Manfredonia
A causa dell’improvviso peggioramento delle condizioni meteomarine

Manfredonia, soccorsi 9 diportisti. Catamarano si capovolge al largo di Siponto

"E’ sempre consigliabile, prima di intraprendere la navigazione, consultare i bollettini meteo, per non trovarsi impreparati in casi di improvvisi incidenti"

Di:

Manfredonia – NEL primo pomeriggio di ieri, mercoledì 19 agosto 2015, a causa dell’improvviso peggioramento delle condizioni meteomarine, il personale della Guardia Costiera di Manfredonia è intervenuto per soccorere diversi natanti in difficoltà. La sala operativa della Capitaneria, diretta dal C.F. (CP) Marcello L. Notaro, ha coordinato i diversi interventi di assistenza, traendo in salvo 9 diportisti in difficoltà a bordo delle proprie unità. In particolare sono state soccorse 2 persone alla deriva a causa del capovolgimento del proprio catamarano a circa tre miglia dal litorale di Siponto, prontamente individuate e tratte in salvo dai dipendenti mezzi nautici intervenuti in zona. Inoltre, 7 persone in pericolo su due pattini alla deriva sono state tratte in sicurezza grazie all’intervento di un militare della Capitaneria di Porto di Manfredonia libero dal servizio, coadiuvato da un assistente bagnante del posto, che ha requisito un mezzo navale in zona, nell’attesa dell’arrivo delle Motovedette della Guardia Costiera impegnate a prestare soccorso ad altre unità in difficoltà nella zona di Macchia. Fortunatamente tutte le operazioni si sono concluse senza alcun pericolo per gli avventori del mare.

E’ sempre consigliabile, prima di intraprendere la navigazione, consultare i bollettini meteo, per non trovarsi impreparati in casi di improvvisi incidenti. Si ribadisce che la Guardia Costiera è sempre contattabile al numero di emergenza 1530 in caso di necessità.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Ciro

    Si ringrazia la partecipazione del proprietario del mezzo per la concessione dello stesso e alla prestazione per il soccorso insieme al sig. Pio


  • Luca

    Io tutti questi interventi di salvataggio in mare, montagna, grotte ecc. gli sanzionerei con multe superiori ai 10.000 euro o quanto meno addebiterei l’intero costo a loro, visto che per la loro imprudenza il non rispetto di regole , avventurarsi spesso con la consapevolezza che il tempo non sarà dei migliori mette a rischio altre vite umane e comunque il costo di navigazione o di volo dei mezzi di soccorso sommati a una montagna di ore di straordinario degli operatori ha un costo alto per la collettività specie in una nazione che non riesce nemmeno a garantire una vita decorosa a un disabile, poi deve spendere montagne di soldi per salvare figli di papà o snob pieni di soldi che hanno il loro hobby.


  • giovy

    Oltre al signor pio e al proprietario del motoscavo si ringrazia il Sottocapo prima CL Grieco Ciro il militare fuori servizio.


  • dracula

    Lo vogliamo capire, che queste persone vanno sanzionate, se io resto fermo in mezzo alla strada con l’auto, devo chiamare il soccorso stradale a mie spese, mica mi portano al traino la polizia o i carabinieri, anche perche’ il traino e’ vietato per legge,e allora perche’ queste persone irresponsabili, devono recare un danno alle nostre finanze, e se la devono passare liscia?, la patente nautica deve anche lei essere a punti, e tolta a tutti i deficenti, che non sanno il mare cosa sia………ora basta, Capitaneria datevi una mossa, non fate le multe solo ai pescatori sportivi, che pescano sui porti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi