Manfredonia
"Conoscere il mare per aiutare gli altri"

Croce Rossa Italiana e Capitaneria Porto Manfredonia: firmato protocollo di intesa (foto-video)

Sottoscritto Protocollo d'intesa per garantire un tempestivo ed efficace intervento sanitario in occasione di attività di soccorso in mare

Di:

Manfredonia – Il Comandante della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Manfredonia, C.F. (CP) Marcello Luigi Notaro ed il Presidente del Comitato Provinciale C.R.I. di Foggia, Avv. Raffaele Pio di Sabato, hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa al fine di garantire un tempestivo ed efficace intervento sanitario in occasione di attività di soccorso in mare, mediante l’imbarco sulle unità navali del Corpo delle Capitanerie di porto, in caso di necessità, di personale medico o paramedico volontario della C.R.I..

“E’ un progetto finalizzato al salvataggio di vite umane –spiega il Comandante Notaro-, e anche se ne salveremo una sarà un grande successo.
Il servizio sanitario in mare è molto complesso, si svolge in ambienti non abituali e spesso a distanze notevoli. Per raggiungere questo obiettivo sono state messe in atto le massime energie. Personalmente ho tentato di mettere in atto questo progetto in diverse sedi in cui ho prestato servizio, ma devo riconoscere che a Manfredonia ho trovato una Croce Rossa particolarmente disponibile. Con l’Avv. Di Sabato, la sorella Valleri e il personale OPSA ci siamo guardati negli occhi e abbiamo deciso che il progetto si doveva fare”.

Il Protocollo sottoscritto, già attivo dai primi di luglio, prevede la possibilità di impiego a bordo di unità navali della Guardia Costiera di personale sanitario e della componente operativa OPSA (Operatori polivalenti salvataggio in acqua) della Croce Rossa Italiana. A tal fine, e sino al 15 settembre, personale specializzato della C.R.I. staziona ogni venerdì, sabato e domenica, tra le 09:30 e le 17.30, presso un locale del Porto turistico “Marina del Gargano” attrezzato, per poter prontamente imbarcare, in caso di chiamata di emergenza, sulle motovedette del Corpo.

“Conoscere il mare per aiutare gli altri –continua la sorella Valleri-. Le sorelle hanno coperto egregiamente i propri turni, anche nei giorni festivi”.

“Mi preme sottolineare –conclude l’Avv. Di Sabato- che questi ragazzi sono volontari. Oggi è difficile trovare gente che metta a disposizione il proprio tempo libero per qualcosa in cui crede. Vi assicuro, non c’è migliore soddisfazione di ricevere un ‘grazie’ da una persona che si è aiutata.
Vorrei fare, infine, un richiamo alle amministrazioni locali. Ci lasciano sempre carta bianca nello svolgere il nostro lavoro, ma ci piacerebbe avere un supporto con la loro presenza. Magari la prossima volta, a questo tavolo, sarebbe bello avere tra noi anche il Sindaco, persona sempre disponibile e pronta”.

A cura di Raffaele Salvemini – raffaele.salvemini@live.it
Photogallery a cura di Antonio Troiano

video

FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

 



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi