Foggia
"Nella nota Landella si sofferma sulla impellente urgenza di approvare la proposta di delibera per il Consiglio Comunale per Concessione ventennale inerente alla Pubblica illuminazione"

Delibera. Mainiero a Landella “La fretta fa fare i figli cecati”

"Peccato che Landella non ricordi, non solo in conferenza dei capogruppo scende dalle nuvole ma addirittura evidenzia la scorrettezza della tecnostruttura per non averlo informato"


Di:

Foggia. ”“La fretta fa fare i figli cecati”, così recita un detto foggiano e ne è la rappresentazione metaforica di quanto accade al Comune di Foggia ai tempi di Landella Sindaco.

Accade a Foggia infatti che un Sindaco, parliamo sempre di Franco Landella, in data 07/09/17 prot. N. 88530 richieda al Presidente del Consiglio in tutta fretta la convocazione del Consiglio Comunale per licenziare degli accapo già oggetto della seduta consiliare del mese di Luglio 2017, “ad horas” recita la nota, SIC!

Nella nota Landella si sofferma sulla impellente urgenza di approvare la proposta di delibera per il Consiglio Comunale per Concessione ventennale inerente alla Pubblica illuminazione, appellandosi al pericolo imminente della caduta dei pali, alla Corte dei Conti, insomma la delibera già licenziata da lui e dalla sua Giunta i cui profili di illegittimità furono ampiamente evidenziati, per Landella s’adda approvare così Giuseppe Mainiero capogruppo di Fratelli d’Italia- Alleanza Nazionale al Comune di Foggia.

Peccato, continua il Consigliere, che a Landella le “ciambelle non vengono mai col buco”, infatti, come si evince dal verbale della Conferenza dei Capogruppo, il Sindaco chiede la Convocazione ad horas del Consiglio Comunale per il giorno 14 settembre, perché successivamente impossibilitato per motivi personali, richiesta avvallata da tutta la sua maggioranza, evidentemente frettolosa di licenziare l’accapo della pubblica illuminazione, a cui la stessa maggioranza non aveva garantito i numeri pochi giorni prima, in pratica sull’accapo della “pubblica illuminazione” ritrovano la compattezza smarrita, Fiat Lux!

La Maggioranza tenta un blitz, che non gli riesce, infatti il Consigliere Marasco evidenzia in sede di Conferenza come lo stesso procedimento fosse strato riaperto dal dirigente Affatato il 4 agosto, al fine di sanare la illegittima esclusione della Selettra srl, procedimento che lo stesso dirigente riapre su espressa autorizzazione di Landella il 3 agosto 2017.

Peccato che Landella non ricordi, non solo in conferenza dei capogruppo scende dalle nuvole ma addirittura evidenzia la scorrettezza della tecnostruttura per non averlo informato.

Il fatto drammatico, al di là della comica circostanza del non ricordare un procedimento espressamente dal lui autorizzato, è il fatto che quella delibera, già palesemente illegittima, porta in dote altri vizi. Infatti non risulta essere stata mai ritirata – quindi tuttora efficace-, ma addirittura si è tentato di farla votare, con grave pregiudizio per l’Ente. Un Ente che, da un lato riapriva un procedimento chiedendo alla Selettra srl di perfezionare la sua offerta, e dall’altro ometteva di notiziare sul punto il Consiglio Comunale, del tutto ignaro della intera vicenda. E non poteva che essere ignaro in quanto colpevolmente tenuto all’oscuro dal Sindaco, dall’assessore al Ramo e dal Dirigente, i quali tutti si sarebbero ritrovati a dover licenziare un accapo illegittimo, con grave pregiudizio dell’Ente. Tutto ciò in ragione di una più che probabile richiesta di risarcimento danni, conclude Mainiero. Il consigliere di Fratelli d’Italia sul punto notizierà Il Prefetto per il grave episodio lesivo delle prerogative del Consiglio Comunale e chiederà al Presidente del Consiglio Comunale che Landella riferisca in Aula”.

Delibera. Mainiero a Landella “La fretta fa fare i figli cecati” ultima modifica: 2017-09-20T16:53:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This