ManfredoniaMonte S. Angelo
Il Comune di Monte Sant'Angelo che è commissariato, perciò non espressione del Popolo Sovrano, non ce l'aveva la bandiera a lutto

L’esempio mancato. A Monte si ritarda col Tricolore

È possibile che nessuno dei tre Commissari Prefettizi Straordinari e dirigenti si siano ricordati di tal evento?

Di:

Foggia, martedì 20 settembre 2016. Come molti italiani sono a conoscenza ieri, 19 settembre 2016, per il Belpaese è stato un giorno di lutto. Difatti a Roma, nella parrocchia di San Saturnino Martire, sono stati celebrati i funerali in forma privata del Presidente emerito della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. In concomitanza con le esequie, è stato rispettato il lutto nazionale, con le bandiere a mezz’asta su tutti gli edifici pubblici. Fin dalle prime ore mattutine, in pratica da quando si aprono gli uffici ovvero alle 08:30, ogni palazzo istituzionale, Comune compreso è come previsto dal protocollo dell’Ufficio Cerimoniale di Stato, ha issato il Tricolore a mezz’asta con tanto di nastro nero. Il Comune di Monte Sant’Angelo che è commissariato, perciò non espressione del Popolo Sovrano, non ce l’aveva la bandiera a lutto.

Solo dopo le ore 11:15 qualcuno, sicuramente dopo esser stato avvisato, ha ritenuto opportuno farlo e senza listarla con il nastro nero. La foto testimonia quanto affermò giacché ieri erano le ore 08:40 e in Piazza Roma, sede comunale di Monte, non v’è traccia del Tricolore a mezz’asta. Grave, molto grave la mancanza delle istituzioni supplementari volute dall’attuale Governo.

È possibile che nessuno dei tre Commissari Prefettizi Straordinari e dirigenti si siano ricordati di tal evento?

Grave, e lo ripeto, molto grave specie laddove un Governo ha ritenuto sovvertire la volontà popolare con una scelta istituzionale dal retrogusto politico e che dovrebbe dar buon esempio anche in queste occasioni. Del resto non è da tutti dar il buon esempio.

(a cura di Nico Baratta)



Vota questo articolo:
18

Commenti


  • tommaso

    chiunque ha scritto sta cosa…. ma pensate ai veri problemi di Monte.. non a ste cavolate….


  • GIMMI

    OTTIMO ARTICOLO, E BRAVO ANCHE PER AVER DENUNZIATO ALL’OPINIONE PUBBLICA QUESTA GRAVE MANCANZA DA PARTE DEL COMUNE DI MONTE, COMUNE COME TUTTI SANNO E’ DIRETTO DAI COMMISSARI PREFETTIZI (n. 3) DA PIU’ DI UN ANNO.
    E’ MAI POSSIBILE CHE TRE COMMISSARI, TRE UOMINI DELLE ISTITUZIONI, NON SI SIANO RICORDATI DEL LUTTO NAZIONALE? SINCERAMENTE NON MI STIPUSCO PIU’ DI TANTO. ORMAI CI HANNO ABITUATI ALLE LORO FREQUENTI MAGRE FIGURE…


  • gianna m.

    bravo Baratta per il coraggio che hai avuto nel denunciare questo grave fattaccio, che in un paese normale (tra questi non è inclusa l’Italia) dovrebbe portare alle dimissioni dei responsabili. questo purtroppo è solo l’ennesima figuraccia della gestione commissariale!

  • Ma questo articolo dice bugie! Scandaloso che si dia voce a persone false!

  • Questo articolo sovverte il buon senso e la legalità. A Monte la sovranità popolare ci è stata restituita grazie al commissaria mento, prima ci era negata! VERGOGNA PER QUESTO ARTICOLO!

  • MI DISSOCIO DA CHI SCRIVE UN ARTICOLO SIMILE, A QUALCUNO DA FASTIDIO CHE A MONTE È TORNATA LA LIBERTÀ E I VECCHI AFFARISTI NON COMANDANO PIÙ .

  • QUELLA NON È NEPURE LA SEDE DEL COMUNE, MA CHE MINCHIATE SONO QUESTE PER FAR PIACERE AI VECCHI GOVERNANTI SCIOLTI PER MAFIA!

  • KE CAVOLATE E BANDIERE A LUTTO! DI GENTE NE MUORE TUTTI I GIORNI E NESSUNO DICE NIENTE E ORA X UN EX PRESIDENTE DI REPUBLICA KE NEGLI ANNI 80-90 HA FATTO PIU’ DANNI DEL TERREMOTO (PAROLE DI MATTEO SALVINI KE CONDIVIDO PIENAMENTE) SI DOVREBBE FERMARE IL MONDO INTERO?PENSATE ALLE COSE SERIE X FAVORE!!!!!!! VIVA I COMMISSARI!!!!!!!!


  • Gino

    Solo dei poveracci come alcuni commentatori sopra (a proposito è sempre lo stesso commentatore che cambia nome ma neppure si accorge che si tagga da solo) può dare ragione a Salvini. E per giunta non conoscete la storia. Viva Ciampi e bene ha fatto chi ha fatto notare che anche se c’era il lutto nazionale non è stata messa la bandiera luttata.

  • Salve, io nei miei articoli ci metto faccia e firma, mentre molti dei commentatori non lo fanno e si celano dietro pseudonimi. Non avete le palle. E ve lo dico a viso aperto, specie a chi so chi commenta (sempre lo stesso e dello stesso gruppo) e che lo fa per posizioni politiche. Chi fa politica deve, e non dovrebbe, metterci la faccia generos(amente). Chi vuol intendere, intenda. Fare giornalismo è anche, anzi soprattutto, denunciare situazioni animale, che piacciono o meno. Io lo faccio senza badar a colori e casacche in quanto la libertà d’espressione sta nel coraggio di farla con nome, cognome e faccia. Ad Maiora!

  • A questo “giornalista” vorrei chiedere perché è contro i commissari e noi montanari e mai scrive articoli contro la mafia

  • Poi sappiamo bene chi “sforna” questo genere di articoli a Monte. Abbia il coraggio di parlare di mafia e non di persone oneste che fanno il loro dovere e bene!


  • Giuliana

    Purtroppo a Monte il vecchio sistema che era di tipo mafioso ha ancora tanti fiancheggiatori e i portavoce, si incontrano per stada e si sentono le cose che dicono e si capisce subito che difendono i vecchi interessi, ma oggi hanno meno peso che prima e la gente semplice li riconosce e non li apprezza e non vuole che tutto torna come prima e quindi le piccole polemiche non interessano a nessuno e anzi fanno capire che la strada per vivere in un paese normale è lunga ma adesso finalmente siamo sulla strada buona.


  • Palo

    Il percorso per far tornare la legge a Monte è duro poi poche persone hanno nostalgia di quando avevano il potere e quindi commissionano questi interventi alla cavolo ma sentono cosa dicono i montanari di questi vecchi tromboni che vogliono tornare al potere con l’inganno e tante falsità?


  • Povero PD

    Ahahahahah, la mafia si combatte con la Cultura, visto il modo di scrivere dell’antimafia dei commentatori direi piuttosto di tornare alle elementari, figuriamoci poi se vi chiedessi (non è una parola straniera è un congiuntivo) dove sta la mafia a Monte! Il parcheggio comunale da chi è gestito? Ops dalla ditta che aveva vinto l’appalto con i -il cimitero da chi è gestito? Ops dalla ditta che aveva vinto l’appalto con – il servizio acqua a macchia da chi è gestito? Ops dalla ditta che aveva vinto l’appalto con -i co.co.co. che -vevano tenuto al Comune con secondi fini dove sono? Ops sono stati reintegrati ai loro posti, le interdittive antimafia? Ops il TAR Puglia le ha annullate e adesso gli stessi soggetti “interdetti” hanno la gestione del campo sportivo ( senza gara, per affidamento diretto), la cava di Cassano? Ops tenuta dalla stessa impresa che c’era con “i mafiosi”, i capo settore? Ops sempre gli stessi, gli immobili comunali occupati abusivamente? Ops sempre occupati abusivamente, i parcheggiatori abusivi? Ops sempre lì al solito posto… poteri continuare all’infinito ma, siccome siete degli analfabeti funzionali, mi fermo tanto non capirete. W i Commissari, W la legalità W il nuovo clima che si respira! Andate a prendere la corriera al nuovo capolinea..va…va

  • carissimo gino conosco un solo poveraccio e quello sei tu! tu stimi ciampi io no! quelli come lui sono gente ke hanno svenduto il nostro paese secondo il mio pensiero e kredimi conosco la storia (non come te) visto ke la insegno! se ti servissero ripetizioni sono disponibile!!!!comunque ricorda ke tutti i presidenti della republica sono esemplari durante il loro mandato ma non si può dire lo stesso nel resto della vita (come ogni politico o bankiere italiano ke sia)

  • Rispondo a “Monte” che non ci mette la faccia, né il nome, solo uno pseudonimo che non fa onore a Monte, che amo e che mi onoro di portare avanti nei miei articoli. Egregio occultato signor “Monte” (tanto occultato non lo è e so che dico… , ma lasciamo le cose come stanno, almeno in chiaro sui canali giornalistici), il sottoscritto ha scritto di mafia, di malaffari, di tangenti, di combriccole affaristiche che hanno incancrenito la provincia di Foggia, si informi, anzi faccia una bella e approfondita ricerca sul web e ritornerà sulla sue parole. Ho ricevuto “inviti” leggeri e minacce, ma non demordo, perché mordo anche io. Io non ho nulla contro i commissari. Il mio impegno giornalistico è quello di smascherare politiche che hanno obbligato a commissariare Monte Sant’Angelo. Non ho nulla contro i Montanari che mi onoro di essere amico e spesso ben accolto. Non dica corbellerie solo per mere finalità politiche. Legga i miei articoli su Monte e sul Gargano, tanti negli anni e poi si renderà conto della mia linea a favore di Monte Sant’Angelo, non di chi la vorrebbe usurpare e riportare a confini culturali e legali un tempo invalicabili. Sig. “Monte” (la continuo a chiamare così giacché ha scelto di essere anonimo ai lettori, non a me), si documenti, please, e lo faccia con onestà intellettuale e non affinità politica verso chi la vorrebbe riavere ad ogni prezzo. Le ricordo che a me dei colori e casacche non frega nulla, come non frega nulla se qualcuno commissiona articoli, non è il mio caso, io scrivo liberamente ciò che studio e non solo penso, perché il giornalismo serio si basa anche sullo studio delle carte, e non sulle ipotesi qualunquiste dei sottoboschi mistificati da facili tessere e amichevoli concessioni. Mi stai Bene. Ad Maiora!


  • Piero

    Ma che articolo è questo ??? Ma a cosa vi aggrappate fate pena, cosa non si fa per un pezzo di pane montanaro e per compiacere gli amici…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati