ManfredoniaVieste

“Traditi da ASL e Regione: appello al Sindaco per salvaguardare il Pronto Soccorso di Vieste”


Di:

Foggia. ”Il Comitato per il Mantenimento e Potenziamento del Pronto Soccorso di Vieste lamenta il mancato rispetto degli accordi e degli impegni presi lo scorso 11 aprile nell’incontro tenutosi nella casa comunale viestana.

In quella sede si doveva discutere del mantenimento o meno del Punto di Primo Intervento di Vieste ed invece si è trattato esclusivamente dell’organizzazione sanitaria estiva rinviando le altre decisioni a settembre.

Nelle interviste rilasciate dopo l’11 aprile, infatti, le parti specificavano che già ai primi di settembre ci sarebbe stato un nuovo incontro per affrontare il problema P.P.I. e altre criticità della sanità viestana.

Siamo ormai giunti a fine ottobre e solo dopo un nostro appello il Direttore Generale Asl Foggia, Dott. Vito Piazzolla, ha chiarito che né da Foggia e né da Bari viene riconosciuto il problema sanità di Vieste.

Sia il Dott. Vito Piazzolla che l’Assessore Regionale Raffaele Piemontese sono quindi venuti meno agli impegni presi ed hanno tradito spudoratamente il nostro territorio.

Nel frattempo alle gravi e già denunciate mancanze delle prestazioni specialistiche ambulatoriali (neurologia, neuropsichiatria infantile, cardiologia, odontoiatria, urologia, ecc.) si è aggiunta l’assenza della ginecologia che costringe le nostre donne in gravidanza a costose visite private o a disagevoli viaggi verso S. Giovanni Rotondo o altre mete.

Ci appelliamo quindi a Lei Sig. Sindaco, vista anche la specifica delega alla sanità, affinché si faccia piena luce sulla gravità di tutte le questioni sollevate e venga urgentemente convocato un nuovo tavolo non istituzionalizzato ma aperto tra la ASL Foggia, la Regione Puglia, Sindaco, Giunta e questo Comitato e possibilmente con la partecipazione degli operatori sanitari che meglio conoscono le problematiche e le esigenze del nostro territorio.

Si ricorda che secondo il piano di riordino regionale dal 1° gennaio 2018 il Punto di Primo Intervento sarà soppresso e viste le incredibili e gravi carenze anzidette si rischia il collasso del sistema sanitario viestano.

Il Comitato ritiene invece che il Punto di Primo Intervento ci spetti di diritto in quanto il nostro Comune rientra tra quelli disagiati e non possa essere ulteriormente penalizzato.

Non permetteremo quindi di farci scippare questo bene così prezioso.

Rimaniamo in attesa di un positivo riscontro confidando che la problematica sanitaria possa finalmente entrare con precedenza assoluta tra le tematiche politiche di questa città perché la sanità rimanga ancora un diritto di ogni cittadino viestano”.

Il Presidente del Comitato Pro Mantenimento e Potenziamento del Punto di Primo Intervento di Vieste
Avv. Vincenzo Disanti

“Traditi da ASL e Regione: appello al Sindaco per salvaguardare il Pronto Soccorso di Vieste” ultima modifica: 2017-10-20T20:00:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • ernesto

    ormai i politici e i manager sono senza orecchie vanno per la loro strada, il nostro territorio sempre più martoriato e violentato, non ci sono più ospedali, scuole, lavoro, servizi essenziali per la popolazione. allora di che cosa stiamo parlando? organizziamoci con cortei e manifestazioni mandiamo a casa questi personaggi, ladri di poltrone


  • AntonioPio

    La vera rovina , sia economica che lavorativa, dell’Italia e’ dovuta alla classe Politica di incompetenti, corrotti e ladr…
    con i loro vitalizi rubat..
    Con il riordino sanitario, non hanno fatto altro che togliere il diritto di curarsi a tutti quei cittadini che non abiano nei grossi centri urbani.


  • il dauno

    Anche l”ospedale di Manfredonia ormai è poco più di un pronto soccorso, mente a Casarano la gente si ribella, protesta fortemente noi della provincia di Foggia ci facciamo abbindonlare da un gruppetto di politici che pensano ai fatti loro e non quella della popolazione e poi quando andiamo al voto li premiamo pure..
    la colpa è nostra principalmente nostra che diamo il voto a gente che non lo merita affato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi