempre cercato di minimizzare il problema, da parte delle istituzioni locali, e infatti, afferma il consigliere comunale di Foggia di A.L. Vincenzo Rizzi, non c’è nessun divieto a coltivare nelle aree confinanti con l’impianto, inoltre, lo stesso torrente che raccoglie le acque di scolo dell’impianto, confluisce nel torrente Cervaro, sul quale insistono diverse importanti aree protette dal Parco Regionale dell’Incornata, al Parco Nazionale del Gargano, dove le acque del Cervaro alimentano importanti zone umide. Pertanto, Alternativa Libera, continuerà la sua battaglia affinché questo sito venga bonificato a costo d’inoltrare una formale denuncia alla Commissione Europea finalizzata all’apertura di una procedura d’infrazione comunitaria.

(Alternativa Libera Foggia, 20 aprile 2017)

DISCARICA DI GIARDINETTO (FG), DONNO: SI PONGA FINE A INDECENTE STORIA DI INQUINAMENTO E MORTE
Foggia, 20.04.2017 – Nel corso degli anni, l’intricata vicenda della discarica di Giardinetto, nel Comune di Troia (Foggia), è stata al centro della cronaca locale oltre che di vicende giudiziarie. Storie di rifiuti di lavorazione e di materiali abbandonati di varia natura e pericolosità che hanno generato e tuttora stanno generando un crescente malcontento nella comunità locale. Una comunità che si sente abbandonata ad un assurdo destino di inquinamento e morte.

Al riguardo, è intervenuta la Senatrice pentastellata Daniela Donno, con un’interrogazione indirizzata ai Ministri della Salute e dell’Ambiente. “Si tratta dell’ennesimo atto ispettivo presentato a fronte di un inspiegabile silenzio dell’esecutivo. Già nel dicembre 2015, infatti, avevamo chiesto conto sulla questione con un’interrogazione al riguardo ma, a quanto pare, si preferiscono ignorare le piaghe che affiggono il nostro territorio. E non parlo solo della Puglia, ma dell’intero Stivale perché situazioni del genere sono diffuse a macchia d’olio e sempre con maggiore frequenza” afferma la Senatrice salentina.

“Chiediamo ai ministri della Salute e dell’Ambiente di attivarsi con urgenza, sollecitando le amministrazioni locali competenti a porre in essere tutti gli esami epidemiologici necessari sulla zona di Giardinetto, oltre che sui territori di Troia, Orsara di Puglia e Castellaccio dei Sauri. Va inoltre chiarita, ai vari livelli governativi territoriali, la sussistenza di un’adeguata copertura finanziaria che garantisca gli interventi da fare” prosegue Donno.

Deve essere reso operativo un immediato piano di recupero e di smaltimento dei rifiuti e un adeguato piano di bonifica e di controllo dell’area. Sono anni che si assiste ad una sistematica violazione delle norme in materia ambientale e di trattamento dei rifiuti. Nel frattempo, il benessere dei cittadini e la salubrità dell’ambiente, del paesaggio, delle coltivazioni, dei terreni e dei siti d’interesse circostanti è messa a repentaglio, nella vergognosa inerzia di chi dovrebbe porre fine a questo scempio” conclude la pentastellata.

Link interrogazione: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=1013562



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This