Cronaca

Cerignola, tentano di derubare camion in un deposito giudiziale

Di:

Container sul porto di La Spezia

Container sul porto di La Spezia (St)

Cerignola – FURTO ieri notte a Cerignola, verso le 2 e 30, nel deposito giudiziale Di Ciomma (Soccorso Aci, autofficina e centro di assistenza), deposito sito in via Manfredonia al chilometro 19+200. Ignoti – probabilmente 5 o 6 persone – sarebbero entrati nel deposito giudiziale dell’autofficina citata, sito nella zona industriale di Cerignola, e dopo aver disattivato l’impianto d’allarme e dell’illuminazione del deposito, nonchè bloccato il guardiano presente, avrebbero sradicato anche l’hard disk (processore utile per la conservazione delle tracce video e audio) presente nelle telecamere site nel deposito per la regolare video-sorveglianza. Il guardiano sito nel deposito sarebbe stata portato dai ladri in aperta campagna, a bordo di una autovettura, e qui abbandonato a circa 2 chilometri dal centro abitato. Per il guardiano qualche giorno di prognosi nel locale ospedale.

I LADRI CERCAVANO LE CHIAVI DEGLI AUTOMEZZI – I ladri avrebbero chiesto al guardiano di consegnarli le chiavi dei camion per portare via i container poggiati sugli stessi automezzi. Ma l’uomo addetto alla sorveglianza avrebbe risposto ai malviventi di non essere in possesso delle chiavi, dato che le stesse erano in commissariato (trattasi infatti di container presenti nel deposito giudiziale dopo un’operazione dello stesso commissariato di Cerignola – vedi in seguito).

I LADRI AVREBBERO CERCATO DI FORZARE L’APERTURA DEI MEZZI – In ogni modo, disinteressandosi del fatto di non essere in possesso delle chiavi, i ladri avrebbero cercato di forzare l’apertura dei camion e dei colli (i pacchi) presenti negli stessi. Verificato lo scarso valore del materiale contenuto negli stessi pacchi (smanicati da lavoro e magliettine per bambine, nonchè materiale pubblicitario) i ladri avrebbero desistito dandosi alla fuga. Ladri che avrebbero agito a volto coperto, con il cappuccio, e qualcuno anche armato di pistola, per il furto programmato degli stessi automezzi.

SUI CONTAINER ERANO STATI POSTI I SIGILLI – Sui container erano stati posti i sigilli dopo il recente sequestro degli agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola, in collaborazione con personale dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Scalo Marittimo di La Spezia e della Squadra Mobile di Foggia, e depositato nell’autofficina citata.

LO SCORSO 18 SETTEMBRE I DUE ARRESTI – I FURTI NEL PORTO DI LA SPEZIA – Si ricorda infatti che lo scorso 18 settembre il commissariato di Cerignola, “al fine di arginare il fenomeno dei furti di numerosi containers di merce di ingente valore asportati prevalentemente dal porto di La Spezia”, aveva sorpreso Giuseppe Stefanelli, pregiudicato di anni 27 e Vincenzo Compierchio pregiudicato di anni 35, mentre gli stessi rientravano a Cerignola a bordo di due autoarticolati di ritorno da La Spezia, carichi di due containers rubati il 15 settembre e contenenti numerosissimi capi di abbigliamento e altra merce in corso di quantificazione di ingente valore commerciale.

I SEQUESTRI DEGLI AUTOMEZZI – Entrambi bloccati e perquisiti i due uomini furono dichiarati in stato di arresto per il furto aggravato degli stessi. In seguito gli agenti avevano rinvenuto e sequestrati nr. 2 autotreni, 2 semirimorchi e una autovettura che si presentavano con il numero di telaio verosimilmente alterato, nonché nr.4 carte di circolazione e nr.2 patenti di guida risultate rubate in bianco presso la MCTC di Foggia il 14.05.2009, compilate con nomi di fantasia, ma applicate le fotografie dei due arrestati. Il valore commerciale complessivo della merce asportata, si era aggirato intorno al milione di euro. I due uomini erano stati associati nel carcere di Foggia, a disposizione dell’A.G. procedente, mentre i veicoli e quant’altro erano stati sottoposti a sequestro ed affidati alla ditta autorizzata.

Redazione Stato, riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi