Manfredonia

Assegno di cura, graduatoria definitiva: 564 ammessi; le somme

Di:

L'assessore alle politiche sociali P. Cascavilla (ST)

Manfredonia – DOPO quella provvisoria, approvata la graduatoria definitiva di Ambito – “elaborata dal Sistema Informatico Regionale sulla base dell’attività del Servizio Sociale Professionale che ha aggiornato la piattaforma in considerazione delle valutazioni emerse in fase istruttoria” – per l’Assegno di cura. L’Ambito ha registrato 564 domande ammissibili e 108 inammissibili.

In precedenza, con D.G.R. n.1982/28.10.2008 la Giunta Regionale ha provveduto a stanziare le risorse perl’Assegno di Cura 2° annualità per € 15.000.00 (..) che veniva ripartita tra i 45 ambiti territoriali, destinando all’Ambito di Manfredonia risorse pari a € 293.095,89; con determina del 4.02.2010 n.27 l’approvazione dell’Avviso Pubblico per la presentazione delle domande di “Assegno di cura a favore di persone non autosufficienti e dei loro nuclei familiari”.

In seguito, una deliberazione della Giunta regionale (1616 dell’8 settembre 2009) aveva approvato lo stanziamento di ulteriori € 15.000.000 per il finanziamento della III^ annualità dell’”Assegno di Cura per le non autosufficienze e le nuove povertà”, successivamente impegnati dalla Dirigente del Servizio Programmazione ed Integrazione della Regione Puglia con A.D. n. 98 del 30.09.2009 confermando i criteri di riparto delle risorse ai Comuni e il vincolo all’assegnazione al Comune Capofila nonché autorizzando lo scorrimento delle graduatorie definitive approvate dagli Ambiti Territoriali e assegnando all’Ambito di Manfredonia ulteriori risorse pari a € 293.095,89.

L’Ambito di Manfredonia “al momento della pubblicazione” della determinazione indicata “aveva ancora in corso l’istruttoria, la graduatoria definitiva dovrà tener conto della somma complessivamente assegnata, sommando la seconda e la terza annualità di contributo regionale , che risultano entrambe accertate ed impegnate a seguito di deliberazione di G.C. del Comune di Manfredonia, quale Ente Capofila, n. 454 del 31.12.2010″.

Dunque nel marzo 2010 l’avviso Pubblico; inizialmente la Regione aveva ritenute ammissibili 672 domande.

A partire dall’ottobre 2011, acquisita la documentazione innanzi precisata, il Servizio Sociale Professionale ha provveduto a verificare la correttezza dei dati autocertificati, aggiornando la piattaforma informatica Regionale attraverso la conferma o la modifica del punteggio già attribuito dagli uffici regionali, e a compilare la SVAMA Sociale; i medici di base e i pediatri di libera scelta sono stati invitati a compilare la scheda SVAMA, strumento individuato dal vademecum per la rilevazione del livello di gravità della non autosufficienza.

Conclusasi la fase istruttoria si è provveduto a trasmettere tutta la documentazione cartacea alla ASL che ha provveduto a calendarizzare le sedute di UVM prevedendo la presenza del Servizio Sociale Professionale, dei MMG o PLS, dello specialista e dell’infermiere professionale.

Il contributo da erogare sarà pari a € 500 mensili per un massimo di € 6.000 annui per nucleo familiare e per persona non autosufficiente e coprirà retroattivamente il periodo che va dalla data di pubblicazione dell’avviso sul BURP al completamento delle 12 mensilità. Il contributo, secondo quanto stabilito dall’Avviso Regionale, può essere ridotto solo nel caso in cui nello stesso nucleo familiare siano riconosciuti beneficiari 2 o più componenti ed in tal caso l’ammontare dell’Assegno di Cura non può essere inferiore a € 300 mensili.

Per i deceduti il beneficio sarà riconosciuto per il periodo che intercorre tra il 60° giorno successivo alla data di pubblicazione dell’Avviso sul BURP e a data del decesso, che in caso di ricovero del paziente in struttura ospedaliera o in struttura sanitaria extraospedaliera (RSA) o in altra struttura sociosanitaria assistenziale o riabilitativa, il contributo verrà ridotto in maniera proporzionale al numero dei giorni di ricovero che saranno desunti dalla documentazione attestante il ricovero stesso, ai sensi dell’art. 4 dell’Avviso Pubblico.

Si ricorda che su un totale di 672 domande in istruttoria, l’Ambito ha registrato 564 domande ammissibili e 108 inammissibili; il contributo sarà attribuito sino all’esaurimento delle risorse economiche messe a disposizione dalla Regione Puglia, che risultano essere pari a € 586.191,78.


Redazione Stato, ltt@riproduzione riservata

Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Mario

    scusate …si parla di trasparenza degli atti, perchè non pubblicare la graduatoria definitiva??


  • Redazione

    Gentile Mario;
    al momento non è stata pubblicata, ma riteniamo giustamente per la privacy dei soggetti interessati; distinti saluti; Red.


  • nicola

    altri comuni l hanno pubblicata senza problemi…basta mettere nome e cognome e punteggio, nessun altra informazione, quindi niente appelli alla privacy, visto che ci sale il sangue alla testa quando chiediamo le buste paga dei manager on line, perchè allora in questo caso non si vuole la trasparenza? scommetto che nessuno la pubblicherà , questo è il paese dei falsi lsu che fanno 7 mestieri e prendono soldi senza lavorare, dove lavorano certi personaggi della mala e sono gli unici e dove la politica viene scambiata con abuso di potere, elargendo soldi in cambio dei voti solo perchè si è nella stanza dei bottoni!! ci aspettiamo trasparenza ma mi deluderete di nuovo, ne sono sicuro.


  • Redazione

    Gentile sig. Nicola;
    nessuno vuole deluderLa; le graduatorie on line non esistono; può vedere dovunque; grazie; buona serata; Red.


  • nicola

    andate a vedere il sito del comune di conversano, parlavo di esempi da emulare…di trasparenza appunto!! Non capiscono perchè in quel caso lo fanno e noi no!! buona serata.


  • nicola


  • Redazione

    Ha ragione sig. Nicola; lo sa che mancano anche le determine dirigenziali? E a volte delle delibere? Anche dopo quanto richiesto da un movimento politico inoltriamo la richiesta all’Amministrazione; Grazie a Lei, saluti; Red.


  • nicola

    salve, buon lavoro!!


  • Redazione

    Definita la graduatoria per l’assegno di cura

    L’erogazione del beneficio agli aventi diritto avverrà secondo quanto stabilito nell’avviso pubblico della Regione Puglia ed appena i fondi regionali saranno disponibili si procederà a contattare i beneficiari e ad effettuare una serie di controlli.

    Prosegue senza sosta il lavoro, meticoloso ed articolato, del Piano Sociale di Zona comprendente i territori dei Comuni di Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo e Zapponeta. Questa volta l’attenzione dell’Ufficio di Piano si è concentrata sull’assegno di cura e sulla sua relativa graduatoria. Ricordiamo che l’assegno di cura è un contributo, determinato dalla Regione Puglia, per favorire la permanenza a domicilio di persone non autosufficienti, sostenendo al contempo il carico derivante dal lavoro di cura diretto ed indiretto o per acquistare prestazioni domiciliari tutelari e assistenziali. Un ulteriore obiettivo è rappresentato dall’assicurare al nucleo familiare della persona non autosufficiente, che assume l’onere del lavoro di cura, una adeguata forma di sostegno economico.

    Le domande pervenute sono state complessivamente 672, quelle ritenute ammissibili 562. Sono circa 100 gli aventi diritto al beneficio di € 6.000 cadauno, somma determinata sulla base delle risorse regionali che ammontano a € 586.191,78.

    La definizione della graduatoria è avvenuta con un iter complesso mediante la compilazione della scheda S.VA.M.A., formata da due parti: la prima sociale e la seconda sanitaria. La valutazione complessiva è avvenuta nell’Unità di Valutazione Multidimensionale (U.V.M.). Ne è scaturita la graduatoria che è stata approvata dal Coordinamento istituzionale dei 4 Comuni dell’Ambito e inviata alla Regione, che verificherà la correttezza delle procedure e trasmetterà i fondi all’Ambito territoriale (Manfredonia, Comune capofila). “Dalla valutazione effettuata in U.V.M. – spiegano proprio dall’Ufficio di Piano – è confermata integralmente la graduatoria provvisoria. Ciò rende merito al lavoro di istruttoria svolto dai Servizi Sociali che ha consentito di stabilire l’ordine di priorità per la valutazione in U.V.M.”.

    Appena i fondi regionali saranno erogati si procederà a contattare i beneficiari e ad effettuare una serie di controlli: numero dei deceduti, la presenza di due beneficiari nello stesso nucleo familiare, ecc.

    L’erogazione del beneficio agli aventi diritto avverrà secondo quanto stabilito nell’avviso pubblico regionale, ed in particolare ci sarà la sottoscrizione di un Piano assistenziale individuale, mentre per i deceduti il beneficio economico sarà concesso agli eredi.

    Per avere notizie in merito alla graduatoria ci si può rivolgere, da lunedì 30 luglio, al seguente numero dei Servizi Sociali del Comune di Manfredonia: 0884.519681.


  • luisa

    MI SONO INFORMATA AL COMUNE A NOV 2012 E MI AVEVANO DETTO O FINE DIC O INIZIO ANNO NUOVO..DOPO 3 LUNGHI ANNI ARRIVERA’IL GIORNO DI PERCEPIRLI A SE SI QUANDO VOGLIO UNA RISPOSTA..DISTINTI SALUTI.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli correlati