Manfredonia

Tagli sanità, Bordo: “Non rassegniamoci ad un destino già scritto”


Di:

Bordo: "fondi per Alta Velocità fermi al Governo Prodi"

On. Michele Bordo (St)

Manfredonia – “LA pessima gestione della crisi finanziaria ed economica da parte del Governo e i ritardi della Regione Puglia hanno messo seriamente a rischio l’universalità del diritto alla salute: il pilastro del welfare che sta cadendo sotto i colpi di tagli e licenziamenti”. Michele Bordo, deputato del Partito Democratico, dopo aver sollevato in Parlamento il tema della ‘emergenza sanità’ in Puglia, insieme ai colleghi pugliesi, lancia l’allarme su quanto accadrà “quando scadranno i contratti a tempo determinato di migliaia tra medici e paramedici e si dovrà chiudere la metà delle strutture sanitarie complesse: un destino a cui non possiamo rassegnarci”.

Una prospettiva aggravata dalle previsioni per il 2012: riduzione di 400 milioni del fondo per la sanità pugliese e taglio di 4.000 posti di lavoro nelle aziende sanitarie pubbliche e private.

“Il Governo nazionale, dopo aver contribuito con gravi responsabilità alla chiusura di oltre 50 ospedali – continua Bordo – sta provando surrettiziamente a ridurre ulteriormente i costi della sanità pugliese bloccando l’indispensabile turn over del personale.
E poco importa se così facendo si svuoteranno strutture appena realizzate e costate milioni di euro, si elimineranno servizi realizzati con il concorrente sacrificio delle comunità locali, si ridurranno drasticamente i livelli qualitativi del servizio fornito.
La chiusura dei reparti di ‘Pronto Soccorso’ è, probabilmente, l’effetto più simbolico di questo accanimento sulla spesa sanitaria: non sarà più garantita l’assistenza tempestiva ed efficace in casi emergenza. Le più che legittime proteste dei cittadini e dei sindaci, al pari delle sfiancanti trattative tra Regione e Governo, non hanno prodotto alcun risultato. E’ arrivato il momento di affermare con maggiore forza e decisione la necessità di garantire il diritto alla salute – conclude Michele Bordo – è arrivato il momento di attivare una seria mobilitazione delle istituzioni locali, regionali e nazionali per ottenere risultati urgentemente tangibili a tutela della dignità dei cittadini a partire dalle deroghe governative al blocco del turn over, per garantire i livelli essenziali di assistenza, e l’attivazione di un tavolo di concertazione tra Regione ed Enti locali per affrontare l’emergenza”.


Redazione Stato

Tagli sanità, Bordo: “Non rassegniamoci ad un destino già scritto” ultima modifica: 2011-10-20T10:10:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • krick

    ma si vota? sembra propio di si interventi contro la propia maggioranza dai si vota alla camera è evidente


  • Eleonora

    certo che si vota!NOn l’ahi capito dal tono di urgenza delle parole del deputato?
    A volte ritornano no (titolo di un film)? E sperano che il porcellum rimanga altrimenti non venogono messi nemmeno in lista!


  • krick

    è vero sono solo queste le occasioni attraverso le quali si fanno vivi forse non sarebbero neanche eletti se non ci fosse il porcellum speriamo che le cose cambino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This