Manfredonia

Gatta: “una commissione d’inchiesta su tutte le assunzioni in Regione”


Di:

Il consigliere regionale del Pdl Giandiego Gatta (Ph: A.Del Vecchio-ST)

Manfredonia – “DOPO le tante e documentate denuncie sugli abusi nella gestione del personale, opportunamente richiamata anche dall’Associazione della Stampa, si nomini subito una commissione d’inchiesta che verifichi la legittimità degli incarichi di consulenza, i contratti a tempo determinato, i co.co.co, gli stage e comunque tutte le assunzioni a qualsiasi titolo fatte dalla Regione Puglia e dalle società collegate negli ultimi 5 anni”. A chiederlo è il Consigliere regionale PdL, Giandiego Gatta, vice presidente della V Commissione Consiliare che auspica “l’adesione di tutti i gruppi consiliari che dovrebbero convenire sull’opportunità di un chiarimento di fondo sulla gestione del personale. La rabbia dei giovani pugliesi può essere lenita solo in presenza di buon governo. Etica e morale non solo vanno enunciate ma prodotte in tutti gli atti”.

Sanità, Surico:”Il governo Vendola smetta di giocare sugli equivoci”. Ricorso all’assistenza indiretta per abbattere le liste d’attesa, valutazione dei carichi di lavoro e redistribuzione del personale dei comparti ospedalieri interessati alla chiusura o già chiusi per riorganizzare il sistema e fornire servizi efficienti: queste le proposte che il consigliere e vice coordinatore regionale di Fli, Giammarco Surico, mette in campo e sulle quali invita ad un confronto l’assessore alla Sanità, Fiore.

“Al problema, ormai intollerabile ed insostenibile, dell’allungamento delle liste d’attesa negli ospedali pubblici pugliesi va posto immediato rimedio con una iniziativa forte e che, soprattutto, dia dei risultati”, chiosa Surico, componente della Commissione Sanità del Consiglio regionale della Puglia, “I pannicelli caldi apposti dalla giunta Vendola sono evidentemente insufficienti, se, nonostante l’obbligo di fornire, entro le 72 ore dalla richiesta, il servizio di diagnostica per le prestazioni urgenti, i cittadini pugliesi continuano a dover aspettare anche due anni per una prima visita. Ormai è chiaro che il sistema sanitario pubblico, travolto dal caos politico-amministrativo della gestione fallimentare dei due governi Vendola, non può riuscire, da solo, in questo momento, a rispondere alla legittima domanda di salute che viene dalla popolazione. Si faccia, dunque, ricorso”, propone l’esponente di Futuro e Libertà, “all’assistenza indiretta, dando la possibilità al cittadino che non riesce ad ottenere una prestazione entro sei mesi, naturalmente nei casi di comprovata urgenza e della prima visita – in molti casi decisiva per individuare patologie gravi sul nascere e farvi fronte in maniera risolutiva – di rivolgersi altrove, ottenendo poi il rimborso sulle prestazioni eseguite in altre strutture”.

Nel contempo, secondo Surico, non si può continuare a giocare sugli equivoci del caos. “E’ urgente e assolutamente necessario”, dice, “fare una ricognizione seria dei carichi di lavoro, in modo che si consenta una utilizzazione a regime delle tecnologie disponibili, che ponga fine a strane forme di depressione a macchia di leopardo su Tac o Risonanze magnetiche, tanto per fare un esempio, come le aveva definite lo stesso Vendola sei anni fa, ma che sono ancora qui a mostrare debolezza, contraddizioni e incongruenze di un sistema ancora da riformare”. “Mi chiedo e chiedo, inoltre, al governo regionale”, conclude il consigliere di Fli, “come mai non si proceda, in base alle necessità territoriali, alla redistribuzione del personale di quelle strutture ospedaliere interessate alla chiusura o già chiuse. Non mi risulta sia stato fatto ed è assurdo che non si faccia, ottimizzando così risorse e lavoro, quando le gravi carenze di personale in alcuni reparti strategici, denunciate dagli stessi direttori generali delle Asl pugliesi, stanno mettendo a serio rischio l’erogazione dei livelli essenziali di assistenza. Una situazione gravissima che richiederebbe la massima attenzione alla definizione di un quadro complessivo quanto mai chiaro e reale”.


Redazione Stato

Gatta: “una commissione d’inchiesta su tutte le assunzioni in Regione” ultima modifica: 2011-10-20T09:00:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This