Manfredonia

Prima dote, assegno mensile di 200 euro per 89 famiglie

Di:

Prima dote, 89 beneficiari nell'ambito territoriale di Manfredonia (st)

Manfredonia – SONO complessivamente 89 le famiglie dell’Ambito territoriale di Manfredonia, comprendente anche i Comuni di Mattinata, Monte S. Angelo, Zapponeta, che potranno beneficiare della ‘Prima Dote per i nuovi nati’, un assegno mensile di 200 euro che, per un periodo non superiore a dodici mensilità, spetterà alle famiglie con figli di età compresa tra 0 e 36 mesi che versano in condizioni di particolare disagio economico.

Il provvedimento giunge al termine di un iter amministrativo partito il 4 marzo 2010 con la pubblicazione del Bando Regionale, che ha visto pervenire 297 domande da parte dei cittadini appartenenti all’Ambito Territoriale di Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo e Zapponeta. In seguito a regolare istruttoria e verifica della documentazione da parte degli Uffici Servizi Sociali e dell’Ufficio di Piano è stata formulata la graduatoria definitiva.

L’importo complessivo erogato dalla Regione Puglia è di 194.309 Euro. Il Coordinamento istituzionale dei quattro comuni ha stabilito di elargire il 50% della somma complessiva spettante a ciascuna famiglia in unica tranche impegnando una somma pari a 97.354 euro, vincolando la famiglia all’utilizzo delle somme assegnate nel rispetto di quanto concordato con gli assistenti sociali; pertanto degli 89 beneficiari, 73 riceveranno subito una somma di 1200 Euro, mentre a 16 famiglie toccherà una somma che va da 400 a 900 Euro. La restante parte del budget sarà erogato alle famiglie previa acquisizione da parte del Servizio Sociale della documentazione della spesa attestante l’utilizzo delle somme ricevute secondo quanto indicato nel piano attuativo.

“Non si tratta di semplice sussidio economico – spiega Paolo Cascavilla, Presidente del Coordinamento istituzionale e Assessore del Comune di Manfredonia – , ma di un sostegno rivolto a coloro che hanno scelto di accogliere una nuova vita nel proprio ambito familiare. La Prima Dote, infatti, concorre a rimuovere i possibili ostacoli, anche di natura economica, relativi alla presenza in famiglia di minori molto piccoli, e perciò più bisognosi di cure e attenzioni e il piano concordato con i Servizi sociali prevede che il beneficio venga utilizzato proprio in funzione dei nuovi nati”. Sarà cura di questo Ente tornare sull’argomento, durante la prossima settimana, per rendere nota la tempistica secondo cui, i beneficiari ammessi alla riscossione dell’assegno di Prima Dote, potranno provvedere a ritirare la somma loro attribuita.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • puffetta 79

    Bene,qualcosa di positivo!!!! Almeno mi auguro che queste famiglie a cui viene attribuito questo contributo sia davvero in gravi condizioni economiche………….perchè poi come sempre chi ne usufruisce altro che,magari lavorano entrambi i genitori e non dichiarano nemmeno ciò che guadagnano,e poi chi ne ha realmente bisogno che fa??? Si arrangia,come sempre!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi