Sono stati deferiti alla Procura della Repubblica due soggetti

“Sorpresi in flagranza di reato” in foresta, deferiti 2 cacciatori a Monte

Il selvatico, già eviscerato e scuoiato, è stato sequestrato e consegnato presso l’Istituto Zooprofilattico di Foggia per le analisi del caso


Di:

Foggia. Continua l’attività repressiva nel Parco Nazionale del Gargano al bracconaggio da parte dei Carabinieri Forestale della Stazione Parco di Umbra.

Durante il servizio di vigilanza in data 15/10/2017 nel complesso di Foresta Umbra, in agro di Monte Sant’Angelo, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica due soggetti, R.M. e P.F., sorpresi in flagranza di reato.

Dopo un lungo appostamento si intercettavano i due cacciatori, i quali anche se in regola con la documentazione venatoria, venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per esercizio venatorio,
introduzione di armi e munizioni in area 1 del P.N. del Gargano, nonché abbattimento di selvatico in periodo non consentito. Ai due rei sono stati sequestrati due fucili da Caccia semiautomatici con relativo munizionamento, pari a quaranta cartucce, e il selvatico già eviscerato e scuoiato.

Lo stesso è stato sequestrato e consegnato presso l’Istituto Zooprofilattico di Foggia per le analisi del caso.

“Sorpresi in flagranza di reato” in foresta, deferiti 2 cacciatori a Monte ultima modifica: 2017-10-20T10:38:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
14

Commenti


  • Franco

    Ma come si fa ad uccidere un daino…


  • Elettore Pd (bordocamporiccardi)

    Cosi si difende la fauna del parco nazionale del Gargano?
    Bravi Carabinieri della Forestale ora fateli passare l’anima dei guai a sti bracconieri!


  • colon incazzato

    Perchè non pubblicate nome e cognome e magari le loro foto?


  • Alfonso

    Disgraziati!!Sequetrateli le armi toglieteli il porto d’armi e fategli 100 mila euro di multa cadauno.

  • un daino no misieraccia !!!!! toglieteli i portadarmi e fategli una bella multa !!!! oltre al carcere a mio modesto avviso!!! servirebbe da deterrente per altri furbi


  • Il merlo maschio del Papone

    Nomi, cognomi e foto per meritata gogna pubblica.


  • Carlo

    Si tratta di un cinghiale, non daino.


  • Pas pas

    Menomale che ci siete voi a commentare perché altrimenti l’ignoranza si sarebbe estinta o avrebbe fatto la fine del cinghiale


  • Angelo

    Hanno sbagliato il luogo e il periodo ed e giusto che paghino il loro sbaglio ma non riesco a capire tutto questo accanimento da finti ambientalisti non hanno mica ammozzato una persona e poi si tratta di un cinghiale vorrei vedere se le salsiccie non ve le mangiate 😆.


  • Pas pas

    Su questo concordo ma su certe parole di persone che non hanno nemmeno riconosciuto che animale è no


  • Pas pas

    Su questo concordo ma su certe parole di (persone) non riconoscono un cinghiale da un daino no


  • Pas

    Su questo concordo ma su certe parole di persone che non hanno nemmeno riconosciuto che animale è no


  • Tex Willer

    Se è inibita la caccia al cinghiale rimangono sempre bracconieri o no?
    Se poi la caccia al cinghiale e autorizzata allora hanno preso anche i forestali un colossale abbaglio.


  • Educatore

    Ottimo lavoro, forestale,vogliamo nome cognome per intero e foto,di questi assassini del nostro amatissimo parco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi