Cronaca

Riordino Province, Pastore: “La Bat non sia presa come capro espiatorio”

Di:

Consorzi di Bonifica, interrogazione Pastore (barlettalife.it)

Il consigliere regionale Franco Pastore (fonte image: barlettalife.it)

]Bari – “IL governo è severo con la nostra provincia, con la Barletta–Andria–Trani. La si vuole far passare come un accordo – agglomerato di natura politico–amministrativa, come un compromesso di poteri e spartizione di essi. Così non è, la Bat non diventerà in Italia il simbolo delle Province da abolire. Questo non solo non sarebbe giusto ma neppure vero. Gli esponenti del governo che hanno voluto liquidare la nostra Provincia come il peggiore esempio di questo ente nel Paese dimenticano il ruolo di autodeterminazione avuto dal territorio nella sua istituzione, ruolo che è stato fondamentale, che non è stato ignorato allora, quando la Bat è nata, nel 2004, e che spero non sarà ignorato ora”.

Riordino province, Curto : “ il caos e’ vicino” .
“Com’era facilmente prevedibile, a Brindisi l’eccessiva politicizzazione del dibattito relativo al riordino delle Province ha prodotto un risultato oltremodo negativo che, probabilmente, peserà come un macigno sui futuri sviluppi della materia: la defezione di tutti i rappresentanti politici ed istituzionali del centrodestra all’invito rivolto dal Presidente della Provincia a partecipare all’incontro odierno”. Lo dichiara l’ex senatore Euprepio Curto, consigliere regionale di Futuro e Libertà, che però ha ritenuto di essere presente all’iniziativa.

“In effetti – ha dichiarato Curto – ferma restando l’autodeterminazione dei singoli partiti su come interpretare il confronto politico, non vi è dubbio che regola generale vorrebbe che non si disertassero mai gli inviti. E’ questione di bon ton, principio valido anche quando si tratta di inviti di diversa natura, come lo sono, ad esempio, gli inviti a partecipare ai congressi dei partiti”. “Devo però ammettere – ha proseguito Curto – che forse qualche attenuante va riconosciuta quando la polemica politica, che dovrebbe essere sempre di natura generale, finisce per materializzarsi nell’esatto opposto “.

Al di là di queste considerazioni – ha poi detto Curto -, un dato comunque è emerso con tutta evidenza: e cioè che non vi è nessuna certezza che la disponibilità di Taranto a riconoscere il ruolo di capoluogo anche a Brindisi resti tale ove l’attuale provincia messapica non sia nelle condizioni di escludere l’ipotesi di fuga verso Lecce o Bari da parte di molti suoi comuni”. “ Come dire – ha concluso Curto – che, come nel gioco dell’oca, siamo ritornati a quel punto di partenza temuto da Futuro e Libertà che, proprio prevedendo tale ipotesi, aveva suggerito l’Ente brindisino promotore a verificare preliminarmente l’adesione di tutti e venti comuni al progetto di accorpamento con Taranto. Che si sia tenuto conto del suggerimento non so dire. Ma non vi è alcun dubbio che il nodo ( e che nodo!) è venuto al pettine “.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi