"Il nosocomio sanseverese, manterrà il servizio di Cardiologia con Utic ed Emodinamica h24"

Piano riordino Puglia, parziali modifiche per Lucera e San Severo

"Sono soddisfatto - ha commentato De Leonardis - perché sono state superate le principali criticità emerse dopo la presentazione del Piano di riordino presentato al Ministero"

Di:

Foggia. Importanti novità per gli ospedali ‘Lastaria’ di Lucera e ‘Masselli Mascia’ di San Severo, per i quali il presidente del gruppo Area Popolare, Giannicola De Leonardis, aveva presentato degli emendamenti al Piano di riordino varato dall’esecutivo regionale, discussi oggi in III Commissione, presente il direttore del Dipartimento Sanità Giovanni Gorgoni. Per quanto riguarda la struttura lucerina, non potrà ritornare alla classificazione di ospedale di base perché “salterebbe l’impianto complessivo del Piano e verrebbe cassato dal Ministero”, ha spiegato Gorgoni, ma è stata accolta la richiesta di De Leonardis della dotazione aggiuntiva di 20 posti letto di Medicina, ma non per Oncologia, perché mancano i servizi parallelamente offerte da strutture quantomeno di primo livello. Oncologia potrà comunque contare su 14 posti in day service (sempre oggetti di apposito emendamento) per garantire assistenza e cure in loco senza lo stress di ulteriori spostamenti verso altre strutture.

Per quanto riguarda il nosocomio sanseverese, manterrà il servizio di Cardiologia con Utic ed Emodinamica h24, con passaggio dalla classificazione CU a CUE (anche se il numero complessivo di Emodinamiche in Puglia è elevato rispetto ai parametri fissati dal Ministero. Ma il governo regionale manterrà quelle previste nella definitiva stesura del Piano, che verranno sottoposte a successive verifiche sugli effettivi volumi ed esiti). Ancora, accolti gli emendamenti per 4 posti in Oncologia (Struttura semplice), per il ritorno di Rianimazione (Struttura semplice) a 8 posti dai 6 previsti dalla prima stesura della bozza di Piano, per 4 posti (2 più 2) per Pediatria e Neonatologia.

“Sono soddisfatto – ha commentato De Leonardis – perché sono state superate le principali criticità emerse dopo la presentazione del Piano di riordino presentato al Ministero, che non solo provocavano forte apprensione nelle comunità locali, ma rischiavano di disperdere un patrimonio di professionalità e strutture diventato negli anni un riferimento importante e di assoluta qualità”.

FOCUS OSPEDALE MANFREDONIA (ARTICOLO 30.03.2016)

Manfredonia. P.O. San Camillo di Manfredonia: classificazione “ospedale di base” per un totale di 135 posti letto: 8 reparto Cardiologia, 20 Chirurgia generale, 24 medicina generale, 16 ortopedia e traumatologia, 15 psichiatria, 20 recupero e riabilitazione funzionale, 4 riabilitazione cardiologica, 4 riabilitazione respiratoria, 10 Gastroenterologia, 14 Lungodegenza. Così dalla Deliberazione della Giunta regionale n. 161 del 29 febbraio 2016 “Regolamento Regionale: “Riordino Ospedaliero della Regione Puglia ai sensi del D.M.70/2015 e della Legge di stabilità 28 dicembre 2015, n.208. Modifiche e integrazione del R.R. n.14/2015”.

31 i posti letto per la Casa di cura privata San Michele di Manfredonia, tutti di geriatria.

LA DELIBERA INTEGRALE – 161/2016 – PIANO RIORDINO OSPEDALIERO PUGLIA

———————————————————————————————————-
FOCUS PRECEDENTI POSTI LETTO – DICHIARAZIONI SINDACO DI MANFREDONIA – GOVERNATORE EMILIANO

L’ATTO INTEGRALE – Adozione piano ospedale RR 36/2012, “156 posti letto per Manfredonia” (SLIDE)

Piano riordino, Riccardi: Manfredonia conserva una buona struttura ospedaliera di base

“Il 29.02 piano riordino sanità definitivo: in Capitanata da 5 a 4 ospedali, 3 di base”

Allegati

Redazione Stato Quotidiano.it RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Manfredonia ridotta dai ns,politici schiava in catene dei napoletani

    E il nostro Ospedale?

  • E Manfredonia ? la città che meritava più attenzioni ??????


  • Lettore

    Leone, Bordo, Gatta, il supersuffragato Campo, Riccardi, Romani, Magno, Fiore, Conoscitore che ci dicono sul nostro ospedale?

  • E MENO MALE CHE PER L ORTOPEDIA SONO STATI ASSEGNATI 16 POSTI LETTO ED ACHIUSO UN REPARTO CON 2 SOLI ORTOPEDICI PER TUTTO IL PERIODO ESTIVO LA REGIONE QUESTO LO SA CHE L OSPEDALE SAN CAMILLO DI MANFREDONIA VERSA IN QUESTE CONDIZIONI ALMENO METTETE ANCHE UN GINECOLOGO REPERIBILE LA NOTTE PER CHI E IN ATTESA E NON A MOLTE VOLTE IL TEMPO DI ANDARE O A FOGGIA O A SAN GIOVANNI E SE CAPITA DI NOTTE CHE NON CE IL SERVIZIO DI GINECOLOGIA CHE SUCCEDE SE CE UN URGENZA CHE ARRIVA DA VIESTE AD ESEMPIO UN EMMORAGIA O SE SI ROMPONO LE ACDUE E LA DONNA NON HA IL TEMPO PER ARRIVARE AD UN OSPEDALE CHE DISTA ALMENO 25KM ALLA REGIONE QUESTO NON INTERESSA A LORO INTERESSA FARE TAGLI PER AUMENTARSI I VITALIZI E GLI STIPENDI QUESTA E L ITALIA ANZI CHIEDO SCUSA E IL SUD DOVE LA SANITA OLTRE CHE IN PUGLIA STA ANDANDO ALLO SFASCIO NON CE NEMMENO IL LAVORO PER I GIOVANI NOI ABBANDONATI


  • Politici sipontini inutili

    MANFREDONIA, è idonea solo per ospitare i 12 bomboloni lunghi oltre cento metri pieni di gpl che nessuno al mondo avrebbe mai accettato! Neanche la Somalia!


  • Manfredonia schiava di tutti

    QUELLA CHE UNA VOLTA ERA L’ORGOGLIO DEL GARGANO, CHE ERA LA FUCINA DEI SIPONTINI ORA E’ LA FUCINA DI CERIGNOLANI, FOGGIANI E SANGIOVANNARI CON CERTIFICAZIONE DELLA PROVINCIA DI NAPOLI E NAZIONALITA’ DEL WUMAIT!


  • l'anticristo regna sovrano a Manfredonia.

    S.E. l’arcivescovo Castoro è pregato di intervenire “fattivamente” per la tutela della salute delle pecore del suo greggio. Sia lodato Gesù Cristo.


  • A Manfredonia ci vuole Cesare Mori

    Insomma x poter diventare sipontino ci vuole la vecchia vammana? Che tristezza..


  • ignazio

    Partorite in casa. Vogliamo ragazzi nati a Manfredonia. Ostetriche appena laureate sarete le vammane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati