GarganoManfredonia
"Una rilevazione oggettiva esige un ritorno alle origini"

Grano “Osservare prezzi alla produzione e non allo stoccaggio”

"Certo l’ideale sarebbe disporre di una banca dati statistica più ampia che in tempo reale possa dare più trasparenza sugli indicatori macroeconomici"


Di:

E’ stato chiaro il messaggio di Confesercenti e GranoSalus dopo l’incontro alla Camera di Commercio di Foggia per esaminare le criticità della Commissione preposta alla valutazione del mercato del grano. I meccanismi di rilevazione vanno aggiornati tenendo conto dell’evoluzione del mercato e delle rinnovate esigenze dei produttori e consumatori.

Una rilevazione oggettiva esige un ritorno alle origini: la Camera di Commercio deve osservare i prezzi alla produzione non quelli allo stoccaggio, che spesso prendono in considerazione solo gli scambi tra commercianti. I consumatori, invece, esigono che nel mercato globale la quotazione tenga conto dei tenori qualitativi che riguardano la salute pubblica. Non solo tenore proteico o peso specifico o colore, ma soprattutto livello dei contaminanti.

Se in Capitanata il grano è privo di queste sostanze, che anche in piccole dosi fanno male alla salute, appare quanto mai necessario avviare una classificazione della qualità coerente con gli standard internazionali e che ponga la piazza di Foggia al centro degli scambi internazionali. A tal proposito anche la rilevazione dei prezzi internazionali potrebbe aiutare i commissari, attraverso un collegamento con l’Agenzia delle Dogane.

Certo l’ideale sarebbe disporre di una banca dati statistica più ampia che in tempo reale possa dare più trasparenza sugli indicatori macroeconomici. Una funzione questa che solo la Commissione unica nazionale (CUN) può assolvere e che a Foggia, purtroppo, stenta ad arrivare in quanto Coldiretti e Italmopa non hanno ancora comunicato la loro volontà al Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari.

FONTE www.granosalus.com

Grano “Osservare prezzi alla produzione e non allo stoccaggio” ultima modifica: 2017-09-20T03:05:49+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • cittadino

    Mentre certuni discutono sul come, quando e quanto…., a noi ignari consumatori, ci viene propinato tanto e di più di porcherie, che piano piano ci portano alla tomba pur avendo pagato il prodotto e tenuto in essere un certo sistema produttivo, industriale e fatto lavorare tante persone.
    Un po di rispetto e gratitudine ci dovebbe essere riconosciuta o no, ma a volte ci si trova di fronte a personaggi senza scrupoli, che guardano solo al vil denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This