Stato prima
"Nessuno dei quattro attacchi sembra essere stato pianificato"

Terrorismo, Europol: “Erano lupi solitari, nessuna prova IS”

Quanto a Nizza, "attualmente non ci sono prove che indichino che l'attentatore si considerasse un membro dell'Is"

Di:

(adnkronos) Sebbene l’Is “abbia rivendicato gli ultimi attacchi” verificatisi nel corso dell’ultimo mese (Orlando in Florida, Magnaville e Nizza in Francia e Wuerzburg in Germania), “nessuno dei quattro attacchi sembra essere stato pianificato, supportato logisticamente o eseguito direttamente dall’Is, secondo le informazioni a disposizione dell’Europol”. Il fatto che gli attentatori di Orlando, Magnavile e Wuerzburg abbiano fatto riferimento all’Is “indica che erano sostenitori dell’Is, ma il loro reale coinvolgimento nel gruppo non può essere stabilito” con certezza. Quanto a Nizza, “attualmente non ci sono prove che indichino che l’attentatore si considerasse un membro dell’Is”. Lo scrive Europol, in una nota allegata al rapporto sulle attività terroristiche nel 2015 nell’Ue, dedicata agli ultimi attentati, condotti da ‘lupi solitari’. “Malgrado il fatto che un certo numero di attentatori solitari leghi i propri atti alla religione o all’ideologia, il ruolo di potenziali problemi di salute mentale non dovrebbe essere trascurato – continua Europol – l’attentatore di Nizza avrebbe sofferto di seri disturbi psichiatrici e sarebbe stato in cura. (www.adnkronos.com



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Pasquale

    Se sono ” lupi solitari ” con problemi psichici, prima che arrivano a provocare tale carneficina, vanno curati diversamente dalle attuali terapie e rinchiusi in isolamento, non mettendo a rischio la vita di tanta gente, ammazzando perfino bambini innocenti.
    Per evitare tale pericolo, basterebbe un PRELIEVO PREVENTIVO e spedirlo………in un incenerit…….
    Terapia che nel tempo produrrà ottimi risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati